0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

1644Risultati per "ricotta di pecora"

0
Ricotta e pricoca
1
Iniziamo con la "marmellata" di albicocche. Sbucciamo i frutti, li denoccioliamo e li tagliamo a cubetti in un pentolino. A parte mettiamo un foglio di gelatina ad ammorbidire in acqua fredda. Versiamo lo zucchero nel pentolino insieme alle albicocche e riscaldiamo a fiamma bassa per circa un quarto d'ora. Mescoliamo di tanto in tanto con un cucchiaio di legno., poi togliamo dal fuoco e, dopo averla strizzata per bene, aggiungiamo la gelatina. Mescoliamo e lasciamo a riposare a parte.Riduciamo il cioccolato a pezzettini. Versiamo la ricotta in una ciotola, incorporiamo lo zucchero. La quantità dipende dal grado di dolcezza che vogliamo ottenere e da quanto il cioccolato che usiamo è amaro. Una volta ottenuto una crema omogenea, aggiungiamo i pezzi di cioccolato e mescoliamo ancora.In un bicchierino mettiamo la ricotta lavorata e poi la marmellata di albicocche. Lasciamo riposare in frigo prima di servire.
1
Strascinati con funghi e cavolfiore
43
Sbollentare per qualche minuto il cavolfiore in acqua salata. Rosolare l’aglio in una padella con un filo di olio extra vergine di oliva ed aggiungere i funghi precedentemente tagliati a fette sottili. Salare e pepare a piacere, aggiungere i pomodori tagliati a tocchetti e lasciar cuocere per qualche minuto ed alla fine aggiungere il cavolfiore.Intanto cuocere gli orecchiette in abbondante acqua salata, scolarli al dente e saltarli con il sugo aggiungendo il prezzemolo tagliato finemente. Questo formato appartiene alla tradizione pugliese e, come da tradizione, tiene perfettamente la cottura.Servire aggiungendo la cipolla imbiondita con l’olio extra vergine di oliva, una manciata di pangrattato tostato con un filo d’olio e del prezzemolo tritato.
2
Calzone alla ricotta fresca
1
Lavorare la farina con l’acqua e il lievito. Dopo aver lavorato aggiungere un pizzico di sale. Fate un bel panetto, ponetelo in una ciotola e lasciate lievitare per circa due ore. Stendete il vostro panetto una volta lievitato con le mani, formate una forma tonda, farcite una metá con la ricotta fresca e il pepe. Chiudete e rifinite i bordi con la forchetta.Mettete in forno preriscadato a 20o gradi per 15 minuti circa. Vi consiglio di fare un buchetto per fare uscire il vapore, altrimenti potrebbe uscire il ripieno.
3
Torta rustica con cuore cremoso di ricotta
49
Preparate la frolla lavorando insieme dapprima i 115 burro, 100 g di zucchero zucchero e 1 uovo e poi incorporando per ultima la farina con la cannella e il sale. Fate rassodare bene in frigorifero. 30 minuti saranno sufficienti. Quindi prendete la pasta e una teglia con cerniera da 20 cm di diametro. Foderatela di carta da forno, quindi iniziate a sbriciolare sul fondo grossi pezzi di pasta frolla, senza premere troppo, utilizzando poco meno di metà impasto. Seguite allo stesso modo anche sui lati in modo da ricavare una sorta di bordino. Mettete in forno caldo a 175/180°C per circa 10-12 minuti.Preparate la crema. Passate la ricotta, in modo da ottenere un prodotto più fine. Quindi aggiungete 2 uova medie, 80 g di zucchero semolato e la vaniglia in bacca q.b lavorando con una frusta a mano.Quando saranno trascorsi i 10/12 minuti prelevate la teglia dal forno e colate all'interno la crema di ricotta. Quindi ricoprite la crema con altre grosse briciole di frolla in modo da ricoprire lo strato di crema. Rimettete in forno per altri 25/30 minuti circa. Sfornate quando la superficie sarà leggermente ambrata. Lasciate intiepidire su una gratella per dolci prima di servire.
