0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

114Risultati per "birra"

0
Ciambelline alla birra
2
Su di un piano setacciamo la farina e mischiamola immediatamente allo zucchero e al bicarbonato. Facciamo ora una fontana centrale nella quale andremo a versare la birra e l’olio Impastiamo bene il tutto e utilizziamo i 20 ml di latte per compattare le varie briciole,Formiamo quindi una bella palla omogenea, mettiamola in un sacchetto di plastica da surgelatore e teniamola in frigo un paio di ore.A questo punto riprendiamo l’impasto, rilavoriamolo qualche minuto e andiamo a formare le nostre ciambelline staccando dei pezzetti di pasta e allungandoli a cordoncino.Trasferiamo i dolcetti su una placca ricoperta da carta da forno e inforniamo a 180 gradi in modalità statica per circa 15 minuti.Quindi sforniamoli e lasciamole raffreddare prima di spolverizzarle lo zucchero a velo per renderle più golose.
1
Gnocchi con salmone e birra
18
Mettete le patate con la buccia in una pentola e fatele bollire per circa 40 minuti, dovranno risultare morbide, fate la prova con una forchetta. Sbucciatele e schiacciatele.Versate sul piano da lavoro la farina a fontana, aggiungete le patate e cominciate ad amalgamare. Incorporate l’uovo (togliete parte dell’albume e sbattetelo con una forchetta). Impastate velocemente e con energie fino a formare una morbida pagnotta. Dividetela in striscioline e ricavate vari tocchetti della stessa dimensione. Passateli su i rebbi di una forchetta o utilizzate l’apposito strumento per creare le righe degli gnocchi. Lasciateli riposare sul piano.In una padella aggiungete abbondante burro, senza esagerare ma la quantità necessaria per creare un bel fondo dove far rosolare il salmone tagliato a pezzi. Aggiungete due belle macinate di pepe e fate insaporire. Sfumate con un buon bicchiere di birra e lasciate ridurre il condimento.Quando l’acqua bolle tuffate gli gnocchi e non appena salgono a galla, toglieteli con un mestolo forato e incorporateli nella padella con il condimento.
2
Spezzatino di vitello alla birra
26
1. Pulite le verdure, tagliate la cipolla a mezzaluna, le carote e il sedano a pezzettoni, rosolatele per qualche minuto con l’olio. Unite la carne di vitello tagliata a bocconcini, più o meno delle stesse dimensioni e rosolatela con le verdure da tutti i lati.2. A questo punto coprite con la birra, unite anche il miele e quando comincia a bollire abbassate la fiamma e cuocete per 1 ora a fuoco lento unendo del brodo vegetale quando serve, preparato con acqua, carote, sedano e cipolla.3.Passata il tempo di cottura di un’ora aggiungete le patate a pezzettoni, la salsa di soia, le bacche di ginepro, il sale, il pepe e 1 cucchiaino di fecola di patate. Lasciar cuocere per altri 30 minuti fino a che la carne sarà morbida e si sfilaccerà. Decidete voi quanto sughetto lasciare. Servite caldo o tiepido.
3
Panzerotti alla birra con spinaci e gorgonzola
11
In una ciotola mischiamo le due farine, aggiungiamo 2 cucchiai di olio, un pizzico di sale e tanta birra quanto basta per ottenere un impasto bello morbido…all’incirca 100 ml.Lavoriamo il tutto e andiamo a far riposare la palla ottenuta in frigorifero per un’oretta circa.Nel frattempo pensiamo al ripieno. Facciamo sciogliere il gorgonzola a bagnomaria insieme a 20 ml di birra, quindi mischiamolo agli spinaci cotti e tagliati grossolanamente e insaporiamo gli ingredienti tra loro.Riprendiamo ora il nostro impasto e stendiamolo in una sfoglia sottile porzionandola con un coppapasta.Su ciascuno disco ottenuto mettiamo un cucchiaio di farcitura e chiudiamolo a mezzaluna sigillando bene i bordi.Proseguiamo fino al termine di tutti gli ingredienti. Trasferiamo i Panzerotti alla birra con spinaci e gorgonzola su una teglia coperta da carta da forno e inforniamo per circa 20 minuti a 180 gradi in modalità statica.
4
Fiori di basilico viola croccanti, alla birra
15
Lavate i fiori di basilico velocemente sotto acqua corrente, fredda. Sbatteteli un po’ per fargli perdere un po’ d’umiditá e sistemateli tra due fogli di carta assorbente perché s’asciughino per benino.In una ciotola dai bordi belli alti versate la farina di ceci e gli altri ingredienti asciutti (scorza di limone, sale, pepe di cajenna e noce moscata).Mescolando di continuo con un frustino, aggiungete la birra a filo. Non siate avari d’energia, e date del vostro meglio per mescolare senza sosta e velocemente. Vi aiuterá ad evitare la formazione di fastidiosi grumi.In una padella dai bordi piuttosto alti versate l’olio di semi necessario a friggere comodamente i fiori di basilico. Accendete.Intanto che l’olio si scalda per bene, tuffate i fiori nella pastella e, delicatamente, abbiate cura di ricoprirli di pastella completamente.Adesso, aiutandovi con una pinza, adagiate uno ad uno i fiori impastellati nella padella d’olio bollente avendo cura di non friggerne più di cinque/sei alla volta. Rischierebbero soltanto di attaccarsi fra di loro, o peggio andare a fondo.Rigirateli spesso e, una volta dorati, sistemateli su un foglio di carta assorbente. Procedete cosi fino a finire tutti i fiori.Servite ben caldi e “Crunch!!!”
