0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

91Risultati per "peperoncino"

0
Risotto cozze e zafferano con fili di peperoncino
2
Puliamo le cozze in acqua, cercando di rimuovere eventuali residui di barbetta dai gusci (io generalmente il grosso lo faccio togliere dal pescivendolo) e le riponiamo sul coperchio del wok in cui dovremmo cuocerle. Nel frattempo nel wok scaldiamo un velo di olio evo con uno spicchio d'aglio. Finito il lavaggio, riversiamo il contenuto del coperchio nel wok e copriamo in attesa che le cozze si schiudano.Non appena le cozze si schiudono, saliamo, pepiamo ed aggiungiamo mezzo bicchiere di vino, lo facciamo sfumare e togliamo dal fuoco. In attesa che le cozze si raffreddino, tritiamo il cipollotto. Non appena le cozze si raffreddano leggermente, le sgusciamo e mettiamo da parte l'acqua di cottura delle cozze, per usarla successivamente nella cottura del riso. Poniamo una noce di burro in un piattino, gli grattugiamo sopra la scorza di un limone e lo lasciamo a temperatura ambiente.Mettiamo il cipollotto in pentola con un velo di acqua, ed aspettiamo che l'acqua si asciughi, quindi aggiungiamo un filo di olio e dopo un minuto circa il riso. Tostiamo il riso per un paio di minuti, dopo di ché iniziamo a tirarlo prima con l'acqua delle cozze e poi con il brodo vegetale. A metà cottura aggiungiamo le cozze (conservandone qualcuna per guarnire il piatto). Ad un paio di minuti dal fine cottura aggiungiamo lo zafferano. Aggiungiamo il burro aromatizzato al limone, copriamo e lasciamo mantecare un paio di minuti. Serviamo spolverando con dell'erba cipollina tritata finemente ed i fili di peperoncino rosso.
1
Vodka martini al peperone rosso
10
Cospargete un piccolo piatto con pepe e sale, passate uno spicchio di limetta attorno ai bordi dei due bicchieri da martini e immergete i bordi nella miscela di sale e pepe.In uno shaker, mixate il peperone rosso, il peperoncino jalapeno e il succo di lime. Terminate quando i peperoni si ammorbidiscono.Aggiungete la vodka, la salsa chili, un paio di giri di pepe nero macinato fresco e un pizzico di sale. Riempire lo shaker con ghiaccio, chiudere lo shaker con il suo coperchio e scuoterlo con forza! Versate il composto nei bicchieri e servite subito.
2
Pasta con piselli gamberi e zafferano
44
Prima di tutto ci preoccupiamo di sgranare i piselli. Li raccogliamo in una ciotola. Mettiamo sul fuoco un pentolino con acqua e sale, non appena bolle versiamo all’ interno i piselli per pochissimi istanti. Laviamo i pomodorini e li tagliamo a metà. In una padella scaldiamo un cucchiaio di olio con lo scalogno sminuzzato. Versiamo all’ interno i pomodorini e lasciamo cuocere. Nel frattempo puliamo le mazzancolle. Eliminiamo testa, zampe, carapace e filamento nero (interiora) e le passiamo sotto l’acqua e li versiamo nella padella insieme ai pomodori. Lasciamo cuocere per qualche minuto e se necessario aggiungiamo un mestolo di brodo. A questo punto inseriamo anche i pisellini e qualche pistillo di zafferano. Mescoliamo bene , togliamo dal fuoco e lasciamo da parte. Cuociamo le pasta in acqua e sale. Non appena al dente le scoliamo e le versiamo in padella insieme al condimento, le mescoliamo affinché possano assorbire e quindi “accogliere” il condimento alla perfezione, grazie alla trafilatura al bronzo.
3
Margarita al pompelmo speziato
25
In primo luogo, preparare il bicchiere. Mescolare il sale e il peperoncino su una piccola piastra. Strofinare uno spicchio di lime intorno al bordo esterno superiore del vostro bicchiere, poi girare il bordo del bicchiere nella miscela di peperoncino e sale. Posizionare un grande cubo di ghiaccio o un paio di cubetti di ghiaccio più piccoli nel bicchiere.In uno shaker, aggiungere il succo di lime e una fettina di peperoncino jalapeño. Schiacciare il peperoncino. Versare il succo di pompelmo, il succo di arancia e la tequila, quindi aggiungere del ghiaccio nello shaker. Fissare il coperchio in modo sicuro e agitare bene.Versare il composto nel bicchiere preparato precedentemente. Guarnire la bevanda con una piccola fetta di pompelmo e una di peperoncino jalapeño, eseguendo un taglio a metà attraverso il centro della fetta, in modo che si appoggi bene sul vetro.
