0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

6Risultati per "brandy"

0
Strascinati con funghi e cavolfiore
40
Sbollentare per qualche minuto il cavolfiore in acqua salata. Rosolare l’aglio in una padella con un filo di olio extra vergine di oliva ed aggiungere i funghi precedentemente tagliati a fette sottili. Salare e pepare a piacere, aggiungere i pomodori tagliati a tocchetti e lasciar cuocere per qualche minuto ed alla fine aggiungere il cavolfiore.Intanto cuocere gli orecchiette in abbondante acqua salata, scolarli al dente e saltarli con il sugo aggiungendo il prezzemolo tagliato finemente. Questo formato appartiene alla tradizione pugliese e, come da tradizione, tiene perfettamente la cottura.Servire aggiungendo la cipolla imbiondita con l’olio extra vergine di oliva, una manciata di pangrattato tostato con un filo d’olio e del prezzemolo tritato.
1
Pasta al pesto di pistacchio
9
Come prima cosa preparate il pesto di pistacchi mettendoli in un frullatore e macinandoli grossolanamente, quindi aggiungete un pizzico di sale, una macinata di pepe nero fresco e qualche cucchiaio di olio di semi, continuate a frullare finché non otterrete un composto cremoso piuttosto denso.A parte tritate grossolanamente qualche pistacchio per cospargere poi il piatto finito. Mettete in una padella antiaderente la pancetta e fatela rosolare per bene per un paio di minuti, quindi sfumate col brandy.Aggiungete la ricotta insieme ad un pochino di acqua, preferibilmente nel frattempo iniziate a cuocere la pasta così da utilizzarne l'acqua di cottura.Appena la crema di ricotta inizia a sobbollire spegnete il fuoco, aggiungete il pesto di pistacchio e mescolate bene. Fate cuocere la pasta in abbondante acqua salata, quando la cottura sarà ben al dente versate la pasta nella padella con il sugo, aggiungete altra acqua di cottura e saltate il tutto per bene. Impiattate e cospargete con la granella di pistacchio.
2
Sangria di arancia e melagrana
5
Estrarre i semi dalla melagrana (1). Spremere due arance con uno spremiagrumi. Tagliare l'arancia restante in fette sottili, poi tagliarle al centro per creare mezze lune (2).In una brocca, unire il succo di arancia, le fettine d'arancia , i semi di melagrana e il brandy. Per una sapore migliore, lasciar marinare la frutta in questa miscela per un paio d'ore, coperta e raffreddata in frigorifero. (Non preoccupatevi, sarà comunque buona se dovrete servirla immediatamente). Quando si è pronti a servire, versare la sangria nei. Utilizzare un mestolo per versare la sangria e la frutta nei bicchieri.
3
Gnocchi di patate con tonno fresco e pomodorini
4
Prima di tutto, dovremo preparare gli gnocchi di patate, se non li avete acquistati pronti. Per questi gnocchi di patate con tonno fresco e pomodorini, ne ho usati circa 500 gr per 2 persone, un po' tanti ;) voi, ovviamente lavorate in base ai vostri commensali. Per preparare gli gnocchi, lessate le patate in acqua salata, fino a renderle morbide, capirete infilzandole con i rebbi della forchetta. fatele raffreddare e pelatele, passatele nello schiaccia patateMettete tutto su una spianatoia e unite l'uovo e la farina, impastate fino ad ottenere un impasto omogeneoCreate dei salsicciotti e tagliate i vostri gnocchi in pezzetti di circa 2 cm. Passateli su una grattugia rovesciata spolverizzata di farina o sui rebbi di una forchetta, per ottenere le classiche righe comuni agli gnocchiPrepariamo ora il sughetto. In una padella mettete l'olio, l'aglio e fare imbiondire lavate e tagliate a metà i pomodorini e metteteli in padella, fateli appassire leggermente, unite la fetta di tonno, tagliata a cubetti, fatela saltare qualche secondo, sfumate con un paio di cucchiai di brandy e una spolverizzata di peperoncinoLessate gli gnocchi in abbondante acqua salata, appena saliranno a galla, toglieteli dall'acqua con una schiumarola e uniteli in padella, saltateli qualche secondo per farli insaporire e servite... Un piatto unico, davvero invitante
4
Fonduta di formaggio
33
Mettete il vino e l'aglio schiacciato in una piccola casseruola e portate lentamente a ebollizione a fuoco medio. Aggiungete i formaggi tagliati a fettine sottili . Cuocete a fuoco medio, mescolando di tanto in tanto, fino a quando i formaggi non comincino a sciogliersi, (circa 4 minuti).In una piccola ciotola, sbattete insieme l'amido di mais, il brandy e un cucchiaio di acqua fino a quando l'amido di mais non si è sciolto. Aggiungete il tutto al composto di formaggio e continuate a cuocere, mescolando di tanto in tanto, fino a quando il composto non è ben amalgamato, (altri 5 minuti). Condite con sale e pepe e servite subito con crostini di pane, patate bollite, affettati e sottaceti.