5
Pettole o popizze (frittelle baresi)
6
Impastare in planetaria,o altro robot da cucina, la semola,oppure la farina,se la si vuole fare solo con questa,prima con un pochino di acqua in cui avrete sciolto il lievito,e poi sempre mescolando aggiungete altra acqua “poco per volta”,deve diventare un impasto molto denso,ma non completamente liquido, cercate di far inglobare aria,infine aggiungete il sale e mettete a lievitare.Dopo la lievitazione,mettete a scaldare dell’olio di arachidi fino a farlo arrivare a temperatura,sui 170°,quando sara’ pronto immergete la parte finale di un cucchiaio nell’olio bollente prima,prelevate un po’ di impasto dalla coppa,e immergete di nuovo il cucchiaio nell’olio e vedrete che l’impasto scivolera’ e cominceranno a friggere.Non prendetene troppo,altrimenti diventeranno troppo spesse ,e potrete correre il richio che all’interno rimangano crude.
6
Focaccia pugliese
1
Lessare la patata e schiacciarla con una forchetta fino a renderla una purea.Mettere in planetaria la farina ed una metà dell’acqua prevista in cui avrete sciolto il lievito,iniziate ad impastare e poi aggiungetevi la patata,proseguendo con l’impasto aggiungete poco per volta il resto dell’acqua dove avrete sciolto il sale,regolatevi in base all’assorbenza della farina,se dovesse servire aggiungetene ancora un po’,per ultimo aggiungete l’olio fate amalgamare bene, ed aumentate Una volta pronto versate l’impasto su un tagliere e cominciate a lavorarlo facendogli delle pieghe,questo sempre per dargli forza,fatelo riposare per qualche minuto e poi trasferitelo in una teglia da 35 cm ben oleata,stendete con le mani oleate su tutta la superficie senza forzare,infatti se dovesse “ritirarsi” l’impasto lasciatelo per qualche minuto e procedete ancora,fate lievitare per 1 ora circa,poi condite la focaccia pugliese soffice con un pochino di salsa di pomodoro.Non deve essere una pizza,mi raccomando,questo trucchetto serve per non far seccare troppo la superficie,mettete i pomodori rotti rigorosamente con le mani,le olive,un pizzico di sale,l’origano ed infine un goccio d’olio,fate lievitare nuovamente,una volta raddoppiato il suo volume,infornate in forno caldo a 200° per 12-15 minuti circa deve diventare dorata.
7
Panini al latte
12
Nella ciotola raduniamo le polveri, se usiamo il lievito in polvere mescoliamolo per prima cosa alla farina, aggiungendo il sale ad ultimo così da non ammazzarlo. Se usiamo il lievito in panetto (3 gr), sciogliamolo in una parte del latte. Aggiungiamo 100 gr di latte e l’olio, cominciando ad impastare con la forchetta o avviando la planetaria a velocità media.Aggiungiamo il latte a filo, sino ad ottenere un panetto morbido ma non appiccicoso. Vi ricordo che la quantità di liquidi non è mai fissa, dipende dal tipo di farina che andiamo ad utilizzare, ci sono farine che richiedono più liquidi ed altre meno, anche se sono dello stesso tipo. Per questo motivo quando si parla di lievitati, vi consiglio di iniziare ad aggiungere circa tre quarti di liquidi sul totale e poi aggiungere il resto all’occorrenza.Una volta ottenuto il panetto, copriamo con la pellicola e lasciamo lievitare in una zona calda per almeno 4 ore. Se aveste premura, aumentate la quantità di lievito (al massimo 3 gr di quello granulare e 7 di quello fresco, altrimenti prende troppo il sapore, come lievitazione direi sulle due orette).Io l’ho messo sullo sgabello vicino al termosifone, ha gradito! Potete anche accendere il forno al minimo per 5 minuti, spegnerlo, controllare che non sia eccessivamente caldo e riporvi la ciotola, chiudendo lo sportello.Ora io li ho voluti fare piccini, poco più piccoli di quelli che si acquistano, vi direi di fare una pezzatura massima di 25 gr, perché tra lievitazione e cottura crescono un poco; ovviamente dipende dalle vostre esigenze. Io ne ho ottenuto 14 da 12gr l’uno.Formiamo le pallette tenendo la chiusura in basso, potete anche “eliminarla” pizzicando l’impasto e lavorandolo tra i palmi come fosse una polpetta, così che siano perfettamente lisce. Sistemiamo a lievitare sulla teglia foderata con carta forno, io li ho lasciati un’ora e mezzo a riposo, coperti con un canovaccio.Scaldiamo il forno a 180°, pennelliamo bene col latte, io ho fatto una doppia passata e quindi inforniamo in forno statico per 10-15 minuti (dipende dal vostro forno, devono essere ben dorati). Lasciamo raffreddare qualche minuto nella teglia prima di spostare su una gratella, sono molto delicati quando sono caldi, fate attenzione!
