0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

1654Risultati per "semi di lino"

0
Dolcetti di granola con gocce di cioccolato
29
Prendete una tortiera delle dimensioni di 24x24 cm. e foderatela con della carta da forno, coprendo anche i lati per facilitarvi la rimozione del dolce a cottura ultimata.Mettete l'avena, il riso soffiato e i semi di lino in una ciotola capiente.Sciogliete il miele, l'olio di oliva e zucchero di canna in un pentolino. Portate a ebollizione e lasciate cuocere per 1-2 minuti. Fate attenzione a sciogliere bene il miele e lo zucchero. Non abbiate fretta. Mettete da parte a raffreddate per un minuto.Versate il composto di miele nella ciotola. Mescolate con un cucchiaio di legno fino a che non sia tutto ben amalgamato e poi raschiate lungo i lati con una spatola di gomma. Mescolate il tutto con le mini gocce di cioccolato.Trasferite il composto nella tortiera foderata. Strappate un piccolo foglio di carta forno e mettetelo sulla parte superiore. Premete con le mani per appiattire il tutto.Riponete la granola in frigorifero per circa 1-2 ore o fino a quando non è solidamente compatta. Dopodiché prendetela dal frigo e sollevate la base tramite le 'maniglie' della carta forno e tagliatela a quadrotti.Per conservare gli avanzi, avvolgete l'intera tortiera o riponete i quadrotti in un contenitore ermetico in frigorifero.
1
Piadine vegane, in due ingredienti
42
Pesa in una ciotola la farina di ceci, dopodiché aggiungi poca alla volta l'acqua (attenzione a non metterla tutta insieme o rischi di creare i grumi) continuando a mescolare con la forchetta. Aggiungi un pizzico di sale.Ungi appena una padella antiaderente del diametro che vuoi abbiano le tue piadine, e togli l'eccesso d'olio con la carta da cucina. Quando sarà calda aggiungi la pastella roteando la padella in modo da formare uno strato sottile (un po' come si fa con le crepes); cuoci a fuoco medio-basso finché non riuscirai a staccarla e la superficie risulterà dorata. Termina la cottura dall'altro lato.
2
Rustiche con scampi e calamari su crema di piselli
38
Tritare la cipolla e metterla a soffriggere in una casseruola con due cucchiai di olio, una volta imbiondita unire i piselli e allungare con il brodo vegetale e lasciar cuocere a fuoco lento per circa sei minuti.Frullare al mixer e poi passare la crema di piselli al colino in modo che risulti omogenea. Ripassare la crema a fuoco basso per due minuti aggiungendo l'olio che avrete aromatizzato con salvia, rosmarino e aglio.Tagliare in due, per la lunghezza, le code di scampi e a listarelle i calamaretti. Saltarli in padella con due cucchiai di olio per circa due minuti. Unire i pomodori e lasciar cuocere per alcuni minuti. Poi togliere dal fuoco e aggiustare di sale e pepe.Cuocere le reginette in abbondante acqua salata e scolare al dente. Ripassarle in padella con il condimento preparato. Stendere un velo di crema di piselli sul fondo del piatto da portata e disporre al centro le reginette con la salsa di scampi e calamaretti. Guarnire con prezzemolo tritato e servire.
3
Piatto random
Pulire i funghi , tagliarli e rosolarli in padella con aglio, prezzemolo vino bianco e succo di 1 limone per quindici minuti circa. Lavare e tagliare i pomodori e metterli in un piatto. Tritare due cucchiai di semi di lino in un frullatore per qualche secondo e spolverarli sui pomodori . Infine aggiungere i funghetti trifolati e il piatto è servito. Condire il tutto con olio evo e un pizzico di sale.