4
Fantasia di primavera: farfalle senza tempo
4
Lavate e sbucciate le melanzane, tagliatele a fettine sottili e cucinatele in una padella antiaderente con un filo di olio extravergine d’oliva e un pizzico di sale. Fatele raffreddare completamente in un piatto.Lavate e tagliate a pezzettini i pomodori ed uniteli in una coppa con il tonno (va bene sia al naturale che all’olio) ben sgocciolato e le melanzane. Condite il tutto con un pizzico di sale, un filo di olio e.v.o e un goccio d’aceto.Lessate le farfalle in acqua salata, scolatele e fuori dal fuoco, sempre nella pentola, amalgamatele con i pomodori, le melanzane e il tonno. A piacere, insaporite con un pizzico di peperoncino in polvere o con mezzo cucchiaino di ‘nduja.
5
Fusilli “cuore mio” vongole e pesto di melanzane
42
Sciacquate per bene le vongole e lasciatele spurgare almeno per 1 ora in acqua fredda.Preparate il pesto di melanzane: lavate e asciugate le vostre melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Praticate delle incisioni con un coltello su tutta la polpa e infornatele a 200° forno ventilato per circa 20 minuti o finché la polpa non sarà ben ammorbidita.Scavate la polpa delle melanzane con un cucchiaio, lasciatela raffreddare e strizzatela per eliminare l’eccesso di acqua. Tritatela in un mixer con 3⁄4 foglie di basilico, qualche pomodorino, un filo d’olio e i 2 cucchiai di parmigiano fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Se desiderate ottenere una consistenza ancora più vellutata potete passare in un setaccio a maglie fini il pesto. Tenete da parte.Dedicatevi alle vongole. In una padella capiente soffriggete leggermente uno spicchio d’aglio con un filo d’olio, poi aggiungete le vongole. Sfumate con del vino bianco e lasciate che i molluschi si aprano completamente.Sgusciate le vongole lasciandone una manciata per la decorazione e filtrate il loro sughetto che vi servirà, poi, per la mantecatura.Tagliate i pomodorini a dadini piccoli e scaldateli leggermente in una padella con un altro spicchio d’aglio e un filo d’olio.É arrivato finalmente il momento clou della ricetta: l’entrata in scena dei meravigliosi fusilli “Cuore mio” . Lessateli in acqua bollente salata per 10 minuti, mantenendoli al dente. Terranno egregiamente la cottura e saranno ottimi protagonisti del vostro piatto.Scolate i fusilli e saltateli nella padella con i pomodorini aggiungendo il sughetto delle vongole lasciato da parte. Unite anche le vongole sgusciate e 2 cucchiai di pesto di melanzane, mantecando bene i fusilli “Cuore mio “ che cattureranno perfettamente il condimento.In un padellino saltate le briciole di mollica di pane con un filo d’olio fino a che non diverranno dorate e croccanti.É il momento dell’impiattamento: adagiate un cucchiaio abbondante di pesto di melanzane sulla base del piatto, sistemate i fusilli e decorate con le vongole tenute da parte con il guscio e le briciole di pane croccante. Terminate con una fogliolina di basilico e buon appetito!
6
Ceci al forno speziati e croccanti
51
Mettete i ceci a bagno la notte prima o almeno per 10 ore. Scolate e lavate i ceci. Portate il forno a 200 gradi. In una ciotola versate ceci , il mix di spezie e il Rosmarino. Trasferite in una teglia ricoperta da carta forno i ceci speziati.Cuocete per 20 minuti a 200 gradi, trascorsi i primi 10 minuti scuotere la teglia e cuocete ancora per il tempo rimasto.Fare raffreddare un po' è vi auguro buon aperitivo.
7
Vellutata di zucca
38
Preriscaldare il forno a 220° e foderare una teglia con carta da forno. Tagliare a metà accuratamente la zucca e ricavarne i semi, mettendoli da parte per arrostirli. Tagliare ogni metà di zucca ancora a metà per farla in quattro parti. Spennellare la buccia della zucca con l'olio d'oliva e posizionare le quattro parti sulla teglia. Arrostire per 35 minuti o più, fino a quando la polpa non è diventata arancione.Scaldate a fuoco medio tre cucchiai di olio d'oliva in una grande teglia o una pentola profonda. Una volta che l'olio inizia a soffriggere, aggiungere la cipolla, l'aglio e il sale nella padella. Mescolare il tutto.Cuocere, mescolando di tanto in tanto, fino a quando la cipolla non è quasi trasparente (circa 8/10 minuti). Nel frattempo, sbucciare la zucca e scartare la buccia. Aggiungere noce moscata, chiodi di garofano, peperoncino e una pizzico di pepe nero appena macinato alla padella, successivamente aggiungere la polpa di zucca. Usare il cucchiaio per rompere leggermente la zucca. Versare il brodo. Portare la miscela a ebollizione, quindi abbassare la fiamma e lasciar cuocere per 15 minuti.Mentre la zuppa cuoce, tostare i semi di zucca in una padella di medie dimensioni a fuoco medio-basso, mescolando spesso, fino a che non iniziano a fare rumore, diventano dorati e fragranti. Dovremmo riuscire ad ottenere semi tostati e teneri, ma non bruciati. Trasferire i semi in una ciotola per farli raffreddare.Trasferire il contenuto della padella in un frullatore. Fissare saldamente il coperchio del frullatore e utilizzare un canovaccio per proteggere la vostra mano dal vapore che fuoriesce dalla parte superiore del frullatore, quindi mescolare il composto fino a che non si incorpori bene. Trasferire la minestra in una pentola. Assaggiare e condire se necessario.Versare la minestra nelle singole ciotole. Cospargerla di semi di zucca e servirla.