4
Pasta ripiena con ricotta e gamberetti
24
Per la pasta: In un frullatore elettrico frulliamo le uova con la rapa rossa. Su una spianatoia mettiamo la farina e formiamo un buco al centro. Inseriamo poco per volta un cucchiaio di olio e il composto di rapa rossa e aiutandoci con una forchetta facciamo amalgamare il composto per bene. Lavoriamo con le mani l’ impasto per qualche minuto così da ottenere una palla liscia ed omogenea. Avvolgiamo con la pellicola e lasciamo riposare per circa 30/40 minuti.Nel frattempo prepariamo il ripieno, quindi in una piccola padella scaldiamo l’olio con uno spicchio di aglio, versiamo i gamberetti e lasciamo cuocere per 10 minuti. Togliamo dal fuoco e non appena freddi li sminuzziamo con un coltello. In una ciotola uniamo la ricotta, i gamberetti sminuzzati, il tuorlo di uovo, il formaggio, il pizzico di sale e un po’ di pepe.A questo punto infariniamo bene il piano di lavoro, mettiamo il composto ottenuto in una sac à poche e tiriamo la sfoglia più sottile che possiamo. Distribuiamo delle noci di ripieno alla stessa distanza tra loro e copriamo con altra sfoglia. Con uno stampo taglia pasta ricaviamo dei tortelli .Lessiamoli in abbondante acqua e sale e nel frattempo in una padella sciogliamo del burro con semi di papavero. Non appena cotti li scoliamo delicatamente altrimenti rischiamo di romperli e li passiamo in padella. Li passiamo per un paio di minuti e poi impiattiamo immediatamente senza farli rompere.
5
Pennoni rigati con melanzane, menta e caciocavallo
18
Pelare per ¾ le melanzane, tagliarle a cubetti, salarle con sale grosso e farle spurgare per almeno mezz’ora. Saltare poi in padella le melanzane con l’olio e l’aglio e poi frullare il tutto aggiungendovi un pò d’acqua di cottura e alcune foglioline di menta.Cuocere i penne rigate Bio in abbondante acqua salata e scolarli al dente. Mantecare la pasta fuori fiamma con la crema di melanzane, aggiungendo il caciocavallo a scaglie. Impiattare e decorare il piatto con le mandorle tostate e foglioline di menta.
6
Galette salata con ricotta e bietola
27
Preriscaldate il forno a 200°. In un robot da cucina, unite la farina, il burro e un pizzico di sale. Azionate il robot e quando il burro è quasi del tutto incorporato, aggiungete lo stracchino. Una volta che lo stracchino è quasi del tutto incorporato, aggiungete 60 ml d'acqua e azionare il robot fino a quando l'impasto non risulta essere ben amalgamato. Prelevate l'impasto e dategli la forma di un disco (senza lavorarlo troppo). Avvolgetelo nella pellicola e mettete in frigo.Mentre l'impasto si raffredda, scaldate in una padella l'olio di oliva a fuoco medio-basso. Aggiungete le cipolle sminuzzati e lasciatele cuocere per 2-3 minuti. Abbassate la fiamma e aggiungete la bietola sminuzzata. Continuate a cuocere fino a quando la bietola non si è leggermente ammorbidita. Togliete dal fuoco.In una ciotola di medie dimensioni, mescolate insieme la ricotta di pecora, l'albume d'uovo e mezzo cucchiaino di sale. Dopodiché, aggiungete il composto di bietola.Su di una superficie leggermente infarinata, stendete con un mattarello l'impasto fino a dargli una forma rotonda delle dimensioni di 36-42 cm e trasferitelo in una teglia foderata con carta da forno. Trasferite uniformemente il composto di cavolo sulla base dell'impasto e piegate i bordi. Mischiate il tuorlo d'uova e un cucchiaino d'acqua e spennellate i bordi esterni dell'impasto.Infornate e lasciate cuocere fino a quando l'impasto non diventa dorato e il formaggio non si è sciolto (35-45 minuti). Togliete dal forno e lasciate raffreddare leggermente. Tagliate la galette a fette e servite.
