0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

1562Risultati per "farina di grano tenero tipo 0"

0
Pennoni rigati con melanzane, menta e caciocavallo
11
Pelare per ¾ le melanzane, tagliarle a cubetti, salarle con sale grosso e farle spurgare per almeno mezz’ora. Saltare poi in padella le melanzane con l’olio e l’aglio e poi frullare il tutto aggiungendovi un pò d’acqua di cottura e alcune foglioline di menta.Cuocere i penne rigate Bio in abbondante acqua salata e scolarli al dente. Mantecare la pasta fuori fiamma con la crema di melanzane, aggiungendo il caciocavallo a scaglie. Impiattare e decorare il piatto con le mandorle tostate e foglioline di menta.
1
Torta con amaretti e farina di mais
26
Per prima cosa lavorate il burro morbido con lo zucchero semolato fino ad ottenere un composto spumoso. Unite i tuorli, uno alla volta e mescolate per bene. Sbriciolate gli amaretti (tutti tranne 5) nel robot da cucina. Mescolate le farine con il lievito e gli amaretti in polvere. Unite al composto di burro gli ingredienti secchi, unendo anche il liquore amaretto. Otterrete un composto sodo. Montate i tre albumi a neve ferma, unendo un pizzico di sale. Con una spatola mescolate gli albumi al composto di amaretti, fino ad ottenere un composto omogeneo. Distribuite il composto in uno stampo da 22 cm di diametro (possibilmente a cerniera) imburrato ed infarinato, livellate la superficie e cuocete la torta con amaretti e farina di mais in forno caldo a 175 gradi per circa 35-40 minuti, la torta non crescerà molto. Fate la prova stecchino! Quando la torta è cotta, sfornatela. Fatela riposare 5 minuti nello stampo, poi estraete la torta dallo stampo e fatela raffreddare del tutto su una gratella per dolci. Quando la torta è fredda, spolverizzatela di zucchero a velo e decoratela con gli amaretti tenuti da parte. E’ davvero deliziosa!
2
Nutellotti
33
Frullare 180 gr di Nutella con l'uovo per almeno 2 minuti.Unire la farina lentamente e lavorare con una spatola.Formare un panetto, avvolgere nella pellicola e mettere in frigo per 15 minuti.Formare 20 palline e disporle sulla leccarda rivestita di carta forno.Praticare un foro al centro di ogni pallina con il manico di un cucchiaio di legno.Versare all'interno la restante Nutella con l'aiuto di una sac-à-poche.Cospargere a piacere con granella di nocciole.Cuocere in forno preriscaldato a 160* per 15 minuti.Servire tiepidi.
3
Pain au chocolat veloci senza zucchero nè lievito
43
In una ciotola comincia a tagliere i 200 g burro a tocchetti piccoli, aggiungi i 60 g di farina 0 e lavora con le mani finché il composto non l'avrà assorbito in modo omogeneo. Riponi in frigo.Unisci i 140 g di farina 00, il bicarbonato, il sale e mescola e aggiungi l'acqua bella fredda (il panetto sarà leggermente appiccicoso, ma è normale). Infarina bene il piano su cui lavorerai, e con il mattarello stendi questo impasto non più spesso di 5mm; poi riprendi il composto dal frigo di burro e farina e livellalo su tutta la superficie, lasciando circa 1 cm di spazio dai bordi. Riponi in frigo (o in freezer per velocizzare) finché il burro non sarà più plastico (solido ma "modellabile").A questo punto arrotola l'impasto su se stesso, creando una chiocciola; se le temperature non avranno già reso troppo morbido il burro, gira il rotolo verticalmente di fronte a te, stendi nuovamente, e crea di nuovo il rotolo. Ripeti l'operazione almeno un'altra volta, stando sempre attento che il burro non sia ne troppo morbido (nel caso rimetti in frigo/freezer) ne troppo duro. Più volte ripeterai l'operazione alla giusta temperatura, più sfoglie si creeranno.Mentre l'impasto è in frigo per l'ultima volta, taglia dalle tavolette di cioccolato dei bastoncini lunghi quanto saranno i pain au chocolat. Una volta eseguiti almeno tre arrotolamenti, stendi ad uno spessore di circa 2-3 mm e ritaglia dei rettangoli la cui larghezza sia tre volte l'altezza. Poni ad un'estremità un bastoncino di cioccolato, a circa 2/3 l'altro, e arrotola partendo dal lato con il cioccolato.Adagia tutti i chocolatier su una teglia coperta da carta da forno e rimetti in frigo/freezer finché il burro non sarà freddo: quando sembrerà pronto preriscalda il forno a 180°C. Cuoci finchénon saranno belli dorati in superficie e se vuoi spolverizza con dello zucchero a velo.