4
Gingerbread vegani
25
Inizia creando "l'uovo vegetale": polverizza i semi di lino con un frullino, aggiungi due cucchiai dei 65g di latte, mescola e lascia riposare per 10-15 minuti. Puoi anche mettere tutto insieme e passarlo al minipimer. I semi di lino servono da collante in mancanza di uova; possono essere sostituiti dai semi di chia che pare abbiano una maggiore azione legante, non vanno tritati (va solo aggiunta l'acqua) e hanno un leggerissimo gusto di nocciola. Una volta pronto aggiungi il restante latte, il miele e lo zucchero. Mescolando con una forchetta, unisci l'olio. Dopodiché continua con farina, bicarbonato e le spezie; termina con il sale. L'impasto dovrà essere compatto e leggermente appiccicoso. Metti il panetto nella pellicola, ed in frigorifero come una normale frolla per un'oretta circa. Scalda il forno a 175°C. Infarina leggermente il piano di lavoro e stendi poco alla volta la pasta molto sottile; incidi la superficie con il fondo di un vecchio bicchiere e ottieni il biscotto con una tazzina (o più semplicemente utilizza il taglia biscotti che preferisci). Inforna fin quando non cominceranno a dorarsi (circa 10 minuti), e appena cotti falli raffreddare su una gratella. Se lasciati all'aria diventeranno leggermente più morbidi, conservandoli in una scatola di latta manterranno la croccantezza.
5
Spaghetti, crema di peperoni all'arancia e baccalà
41
Lavare bene l'arancia, grattugiarne la buccia e spremerne il succo. Lavare il basilico, asciugarlo e staccare le foglie.Lavare e asciugare i peperoni e metterli in forno a 250° per 25 minuti circa. Farli raffreddare, togliere la pelle e i semi e frullarli con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea, insieme alla buccia e al succo dell'arancia, al basilico (tenerne da parte alcune foglie per guarnire i piatti), alle acciughe e ai capperi. Aggiustare eventualmente il sapore con sale e pepe.Far tostare il pane grattugiato insieme ad un cucchiaio di olio e mettere da parte. Sciacquare e asciugare il filetto di baccalà, poi farlo cuocere in una pentola antiaderente calda per circa 3 minuti per lato. Ridurlo poi in piccoli pezzi. Aggiustare eventualmente di sale e pepe, se necessario.Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. In una pentola capiente trasferire il condimento a base di peperoni e farlo scaldare insieme al baccalà, tenendone da parte qualche tocchetto. Scolare la pasta al dente, basterà un minuto in meno, tengono davvero bene la cottura, e trasferirla in questa pentola. Farla insaporire per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.Impiattare aggiungendo il pesce tenuto da parte, le foglioline di basilico, il pane tostato e concludere con un filo d'olio. Ed ecco che questi meravigliosi spaghetti, con grano selezionato e coltivato completamente in Italia, sono pronti per essere gustati in tutta la loro bontà!
6
Tortini di mandorla e cannella
32
In una piccola ciotola unire i semi di lino e l'acqua, quindi mettere da parte. In una casseruola, scaldare il latte di mandorla e non lasciare che diventi troppo caldo.In un mixer, aggiungere il latte di mandorla, il lievito e lo zucchero. Lasciar riposare per circa cinque minuti o fino a quando non si attiva il lievito. Aggiungere l'olio d'oliva, il miele, la miscela di semi di lino, il sale e la farina integrale. Dare una mescolata con un cucchiaio e accendere il mixer con il gancio per impastare inserito. Iniziare ad aggiungere la farina 00, ¼ di tazza alla volta, mescolando prima di aggiungerne altra.Una volta che l'impasto è pronto, tirarlo fuori dal mixer. Dargli la forma rotonda e metterlo di nuovo nella ciotola del mixer. "Spennellare" con un filo d'olio e lasciar riposare in un ambiente caldo, per 1 ora - 1 ora e mezzo. Trasferire l'impasto su di un piano infarinato e stenderlo formando un rettangolo di 24x36 cm. Versare un filo d'olio sulla superficie e cospargere con lo zucchero di canna e la cannella. Tagliare l'impasto in sei strisce.Disporre le strisce una sopra l'altra e ritagliarle dall'alto verso il basso con uno stampino per muffin. Creare sei tortini. "Spennellare" gli stampini per muffin con olio e riempirli con l'impasto. Coprire e lasciar lievitare ulteriormente.Dopo circa mezz'ora, preriscaldare il forno a 180°. Una volta che l'impasto è lievitato e il forno è alla giusta temperatura, cuocere per 15-20 minuti. I tortini dovrebbero essere duri al tatto e dorati. Togliere dal forno e mangiarli caldi!