5
Spaghetti, crema di peperoni all'arancia e baccalà
38
Lavare bene l'arancia, grattugiarne la buccia e spremerne il succo. Lavare il basilico, asciugarlo e staccare le foglie.Lavare e asciugare i peperoni e metterli in forno a 250° per 25 minuti circa. Farli raffreddare, togliere la pelle e i semi e frullarli con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea, insieme alla buccia e al succo dell'arancia, al basilico (tenerne da parte alcune foglie per guarnire i piatti), alle acciughe e ai capperi. Aggiustare eventualmente il sapore con sale e pepe.Far tostare il pane grattugiato insieme ad un cucchiaio di olio e mettere da parte. Sciacquare e asciugare il filetto di baccalà, poi farlo cuocere in una pentola antiaderente calda per circa 3 minuti per lato. Ridurlo poi in piccoli pezzi. Aggiustare eventualmente di sale e pepe, se necessario.Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. In una pentola capiente trasferire il condimento a base di peperoni e farlo scaldare insieme al baccalà, tenendone da parte qualche tocchetto. Scolare la pasta al dente, basterà un minuto in meno, tengono davvero bene la cottura, e trasferirla in questa pentola. Farla insaporire per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.Impiattare aggiungendo il pesce tenuto da parte, le foglioline di basilico, il pane tostato e concludere con un filo d'olio. Ed ecco che questi meravigliosi spaghetti, con grano selezionato e coltivato completamente in Italia, sono pronti per essere gustati in tutta la loro bontà!
6
Crostatine di zucca speziata
11
Preriscaldate il forno a 190°C e cuocete in forno la zucca, sbucciata e tagliata a pezzettini per mezz’ora.Nel frattempo lavorate il burro a temperatura ambiente con lo zucchero, la farina, l’uovo e un pizzico di sale. Profumate con la scorza grattugiata del limone e ponete l’impasto in frigorifero a riposare per mezz’ora. Trascorso questo tempo, stendete la pasta e rivestite gli stampi delle crostatine, premendo bene sui bordi e bucherellando il fondo con una forchetta. Cuocete in forno preriscaldato a 180°C per 20-25 minuti.Ora preparate la crema: riducete la zucca a purè, incorporate gli altri ingredienti insaporendo con un pizzico di sale e le spezie. Trasferite il composto in una casseruola e fatelo addensare a fiamma dolce. Distribuite la crema di zucca sulle crostatine. fatele raffreddare, spolverizzate con lo zucchero a velo e servitele accanto ad una tazza di tè o a colazione.
7
Clafoutis alle ciliegie
33
Preriscaldare il forno a 180 °. Imburrare e infarinare leggermente una teglia delle dimensioni di 30x21 cm. Spargere le ciliegie e le mandorle sul fondo della teglia.Con una frusta sbattere le uova, lo zucchero e lo zucchero di canna insieme fino a quando non si amalgamano. Sbattere il sale e la farina fino a quando il tutto non diventa omogeneo. Aggiungere il latte, il brandy e l'estratto di vaniglia. Frullare il composto. Trasferirlo nella teglia.Cuocere in forno per 35-45 minuti. Controllare circa a metà cottura se la parte superiore è ben cotta e coprire con un foglio di alluminio. Trasferire il tutto su una rastrelliera perché si raffreddi. Il clafoutis si sgonfierà un po' durante il raffreddamento. Una volta raffreddato, spolverare con zucchero a velo e servire a tavola.
8
Fusilli “cuore mio” vongole e pesto di melanzane
37
Sciacquate per bene le vongole e lasciatele spurgare almeno per 1 ora in acqua fredda.Preparate il pesto di melanzane: lavate e asciugate le vostre melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Praticate delle incisioni con un coltello su tutta la polpa e infornatele a 200° forno ventilato per circa 20 minuti o finché la polpa non sarà ben ammorbidita.Scavate la polpa delle melanzane con un cucchiaio, lasciatela raffreddare e strizzatela per eliminare l’eccesso di acqua. Tritatela in un mixer con 3⁄4 foglie di basilico, qualche pomodorino, un filo d’olio e i 2 cucchiai di parmigiano fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Se desiderate ottenere una consistenza ancora più vellutata potete passare in un setaccio a maglie fini il pesto. Tenete da parte.Dedicatevi alle vongole. In una padella capiente soffriggete leggermente uno spicchio d’aglio con un filo d’olio, poi aggiungete le vongole. Sfumate con del vino bianco e lasciate che i molluschi si aprano completamente.Sgusciate le vongole lasciandone una manciata per la decorazione e filtrate il loro sughetto che vi servirà, poi, per la mantecatura.Tagliate i pomodorini a dadini piccoli e scaldateli leggermente in una padella con un altro spicchio d’aglio e un filo d’olio.É arrivato finalmente il momento clou della ricetta: l’entrata in scena dei meravigliosi fusilli “Cuore mio” . Lessateli in acqua bollente salata per 10 minuti, mantenendoli al dente. Terranno egregiamente la cottura e saranno ottimi protagonisti del vostro piatto.Scolate i fusilli e saltateli nella padella con i pomodorini aggiungendo il sughetto delle vongole lasciato da parte. Unite anche le vongole sgusciate e 2 cucchiai di pesto di melanzane, mantecando bene i fusilli “Cuore mio “ che cattureranno perfettamente il condimento.In un padellino saltate le briciole di mollica di pane con un filo d’olio fino a che non diverranno dorate e croccanti.É il momento dell’impiattamento: adagiate un cucchiaio abbondante di pesto di melanzane sulla base del piatto, sistemate i fusilli e decorate con le vongole tenute da parte con il guscio e le briciole di pane croccante. Terminate con una fogliolina di basilico e buon appetito!