Tagliare la coda a pezzi tra una vertebra e l’altra seguendo le giunture. I pezzi risultanti vengono chiamati, in romanesco, rocchi. In una pentola mettere a scaldare l’olio. Arrivato a temperatura, unire la carne e rosolare per qualche minuto. Aggiungere il trito, il sale e il peperoncino e lasciare insaporire per qualche minuto. Sfumare con il vino e cuocere per 15 minuti, finché non sarà evaporato. Versare il pomodoro passato e ½ litro di brodo, quindi coprire e cuocere per 90 minuti, a fuoco moderato. A questo punto, se la coda è di vitello, dovrebbe staccarsi facilmente dall’osso.Per la coda di manzo, si inizia facendo bollire i pezzi in abbondante acqua salata, con una cipolla, una carota e un gambo di sedano, per un paio d’ore. Si scola la coda, tenendo il brodo ottenuto e filtrato. Da qui si procede come nel primo caso.
Coda alla vaccinara

Coda alla vaccinara

Senza Latte, Glutine, Uova, Soia, Grano +7

Crostacei

Arachidi

Pesce

Semi di sesamo

Carne di maiale

Molluschi

Senape

Preparazione

20

minuti

Cottura

1:40

ore

Tempo totale

2:00

ore

Nutrizione

201

chilocalorie

perpersone

  • 2 Kg
    Coda di vitello
  • 1 Kg
    Passata di pomodoro
  • 65 g
    Odori per soffritto
  • 4
    Chiodi di garofano
  • 4 cucchiaio
    Olio di oliva extra vergine
  • 1 cucchiaino
    Peperoncino
  • 1 bicchiere
    Vino bianco
  • 500 ml
    Brodo
  • 1 cucchiaio
    Prezzemolo tritato
  • Quanto basta
    Sale

Preparazione

Presentazione

Si narra che le sue origini risiedano nel quartiere ‘Regola’ di Roma, dove un tempo vivevano i vaccinari, ossia coloro che macellavano gli animali. Fa parte del quinto quarto (gli avanzi del bovino), insieme a trippa, milza, cuore e frattaglie, e rappresentava il cibo povero destinato alle famiglie meno benestanti.

Step 1

Tagliare la coda a pezzi tra una vertebra e l’altra seguendo le giunture. I pezzi risultanti vengono chiamati, in romanesco, rocchi. In una pentola mettere a scaldare l’olio. Arrivato a temperatura, unire la carne e rosolare per qualche minuto.

Step 2

Aggiungere il trito, il sale e il peperoncino e lasciare insaporire per qualche minuto. Sfumare con il vino e cuocere per 15 minuti, finché non sarà evaporato. Versare il pomodoro passato e ½ litro di brodo, quindi coprire e cuocere per 90 minuti, a fuoco moderato. A questo punto, se la coda è di vitello, dovrebbe staccarsi facilmente dall’osso.

Step 3

Per la coda di manzo, si inizia facendo bollire i pezzi in abbondante acqua salata, con una cipolla, una carota e un gambo di sedano, per un paio d’ore. Si scola la coda, tenendo il brodo ottenuto e filtrato. Da qui si procede come nel primo caso.

Note

La ricetta classica e tradizionale prevede l’utilizzo di uvetta, pinoli e cacao. A cottura quasi ultimata potete preparare una salsa mettendo in una padella antiaderente il sedano, qualche cucchiaio di sugo della coda, una manciata di pinoli, una manciata di uvetta e un paio di cucchiai di cacao amaro.

Utensili

  • Pentola
  • Tagliere
  • Coltello a lama liscia

Valori nutrizionali I valori nutrizionali sono calcolati sulla singola porzione

Calorie
201
kcal
Colesterolo
0
mg
 
 

Commenti

Per commentare una ricetta devi accedere.