0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

6Risultati per "vongole"

0
Fregole alle vongole veraci
11
Per prima cosa, mettere le vongole a bagno in una bacinella (in vero stile marinaro) con il sale grosso, per lasciarle spurgare. Quest'operazione richiede circa sei ore, o in alternativa sciacquarle per un'oretta sotto l'acqua fredda, in modo che perdano la sabbia contenuta all'interno.In una padella far soffriggere nell'olio due spicchi d'aglio e lasciare rosolare il tutto per pochi minuti. Scolare poi le vongole e in un'altra padella metterle a cuocere con due spicchi d'aglio e prezzemolo tritato con un coperchio sopra per facilitarne l'apertura.Aggiungere al soffritto con l'aglio la passata di pomodoro e una punta di bicarbonato per eliminare l'acidità. Successivamente aggiungere il fumetto di pesce. Lasciare insaporire per qualche minuto.Mentre il sughetto si insaporisce estrarre dalle vongole l'interno (a parte qualcuno che vi servirà per le decorazioni finali). Filtrare l'acqua di cottura delle vongole e lasciar decantare. Nel frattempo unire la fregola al sugo e lasciar cuocere. Aggiungere anche 'acqua delle vongole, e se necessario allungare con il fumetto di pesce. Aggiungere anche le vongole, aggiustare di sale. Terminata la cottura decorare con le vongole precedentemente messe da parte e un filo d'olio crudo.
1
Linguine con asparagi e fiori di zucca
37
Pulire gli asparagi, eliminando la parte del gambo più dura. Lavarli e tagliarli a tocchetti. Sbucciare lo scalogno, tritarlo fine facendolo appassire a fiamma media in una padella con l’olio.Unire gli asparagi, salarli e proseguire la cottura per quindici minuti mescolando spesso. Pulire i fiori di zucca ed eliminare il pistillo. Friggerli in abbondante olio caldo per pochi istanti e conservarli in caldo.Sbattere le uova con la panna e il formaggio in una ciotola capiente, mescolando fino a ottenere un composto omogeneo. Cuocere le linguine in acqua bollente salata, scolarle al dente e mantecarle nella padella con gli asparagi, la maggiorana e la crema di uova, panna e formaggio. Aggiungere ad ogni porzione un fiore fritto, pepare e servire.
2
Zuppa alle vongole, claim chowder
27
Il primo passo è la preparazione delle vongole, le quali vanno pulite e messe a spurgare in acqua fredda e sale, tenendole in questa condizione alcune ore, in alternativa è possibile utilizzare vongole surgelate che non richiedono questo passaggio. Mettiamo sul fuoco una padella capiente (io per comodità uso una Wok) con un filo di olio aromatizzato all’aglio e ci aggiungiamo le vongole sfumando con un filo di vino bianco, attendiamo che la parte alcolica evapori e aggiungiamo 450 ml di acqua che lasceremo sul fuoco qualche minuto in modo che i nostri adorati molluschi si aprano.A questo punto scoliamo le vongole mettendo però da parte l’acqua di cottura rimasta in padella (ci servirà in seguito!), le vongole vanno sgusciate ed eliminate se rimaste chiuse. Mettiamo ora a bollire le patate. Completata la preparazione delle vongole mettiamo nuovamente sul fuoco la padella con un filo di olio e ci soffriggiamo il guanciale (o il bacon che sia) unendovi l’alloro e il nostro preparato per il soffritto (aglio, carota, cipolla e sedano)Lasciamo il tutto a fuoco moderato per circa 8 minuti, mescolando di tanto in tanto. Uniamo la farina e la lasciamo colorare qualche minuto (2/3 minuti al massimo), facendo attenzione che non si bruci nulla. Uniamo lentamente quindi il liquido di cottura delle vongole tenuto da parte e aggiungiamo le patate spellate e schiacciate e il timo, lasciando cuocere per una decina di minuti.Uniamo quindi le vongole sgusciate, la panna e il prezzemolo, saliamo e pepiamo a nostro gusto (un buon cuoco deve sempre assaggiare) e portiamo a leggera ebollizione la nostra zuppa in modo che si addensi un pochino, e taac il nostro gustoso piatto d’oltreoceano è pronto. (in caso la zuppa risulti troppo densa possiamo aggiungere un po’ di acqua calda e mescolare fino a densità desiderata).