8
Cornetti - brioches
7
Amalgamare la ricotta con lo zucchero, aggiungere l’olio e continuare ad amalgamare il tutto. Sciogliere il panetto di lievito nel latte tiepido e aggiungere all’impasto. Mescolare bene gli ingredienti.Aggiungere la farina ed iniziare ad impastare trasferendovi su di un piano da lavoro. Impastare fino ad ottenere un panetto morbido e liscio. Coprirlo e lasciarlo lievitare per circa 2 ore. Prendere il panetto lievitato e dividerlo in due (per facilitare il taglio). Con un matterello stendere la metà dell’impasto dandogli una forma rettangolare non troppo spessa. Ora con un coltello ricavare i triangoli tagliando l’impasto dall’alto verso il basso. Arrotolare dalla base fino alla punta e mettere da parte. Da ciascun panetto ottenere 4 cornetti.Adagiare i cornetti su una teglia foderata con carta da forno e coprirli bene lasciandoli lievitare per un ‘altra ora circa. Accendere il forno e lasciatelo riscaldare. Spennellare con il latte la superficie dei cornetti e spolverarli con lo zucchero. Infornare a 180° per 15 minuti.
9
Rosette integrali fatte in casa
1
Prendere l'acqua e sciogliere il lievito Aggiungi la farina e il sale e lavora fino ad ottenere un panetto omogeneo
10
Pane ai tre colori
1° :nella planetaria 200 gr di farina e 5 gr di sale,sciogliere 5 gr di lievito in 70 gr di acqua tiepida aggiungere 30 gr di olio versare il tutto nella planetaria ed impastare fino ad ottenere un panetto morbido.Togliere,finire di lavorare un pochino con le mani e mettere a lievitare. 2°: nella planetaria 200 gr di farina e 5 gr di sale,sciogliere 5 gr di lievito in 60 gr di acqua e 30 gr di olio versare nella planetaria ed aggiungere anche un cucchiaio di pesto.Impastare e mettere a lievitar3°: nella planetaria 200 gr di farina e 5 gr di sale,sciogliere 5 gr di lievito in 60 gr di acqua ed aggiungere 30 gr di olio versare tutto nella planetaria ed aggiungere anche un cucchiaio di concentrato di pomodoro.Impastare come sopra e mettere a lievitare ( nella foto l'impasto con concentrato di pomodoro messo a lievitare) Lasciare lievitare fino al raddoppio del volume. Sgonfiare l’impasto di ciascun panetto con le mani arrotolare e formare dei cilindri.Foderare con carta forno uno stampo da plum cake o utilizzare uno stampo in silicone sempre da plum cake.Trasferire nello stampo il cilindro di impasto bianco,livellarlo con le dita e schiacciarlo un pochino.Aggiungere il cilindro di impasto rosso e premere con le dita.Aggiungere infine il cilindro di impasto verde e ripetere l’operazione. Mettere a lievitare nuovamente fino al raddoppio del volume.Infornare per 30 minuti circa ed una volta cotto lascia raffreddare prima di affettare BUON APPETITO
11
Sfincione di san vito
Iniziamo dal condimento. Affettate sottilmente le cipolle o tritarle  al tritatutto, e porle in una casseruola con acqua sufficiente a coprirle appena. Fatele cuocere fino a che l’acqua non si assorbe completamente.A questo punto aggiungete un pochino d' olio e continuate la cottura per qualche minuto. Aggiungete le acciughe a pezzi per farle sciogliere e la salsa di pomodoro. Aggiustate di sale, unite un cucchiaio di zucchero  continuando la cottura per 20 minuti circa. La salsa dovrà risultare densa. Sciogliete il lievito e lo zucchero nel latte tiepido. Versate  nella planetaria la farina,  aggiungete la ricotta  , il sale ed il latte con il lievito sciolto ed iniziate ad impastare. Fate una palla e mettete a lievitare per un’ora. Quando l’impasto risulterà raddoppiato di volume stendetelo nella teglia e accendete il forno a 200°, nel frattempo avverrà un’ulteriore lievitazione nella teglia. Versate la salsa preparata in precedenza distribuendola sull’impasto. Cospargete con un po’ d’origano.Cospargete lo sfincione col formaggio gratuggiato e infornare a 200° per 20 minuti circa. Si otterrà una consistenza davvero… “sfinciosa”! Infine se lo desiderate prima di portare lo sfincione a tavola lo potete tagliare a pezzi......fate vobis... BUON APPETITO