7
Insalata di carciofi burrata pugliese e arancia
31
Prima di tutto ci occupiamo dei carciofi, li puliamo eliminando e foglie esterne più dure ed utilizziamo la parte interna più tenera. Tagliamo a metà ogni carciofo, eliminiamo la parte della barbetta e li affettiamo sottilmente. Li mettiamo in una ciotola piena di acqua e fette di limone così non si anneriscono.Puliamo anche l’ arancia ed eliminiamo da ogni spicchio la pellicina sottile (ovvero la peliamo a vivo).Laviamo ed affettiamo anche il finocchio molto sottile. Schiacciamo le noci e sminuzziamo il frutto interno. Laviamo la valerianella e la tamponiamo con un panno di carta.A questo punto sistemiamo la nostra insalata in un piatto da portata quindi a strati più o meno ordinati mettiamo la valerianella e il finocchio, poi gli spicchi di arancia tagliati a metà i carciofi privati dell’ acqua, i semi di lino, le noci ed ultimiamo distribuendo pezzi di burrata. Condiamo con olio extra vergine di oliva e un pizzico di sale.
8
Fusilli “cuore mio” vongole e pesto di melanzane
42
Sciacquate per bene le vongole e lasciatele spurgare almeno per 1 ora in acqua fredda.Preparate il pesto di melanzane: lavate e asciugate le vostre melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Praticate delle incisioni con un coltello su tutta la polpa e infornatele a 200° forno ventilato per circa 20 minuti o finché la polpa non sarà ben ammorbidita.Scavate la polpa delle melanzane con un cucchiaio, lasciatela raffreddare e strizzatela per eliminare l’eccesso di acqua. Tritatela in un mixer con 3⁄4 foglie di basilico, qualche pomodorino, un filo d’olio e i 2 cucchiai di parmigiano fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Se desiderate ottenere una consistenza ancora più vellutata potete passare in un setaccio a maglie fini il pesto. Tenete da parte.Dedicatevi alle vongole. In una padella capiente soffriggete leggermente uno spicchio d’aglio con un filo d’olio, poi aggiungete le vongole. Sfumate con del vino bianco e lasciate che i molluschi si aprano completamente.Sgusciate le vongole lasciandone una manciata per la decorazione e filtrate il loro sughetto che vi servirà, poi, per la mantecatura.Tagliate i pomodorini a dadini piccoli e scaldateli leggermente in una padella con un altro spicchio d’aglio e un filo d’olio.É arrivato finalmente il momento clou della ricetta: l’entrata in scena dei meravigliosi fusilli “Cuore mio” . Lessateli in acqua bollente salata per 10 minuti, mantenendoli al dente. Terranno egregiamente la cottura e saranno ottimi protagonisti del vostro piatto.Scolate i fusilli e saltateli nella padella con i pomodorini aggiungendo il sughetto delle vongole lasciato da parte. Unite anche le vongole sgusciate e 2 cucchiai di pesto di melanzane, mantecando bene i fusilli “Cuore mio “ che cattureranno perfettamente il condimento.In un padellino saltate le briciole di mollica di pane con un filo d’olio fino a che non diverranno dorate e croccanti.É il momento dell’impiattamento: adagiate un cucchiaio abbondante di pesto di melanzane sulla base del piatto, sistemate i fusilli e decorate con le vongole tenute da parte con il guscio e le briciole di pane croccante. Terminate con una fogliolina di basilico e buon appetito!