3
Spaghettini alle vongole con bottarga
26
Portate a ebollizione una grande pentola d'acqua. Aggiungete le linguine e lasciatele cuocere per tre minuti. Termineremo successivamente la cottura della pasta. Nel mentre versate un cucchiaio di olio di oliva in un padella, portate a temperatura e aggiungete il pangrattato, tostatelo e mettetelo. Infine, scolate la pasta, mettendo da parte mezza tazza di acqua di cottura, quindi mettete da parte.In una grande padella a fuoco medio, scaldate l'olio d'oliva. Aggiungete le acciughe, l'aglio e lo scalogno tritati, un pizzico di sale e di peperoncino. Soffriggete per tre minuti fino a quando le acciughe non si amalgamano bene e lo scalogno non inizia a diventare traslucido. Aggiungete il vino bianco e portate a ebollizione a fuoco medio-alto. Lasciate cuocere fino a quando il vino non si riduce di circa la metà, (5 minuti). Successivamente, aggiungete i pomodori pachino tagliati a metà, due cucchiai di prezzemolo tritato, il timo e l'acqua di cottura messa da parte e condite con un pizzico di sale. Fate cuocere fino a quando i pomodori non producono una leggera salsina (10 minuti). Dopodiché, aggiungete le vongole, le linguine e la bottarga e coprite la padella con un coperchio. Lasciate cuocere dai 5 ai 7 minuti o fino a quando le vongole non si aprono. Eliminate le vongole che non si aprono. Terminata la cottura, guarnite con il prezzemolo tritato rimasto, un filo di olio extra vergine di oliva e una spolverata di pangrattato. Servite subito.
4
Gnocchi alle cozze vongole e pomodorini
27
Per preparare il sugo: Mettete le vongole un paio d’ore in acqua fredda salata per farle spurgare, scolatele e sciacquatele bene sotto acqua corrente. Nel frattempo lavate bene le cozze sotto acqua fredda eliminando quelle rotte o aperte, quindi eliminate la barbetta al mollusco aiutandovi con le dita tirando verso la parte più stretta della conchiglia. Grattate il guscio con un coltello o una spazzolina di ferro per ripulirle dalle alghe. Risciacquatele bene sotto acqua fredda.Preparate gli gnocchi. Mettete adesso le cozze e vongole in due tegami separati, aggiungete un trito di aglio e prezzemolo, olio extravergine di oliva e mescolate, dopodiché cuocetele con coperchio a fiamma alta, poi giratele e continuate la cottura fino a quando si saranno aperte. Eliminate le cozze e le vongole rimaste chiuse. Filtrate il liquido di cottura attraverso un colino foderato con una garza fitta e tenetelo da parte.Prendete 2/3 di cozze e sgusciatele, una parte di queste lasciate intere, altre tritate. In una larga padella scaldare olio, unite l’aglio e fatelo soffriggere a fuoco basso (appena prende colore eliminatelo), unite peperoncino e prezzemolo tritati finemente. Aggiungete i pomodorini tagliati a metà e fateli saltare sul fuoco qualche minuto. Versate il liquido di cozze e di vongole che si è formato durante la cottura e fatelo restringere senza coperchio per circa 5-8 min.Aggiungete adesso tutte le vongole, le cozze intere con quelle tritate e cuocete il sughetto ancora un paio di minuti. Cuocete gli gnocchi in abbondante acqua leggermente salata (non troppo perchè il sugo di cozze e vongole è già abbastanza salato e saporito). Cuocete gli gnocchi nella pentola un po’ alla volta, non tutti insieme, perchè se sono troppi potrebbero attaccarsi durante la cottura. Gli gnocchi sono cotti appena vengono a galla, l’ultimo minuto di cottura finiranno nella padella delle cozze vongole e i pomodorini. Prelevate quindi gli gnocchi con una schiumarola, tenendo da parte un mestolo dell’acqua di cottura e uniteli nella padella con le cozze e vongole, mescolando rapidamente. Aggiungete se necessario un mestolo di acqua di cottura. Fate saltare a fiamma vivace fino a quando gli gnocchi siano mantecati con il sugo, circa 40 sec. Spolverizzate con il prezzemolo tritato e servite caldi.
5
Spaghetti, crema di peperoni all'arancia e baccalà
38
Lavare bene l'arancia, grattugiarne la buccia e spremerne il succo. Lavare il basilico, asciugarlo e staccare le foglie.Lavare e asciugare i peperoni e metterli in forno a 250° per 25 minuti circa. Farli raffreddare, togliere la pelle e i semi e frullarli con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea, insieme alla buccia e al succo dell'arancia, al basilico (tenerne da parte alcune foglie per guarnire i piatti), alle acciughe e ai capperi. Aggiustare eventualmente il sapore con sale e pepe.Far tostare il pane grattugiato insieme ad un cucchiaio di olio e mettere da parte. Sciacquare e asciugare il filetto di baccalà, poi farlo cuocere in una pentola antiaderente calda per circa 3 minuti per lato. Ridurlo poi in piccoli pezzi. Aggiustare eventualmente di sale e pepe, se necessario.Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. In una pentola capiente trasferire il condimento a base di peperoni e farlo scaldare insieme al baccalà, tenendone da parte qualche tocchetto. Scolare la pasta al dente, basterà un minuto in meno, tengono davvero bene la cottura, e trasferirla in questa pentola. Farla insaporire per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.Impiattare aggiungendo il pesce tenuto da parte, le foglioline di basilico, il pane tostato e concludere con un filo d'olio. Ed ecco che questi meravigliosi spaghetti, con grano selezionato e coltivato completamente in Italia, sono pronti per essere gustati in tutta la loro bontà!