8
Spaghettoni al datterino giallo acciughe e guttiau
44
In un pentolino fate dorare con due cucchiai d’olio il cipollotto affettato fine. Quindi unite la salsa di pomodoro (vi consiglio di usare quella di datterino giallo), correggete di sale e profumate con qualche fogliolina di timo fresco. Fate cuocere per circa 15-20 minuti.In abbondante acqua in ebollizione salata fate cuocere gli spaghetti per la metà del tempo indicata nella confezione. Fate finire di risottare gli spaghetti nella salsa. Unite, quasi sul finire, i filetti di acciuga. Porzionate nei piatti, completando con un giro d’olio evo e sfogliette di carasau guttiau.
9
Crostini di formaggio di capra con patate
28
Preriscaldare il forno a 200°. Mescolare insieme le patate tagliate a cubetti, mezzo cucchiaio di olio d'oliva e il sale. Su di una leccarda, distribuire le patate in un unico livello e arrostirle per 25 minuti. Su di una'altra leccarda, mescolare insieme le noci pecan e un pizzico di peperoncino di caienna. Arrostire per 12 minuti, togliere dal forno e lasciare raffreddare.Una volta che le patate hanno terminato la cottura, introdurle insieme al formaggio di capra e a due cucchiai di panna in un robot da cucina. Frullare il tutto fino a che non sia ben amalgamato. Aggiungere altri due cucchiai di panna e azionare il robot fino a quando la miscela non abbia una consistenza compatta.Affettare in quattro fette di pagnotta e tagliarle a metà. Condirle con un filo d'olio d'oliva e riporle sulla griglia del forno. Lasciarle in forno sino a quando non diventano dorate e croccanti (tenere d'occhio questo passaggio perché il pane brucia facilmente).Guarnire crostini con il composto di patate, una spolverata di noci pecan e un po' di rosmarino.
10
Ceviche di capesante e gamberetti
25
Sciacquare i gamberetti e le capesante e asciugarli. Tagliare i gamberetti a metà e le capesante in pezzi di dimensioni simili (ho tagliato le mie capesante in 6 piccoli pezzi). Metterli in una ciotola.Versare il succo di lime e il succo premuto di un limone sulle capesante e sui gamberetti. Aggiungere gli scalogni tritati, il peperoncino jalapeno tritato e l'erba cipollina tagliata a fette sottili. Mescolare il tutto con le mani per combinare. Aggiungere un pizzico di sale e di pepe macinato, mescolare di nuovo, poi coprire ermeticamente con una pellicola trasparente. Mettere in frigorifero per almeno 2 ore. Infine servire.
11
Bavette al ragù di triglie e melanzane
Sbucciamo le melanzane mettendo da parte qualche strisciolina della buccia, e le tagliamo a dadini. Mettiamo i dadini di melanzane in un contenitore. le cospargiamo con del sale grosso e riempiamo il contenitore di acqua. Lasciamo a bagno per mezzora nel corso della quale l'acqua diviene scura. Laviamo e lasciamo scolarePer sfilettare le triglie, rimuoviamo con un paio di forbici tutte le pinne (dorsale compresa), poi pratichiamo una incisione all'altezza della gola, perpendicolarmente al pesce, sino a toccare la spina dorsale, seguiamo la dorsale con il coltello tenendo l'altra mano appoggiata al dorso della triglia. Ottenuti i filetti con una pinzetta rimuoviamo le spine prestando particolare attenzione essendo la triglia un pesce ricco di spine. Laviamo, tagliamo a pezzetti e lasciamo ad asciugare. Tritiamo finemente il prezzemolo, tagliamo a dadini i pomodorini, tritiamo la cipolla e mettiamo da parte. Dopo averle spurgate ed asciugate per bene passiamo alla frittura delle melanzane. Una volta fritte le lasciamo a rilasciare l'olio su carta assorbente. Mettiamo la pasta a cuocere in acqua salta mentre in un saltapasta mettiamo a soffriggere la cipolla, poi aggiungiamo pomodorini e olive. Una volta cotta, trasferiamo la pasta nel saltapasta e incorporiamo le melenzane.