9
Crackers integrali con mix di semini
4
In una coppa versiamo le due farine, il sale, il pepe e una parte dei semi interi. La restante parte la tritiamo con un macinino da caffè e la uniamo al resto degli ingredienti. I cracker possiamo prepararli a nostro piacimento, scegliendo anche solo alcuni di questi semi o nessuno di essi. Mescoliamo gli ingredienti secchi e al centro creiamo una fontana all’interno della quale aggiungiamo il bicarbonato e l’aceto, dopo la reazione che questi avranno, aggiungiamo l’olio e poco alla volta l’acqua. Impastiamo con le mani per almeno 5 minuti, fino ad ottenere una consistenza morbida ma non appiccicosa.Avvolgiamo l’impasto nella pellicola e facciamolo riposare a temperatura ambiente per 10/15 minuti.Trascorso il tempo, riprendiamo l’impasto e lo dividiamo a metà. Su un piano da lavoro posizioniamo un foglio di carta da forno della grandezza della teglia che utilizzeremo. Stendiamo metà parte d’impasto, aiutandoci con un mattarello, fino ad ottenere una sfoglia di 5 mm circa.Trasferiamo la sfoglia, insieme alla carta da forno sulla teglia. Ora con una rotella dentata creiamo dei quadrati di grandezza più o meno omogenea.Bucherelliamo con una forchetta.Inforniamo per 10/15 minuti in forno statico, preriscaldato, a 200°. Controlliamo la cottura, una volta dorati sono pronti. Dopo che si sono raffreddati possiamo suddividerli in base ai quadrati formati.
10
Crostata rosso girasole
2
Versare nella ciotola della planetaria il burro morbido.Unire lo zucchero e azionare la foglia della planetaria 10 secondi ( velocità 2). unire l’uovo, lavorare altri 10 secondi.Infine aggiungere la scorza grattugiata del limone e la farina, far girare la foglia dell’impastatrice altri 20 secondi. Formare una palla e ricoprire l’impasto con della pellicola trasparente, riporre in frigorifero per almeno 30 minuti. Prima di utilizzare la pasta, lavorarla brevemente con le mani.Adesso preparate la crema : In una ciotola mettete 3 tuorli aggiungete lo zucchero e mescolate con cura usando una frusta.Versatevi quindi la farina setacciata. Unite quindi molto lentamente il latte mescolando la crema con la frusta. Se dovessero crearsi dei grumi, filtratela con un colino.Versate poi la crema in un pentolino antiaderente con un fondo spesso, mescolare di continuo quando la crema giunge a bollore abbassate la fiamma. e aggiungete il limoncello. Continuate a mescolare per circa un minuto e lasciate che la crema si rassodi. Togliete quindi la crema da fuoco e lasciate che si raffreddi. Riprendiamo la nostra frolla dal frigo,stendere la pasta dello spessore di circa 1/2 centimetro, aggiungi in una teglia per crostate imburrata ed infarinata l’impasto. Sopra la base distribuite un foglio di stagnola con dei fagioli,per cuocere uniformemente. Infornare a 180 gradi x 30 minuti. Togli i fagioli e la stagnola lascia cuocere x altri 5 minuti. Appena sfornata lasciatela raffreddare completamente. Trascorso il tempo cospargete la crema sulla crostata, aggiungi le fragole a raggiera lasciando il centro per aggiungere le goccine di cioccolato. Lascia in frigo x mezz’ora.
11
Brioche della nonna ai semi di papavero
38
La sera prima. Nella ciotola della planetaria mettete farina, lievito e i semi di papavero. Iniziate a unire poco a poco l'acqua, quindi, quando l'impasto sarà pronto le tre uova una ad una. Continuate con il miele e l'olio per ultimo. Procedete ad impastare con il gancio sino a che l'impasto non si staccherà completamente dalle pareti della ciotola. Fate lievitare una notte.L'indomani mattina riponete l'impasto, che avrete accuratamente sgonfiato con le mani, sul fondo della cocotte e spennellatelo con l'uovo sbattuto insieme ad un cucchiaio d'acqua. Spolverate con qualche seme di papavero. Fate assestare per circa 20-30 minuti e nel frattempo portate il forno a 220°. Infornate e lasciate cuocere a questa temperatura per dieci minuti circa. Quindi abbassate la temperatura a 190°C e fate proseguire la cottura per altri 30 minuti circa.