6
Risotto di mare in rosso
2
Controllate le vongole una a una eliminando quelle rotte. Mettetele in ammollo in acqua fredda salata per alcune ore. Sciacquatele e mettetele in una casseruola insieme a un filo d'olio, lasciatele aprire a fiamma bassa. Pulite le cozze e trasferitele in una seconda pentola. Coprite e fatele aprire a fiamma alta. Nel frattempo prendete i calamari decongelati e puliteli, sciacquateli sotto l'acqua corrente e tagliateli a pezzetti o rondelle. Pulite anche i gamberi decongelati togliendo loro il filo nero che hanno sulla schiena, è il loro intestino! Filtrare l'acqua delle cozze e delle vongole, bollire i gusci dei gamberi in acqua con i gambi di prezzemolo. Scolarli ed unire il brodo all'acqua delle cozze e delle vongole. Mettere da parte per dopo.Fare un soffritto di abbondante prezzemolo e aglio tritato, aggiungere se piace del peperoncino. Appena sfrigola aggiungere il riso e lasciarlo tostare ed insaporire. Aggiungere un mestolo di brodo. Appena si asciuga aggiungere altro brodo di pesce. A questo punto colorare con la passata di pomodoro, quando mancano una decina di minuti alla cottura del riso aggiungere i calamari, le vongole le cozze e per ultimi i gamberi. Controllare di sale (se fosse saporito portare a cottura solo con acqua)Spegnere e lasciare riposare il riso, spolverare con scorza di limone per dare la freschezza poi servire e sentirete che bontà! p.s. i limoni di Castagnetola (Massa ) dovrebbero essere riconosciuti DOP!!! Caratteristiche: di misura grande, con una buccia abbastanza spessa e profumatissimi guardate quanto sono belli!
7
Risotto al profumo di mare
1
Iniziamo la ricetta per il risotto al profumo di mare mette do a bagno le vongole veraci con acqua e sale, per farle spurgare. Nel frattempo puliamo le cozze dal bisso (barbetta che esce fuori)e le rischiamo con un coltello spelucchino per rimuovere i denti di cane sulla corazza. Per completare la pulizia, spazzolatele sotto l'acqua.Ora passiamo al moscardino, questo l'ho fatto pulire direttamente dal pescivendolo , così l'ho solo dovuto tagliare a pezzetti. Un consiglio, togliete la pelle più scura dalla testa,così la carne resterà più morbida. Ora è il momento dei gamberoni. Alcuni li ho privati delle teste, che ho messo subito a bollire in acqua salata con un pezzo di cipolla, in modo da avere un fumetto(brodo) di pesce per far cuocere il riso. Mentre bolllono , con l'aiuto di una forchetta , schiacciate le teste in modo da far uscire tutto il sapore.Ho eliminato tutte le antenne tagliandole corte alla base ed ho lavato sotto l'acqua corrente. Prendiamo una bella padella capiente , mettiamo l'olio e l'aglio a rosolare, aggiungiamo il moscardino tagliato a pezzetti, e lo sfumiamo con il vino biancoIN un altra padella con olio e aglio, facciamo schiudere le vongole veraci. E le mettiamo da parte. Allo stesso modo procediamo con le cozze e mettiamo da parte. I fondi di cottura delle cozze e delle vongole lo aggiungiamo al moscardino che deve finire di cuocere. È quello che ci impiega più tempo (una buona mezz'ora).Il fumetto sarà pronto!!!! Aggiungiamo il riso al moscardino, lo facciamo toste leggermente e poi sfumiamo con del vino bianco. Una volta evaporato il vino, incominciamo ad aggiungere un po' di brodo di pesce.Lasciamo cuocere il riso, sempre irrorandolo con il brodo ed a 5 minuti della fine cottura, aggiungiamo i gamberoni e proprio all'ultimo i mitili, cioè cozze e vongole. Facciamo insaporire bene, aggiungiamo prezzemolo tritato in abbondanza . Ecco il vostro risotto al profumo di mare!!!!!
8
Farfalle avocado e gamberetti
39
Mettete a bollire l'acqua in una pentola. Nel frattempo, tagliate a metà l'avocado, privatelo del nocciolo centrale, sbucciatelo e tagliate la polpa a dadini. Mettetela ad insaporirsi con il succo di limetta ed una macinata di pepe.Saltate velocemente i gamberi in una padella antiaderente. Quando l'acqua bollirà, calate le farfalle e lessatele per il tempo indicato sulla confezione, scolatele e fatele raffreddare.Scolate l'avocado dal succo di limetta e conditeci le farfalle aggiungendo anche i gamberetti. Vedrete che il composto di avocado, lime e gamberetti si legherà perfettamente alle farfalle grazie alla particolare qualità di questa pasta. Infatti oltre a contenere betaglucano, che riduce il colesterolo nel sangue, la pasta Cuore Mio Granoro rimane sciolta nel piatto in quanto la vera maestria nella produzione della pasta la si testa sui formati lisci che non devono mai attaccarsi tra loro.Date il tocco finale al piatto con qualche fogliolina di menta tritata ed una grattugiata di scorza di limetta e servite!