4
Gnocchi di piselli al basilico
19
Lessare i piselli in acqua salta per circa un quarto d'ora e frullarli, insieme al basilico, con il frullatore a immersione, fino a ottenere una purea densa e abbastanza liscia.Aggiungere le farine un po' per volta, "finché ne prende", diceva mia nonna, ottenendo un panetto sodo e facilmente lavorabile. Consiglio di aggiungere un pizzico di sale, perché io non l'ho fatto e, sinceramente, ne ho sentito la mancanza!Formare i tipici salamini e tagliarli a tocchetti, premere ogni tocchetto sull'apposito attrezzo, sulla forchetta o sul retro della grattugia formando il buchino al centro e il disegno sopra.Cuocere in acqua salata per un minuto dopo che sono saliti a galla e condire a piacere, io ci ho messo solo un filo d'olio e una generosa grattata di ricotta dura. Buoni :-)
5
Spaghetti, crema di peperoni all'arancia e baccalà
38
Lavare bene l'arancia, grattugiarne la buccia e spremerne il succo. Lavare il basilico, asciugarlo e staccare le foglie.Lavare e asciugare i peperoni e metterli in forno a 250° per 25 minuti circa. Farli raffreddare, togliere la pelle e i semi e frullarli con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea, insieme alla buccia e al succo dell'arancia, al basilico (tenerne da parte alcune foglie per guarnire i piatti), alle acciughe e ai capperi. Aggiustare eventualmente il sapore con sale e pepe.Far tostare il pane grattugiato insieme ad un cucchiaio di olio e mettere da parte. Sciacquare e asciugare il filetto di baccalà, poi farlo cuocere in una pentola antiaderente calda per circa 3 minuti per lato. Ridurlo poi in piccoli pezzi. Aggiustare eventualmente di sale e pepe, se necessario.Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. In una pentola capiente trasferire il condimento a base di peperoni e farlo scaldare insieme al baccalà, tenendone da parte qualche tocchetto. Scolare la pasta al dente, basterà un minuto in meno, tengono davvero bene la cottura, e trasferirla in questa pentola. Farla insaporire per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.Impiattare aggiungendo il pesce tenuto da parte, le foglioline di basilico, il pane tostato e concludere con un filo d'olio. Ed ecco che questi meravigliosi spaghetti, con grano selezionato e coltivato completamente in Italia, sono pronti per essere gustati in tutta la loro bontà!
6
Panini alle olive con il lievito naturale
17
Il primo giorno è quello del rinfresco del lievito. Al mattino, si mescolano 20 gr di lievito con 20 gr di farina di forza e 20 gr d'acqua e si lascia a temperatura ambiente per 6-8 ore. La sera, prima di andare a nanna, si aggiungono altri 20 gr e 20 di acqua e si lascia riposare tutta la notte.Il secondo giorno finalmente si impasta. Si mescolano acqua, malto e lievito e si versano nelle farine, si mescola prima un po' con un cucchiaio di legno e, solo in un secondo momento, il sale, che non deve mai toccare il lievito. Si ribalta sul piano di lavoro e si lavora con le mani - a lungo - fino a ottenere un impasto abbastanza liscio. A questo punto, si inseriscono le olive.Ora si fanno le pieghe di rinforzo o pieghe a tre, per tre volte, a distanza di mezz'ora l'una dall'altra.Una volta terminata la terza piega, il panetto sarà liscio e più elastico, va arrotondato e messo in una ciotola unta d'olio a lievitare in frigo, sotto, nel cassetto delle verdure per 20 - 24 ore, cioè fino al giorno successivo.Il terzo giorno si formano i panini, si lasciano lievitare ancora e si cuociono (e poi si possono anche mangiare!). Si estrae l'impasto dal frigo, si lascia a temperatura ambiente per circa un'ora e poi si taglia in otto pezzi, per formare otto panini. Con le mani, si tirano i lembi del pezzetto di impasto verso l'interno e si preme, poi si capovolge il pezzetto e si stringe la chiusura facendo girare il panino tra le mani.Si mettono i panini sulla leccarda foderata di carta forno, si coprono con pellicola alimentare e si fanno lievitare per altre tre ore e mezza.Si scalda il forno alla massima temperatura per almeno dieci minuti, con dentro un pentolino d'acqua e si infornano i panini, che si fanno cuocere per 5 minuti a 220°, per 10 minuti a 200°, per cinque minuti a 180°, per altri 5 minuti sempre a 180° togliendo il pentolino e lasciano il forno socchiuso e finalmente è fatta! Mi spiace non poter allegare alla ricetta il profumo che invade la casa mentre si cuoce il pane...