7
Pasta al forno con zucca e ricotta
35
Preriscaldate il forno a 220°. Tagliate la zucca a metà ed eliminate i semi. Posizionate i lati tagliati, rivolti verso il basso, in una grande teglia e riempite con 1 cm d'acqua. Cuocete la zucca fino a quando non si ammorbidisce (45-55 minuti). Rimuovete la teglia dal forno e lasciate raffreddare.Mentre la zucca cuoce, portate una pentola di acqua ad ebollizione e salate. Calate i tortiglioni e lasciateli cuocere per metà del tempo di cottura riportato sulla confezione. Scolateli e metteteli da parte. Riducete la temperatura del forno a 190°.Trasferite la zucca in due tazze. Poi mettetela in un robot da cucina con lo scalogno, la salvia, il sale e il pepe. Frullate fino a quando la zucca non risulta bene amalgamata. Quindi, aggiungete i brodo vegetale e frullate fino a quando il tutto non risulta combinato. Prendete due terrine tonde di porcellana. In ciascuna terrina disponete ⅙ del purè di zucca nella parte inferiore. Aggiungete ¼ della pasta, metà della ricotta e ¼ del parmigiano reggiano grattugiato. Cospargete ⅙ del purè di zucca, poi aggiungete metà dei tortiglioni rimasti. Infine, aggiungete metà della mozzarella sminuzzata, ⅙ del purè di zucca e del parmigiano e un leggera spolverata di pepe.Introducete la pirofila in forno e lasciate cuocere la pasta per 25-30 minuti a 190°. Rimuovete la pirofila dal forno assicurandovi che la superficie dei tortiglioni sia ben dorata e la mozzarella sciolta. Serviteli caldi.
8
Fusilli “cuore mio” vongole e pesto di melanzane
42
Sciacquate per bene le vongole e lasciatele spurgare almeno per 1 ora in acqua fredda.Preparate il pesto di melanzane: lavate e asciugate le vostre melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Praticate delle incisioni con un coltello su tutta la polpa e infornatele a 200° forno ventilato per circa 20 minuti o finché la polpa non sarà ben ammorbidita.Scavate la polpa delle melanzane con un cucchiaio, lasciatela raffreddare e strizzatela per eliminare l’eccesso di acqua. Tritatela in un mixer con 3⁄4 foglie di basilico, qualche pomodorino, un filo d’olio e i 2 cucchiai di parmigiano fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Se desiderate ottenere una consistenza ancora più vellutata potete passare in un setaccio a maglie fini il pesto. Tenete da parte.Dedicatevi alle vongole. In una padella capiente soffriggete leggermente uno spicchio d’aglio con un filo d’olio, poi aggiungete le vongole. Sfumate con del vino bianco e lasciate che i molluschi si aprano completamente.Sgusciate le vongole lasciandone una manciata per la decorazione e filtrate il loro sughetto che vi servirà, poi, per la mantecatura.Tagliate i pomodorini a dadini piccoli e scaldateli leggermente in una padella con un altro spicchio d’aglio e un filo d’olio.É arrivato finalmente il momento clou della ricetta: l’entrata in scena dei meravigliosi fusilli “Cuore mio” . Lessateli in acqua bollente salata per 10 minuti, mantenendoli al dente. Terranno egregiamente la cottura e saranno ottimi protagonisti del vostro piatto.Scolate i fusilli e saltateli nella padella con i pomodorini aggiungendo il sughetto delle vongole lasciato da parte. Unite anche le vongole sgusciate e 2 cucchiai di pesto di melanzane, mantecando bene i fusilli “Cuore mio “ che cattureranno perfettamente il condimento.In un padellino saltate le briciole di mollica di pane con un filo d’olio fino a che non diverranno dorate e croccanti.É il momento dell’impiattamento: adagiate un cucchiaio abbondante di pesto di melanzane sulla base del piatto, sistemate i fusilli e decorate con le vongole tenute da parte con il guscio e le briciole di pane croccante. Terminate con una fogliolina di basilico e buon appetito!
9
Un'insolita tarte tatin
31
Tagliate le mele in quattro parti e di ogni parte realizzate delle fettine. Immergetele nel succo del limone spremuto in una ciotola. Nel frattempo preparate il caramello ottenuto facendo andare sul pentolino sino a colorazione 80 g di zucchero semolato con due cucchiai da zuppa di acqua (1/2 cucchiaio di sciroppo di glucosio se poi lo avete).Imburrate abbondantemente uno stampo da 18 cm di diametro a cerniera e colate sul fondo il caramello. Disponete sul fondo a contatto con il caramello le mele a fettine.Mettete la ricotta in un recipiente e lavoratela con i restanti 95 g di zucchero, quindi unite le uova una alla volta sempre mescolando. Fate sciogliere a bagno maria il cioccolato insieme al burro. Incorporate la farina setacciata con il lievito, amalgamando bene il tutto e infine colate il burro e il cioccolato fusi. Quando l’impasto sarà omogeneo, versatelo sopra le mele e il caramello. Infornate in forno preriscaldato a 180° per circa 30 minuti.Quando la torta sarà cotta, sfornatela e lasciatela intiepidire qualche minuto, quindi rimuovete la cerniera dello stampo e rovesciate la torta appoggiandovi su un piatto, rimuovendo il fondo dello stampo con attenzione.
10
Gnocchi di ricotta al pomodoro
31
Fate bollire l'acqua in una grande pentola d' acqua. Una volta che l'acqua bolle aggiungete le patate e abbassate la fiamma a medio-alta. Fate bollire le patate fino a quando non sono facilmente perforabili con una forchetta (circa 25-30 minuti). Scolate le patate, risciacquatele con l'acqua e lasciatele raffreddare mentre iniziamo a preparare il sugo.Scaldate l'olio in una grande pentola a fuoco medio. Aggiungete l'aglio, la cipolla e l'alloro, quindi lasciate cuocere fino a quando le cipolle non sono tenere e leggermente soffritte (circa 7-10 minuti). Aggiungete la polpa di pomodoro e il sale e lasciate cuocere a fuoco medio-basso per un'ora.Mentre il sugo sta bollendo, sbucciate e schiacciate le patate. Su una superficie di lavoro ben infarinata, create un grande cerchio di patate e lasciate un piccolo spazio nel suo centro. Versate la farina e la ricotta sopra le patate mantenendo lo spazio al centro del cerchio libero. Aggiungete le uova al centro del cerchio e iniziare a mischiare tutto insieme.Il trucco per ottenere gnocchi soffici è quello di non lavorare troppo l'impasto. Quindi basta mischiare dolcemente e poi impastare fino ad ottenere un composto omogeneo. Se l'impasto risulta troppo appiccicoso per lavorarlo, aggiungete un cucchiaio di farina alla volta fino a raggiungere una consistenza elastica liscia. Una volta che l'impasto è formato tagliatelo in setto/otto pezzi. Spianate ognuno di essi conferendo la forma di un lungo tronco sottile. Tagliatelo in pezzi di circa 2 cm. Poi spolverate con la farina e trasferite il tutto su uno strato di carta da forno posizionato su una teglia. Cospargete la farina sulla teglia da forno per tenere i pezzi gnocchi distanti fra loro. Coprite la teglia con una pellicola trasparente e conservate il tutto in frigo.Ritornate al sugo una volta che avete assemblato gli gnocchi. Aggiungete il pecorino. Condite con sale e pepe. Assaggiate e regolate i condimenti se necessario.Portate a ebollizione una pentola d'acqua. Una volta che bolle aggiungete il sale e buttate gli gnocchi. Riducete la fiamma a medio-alta e cuocete gli gnocchi fino a che non galleggino (circa 3-4 minuti). Utilizzate un mestolo forato per trasferire gli gnocchi nel sugo. Mescolate delicatamente. Preparate i piatti e condite ciascuno di essi con il pecorino romano.
11
Foglie di lattuga stufate alla ricotta
Da una pianta di lattuga ricaviamo 10 foglie ben integre, laviamole accuratamente, tagliamo ciascuna a metà nel senso della lunghezza per toglie il filamento centrale..In una ciotola lavoriamo la ricotta con la buccia grattugiata di un limone, il parmigiano, il pecorino e infine con i capperi e le olive tritate finemente.Riprendiamo ora la lattuga, ricomponiamo la foglia sovrapponendo le due metà, mettiamo al centro un cucchiaio di ripieno e chiudiamo ad involtino. Proseguiamo fino al termine degli ingredienti.Passiamo alla cottura. Disponiamo gli involtini in un tegame antiaderente, irroriamo con un filo di olio, aggiungiamo un bicchierino di carta di vino bianco e a fiamma molto vivace facciamo stufare il tutto...girando da ambo i lati gli involtini....3 minuti al massimo