7
Focaccia al rosmarino
1
Impastate la farina con un bicchiere di acqua nel quale avete sciolto il lievito fresco. Aggiungete un altro bicchiere d'acqua poi 2 cucchiai di olio ed il sale; impastate energicamente per 10 minuti. Poni in una ciotola un pochino unta d'olio a lievitare per almeno 8 ore coperto da un canovaccio.Stendi l'impasto sulla teglia coperta da carta forno e unta leggermente. Stendi aiutandoti con i polpastrelli e farcisci con 4 cucchiai d'olio, qualche pizzico di sale fino ed il rosmarino. Inforna a 200°C per 25-30 minuti.
8
Farfalle avocado e gamberetti
39
Mettete a bollire l'acqua in una pentola. Nel frattempo, tagliate a metà l'avocado, privatelo del nocciolo centrale, sbucciatelo e tagliate la polpa a dadini. Mettetela ad insaporirsi con il succo di limetta ed una macinata di pepe.Saltate velocemente i gamberi in una padella antiaderente. Quando l'acqua bollirà, calate le farfalle e lessatele per il tempo indicato sulla confezione, scolatele e fatele raffreddare.Scolate l'avocado dal succo di limetta e conditeci le farfalle aggiungendo anche i gamberetti. Vedrete che il composto di avocado, lime e gamberetti si legherà perfettamente alle farfalle grazie alla particolare qualità di questa pasta. Infatti oltre a contenere betaglucano, che riduce il colesterolo nel sangue, la pasta Cuore Mio Granoro rimane sciolta nel piatto in quanto la vera maestria nella produzione della pasta la si testa sui formati lisci che non devono mai attaccarsi tra loro.Date il tocco finale al piatto con qualche fogliolina di menta tritata ed una grattugiata di scorza di limetta e servite!
9
Pacake alla vaniglia con banana caramellata
1
In una terrina sbattete le uova con il frullatore sino a rendere il composto chiaro e spumoso,aggiungete il latte l'essenza di vaniglia e la farina setacciata , il lievito e continuate a frullare finche' il composto non risulterà soffice e liscio.Riscaldate una padella antiaderente e ungetela leggermente con un filo d'olio o poco burro, appena sarà calda aggiungete un mestolo di composto e fate cuocere da entrambi i lati più o meno circa un minuto un minuto e mezzo per lato.Tagliate la banana a rondelle e saltatela per circa un minuto in padella con i due cucchiai di zucchero.Ora che tutti gli ingredienti sono pronti procedete così : prendete un pancake mettete un po' di nutella e le banane e procedete con un ' altro strato allo stesso modo.
10
Pizza battuta
29
Rompere le uova in una planetaria e mescolare con la frusta per un paio di minuti, poi aggiungere lo zucchero ed aumentare la velocità fino a quella massima per circa 8 minuti.Aggiungere la vanillina e poi fermare la planetaria e iniziare ad aggiungere la farina con un setaccio, incorporandola dal basso verso l’alto con delicatezza.Quando avrete incorporato tutta la farina, imburrare uno stampo da forno, o ricoprirlo con la carta da forno e versarci tutto il composto.Mettere in forno per 45 minuti a 180°C, quando sarà cotta, togliere dal forno e lasciare freddare prima di togliere dallo stampo per evitare che si rompa.
11
Pane cottage di paul hollywood
36
Nella ciotola della planetaria col gancio, mescolate farina e lievito. Iniziate a incorporare l'acqua, piano piano. La mollica a fine cottura non risulterà ariosa e ben alveolata ma soffice e compatta, ciò significa che in fase di lavorazione non dovrete ottenere un impasto eccessivamente idratato ma abbastanza sodo e ben liscio, pronto ad accogliere il burro. Unite il sale alla fine.Trasferite la pagnotta in un contenitore ermetico con tappo per circa 18 ore in un ambiente tiepido. Trascorso questo tempo riprendete l'impasto, pesatelo, e cercate di ottenere due parti; la prima, quella un po' più grande, che andrà a costituire la pagnotta ben sferica che starà alla base, e l'altra leggermente più piccola che andrete a posizionare sopra, anch'essa sferica.Infarinate indice e medio della mano, quindi praticate un buco al centro delle due pagnotte, eseguendo l'operazione due volte. Quindi, prendete le due pagnotte sovrapposte con la mano e con l'altra mano munitevi di un coltello ben affilato. Fate dei tagli in modo da aprire delicatamente la pasta partendo dalla pagnotta più in alto fino a quella che costituisce la base. Ogni taglio dovrà essere ben regolare rispetto a quello precedente. Fate riposare nuovamente per un'altra ora circa in ambiente tiepido. Sul fondo della forno, già caldo a 230 °C, ponete una teglia ricolma di acqua calda. Quindi infornate e regolandovi in base al vostro forno procedete con la cottura. Il pane sarà pronto quando "bussando" con le nocche sul suo fondo, sentirete un rumore "vuoto".