0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

1079Risultati per "capperi sotto sale"

0
Rustiche con scampi e calamari su crema di piselli
38
Tritare la cipolla e metterla a soffriggere in una casseruola con due cucchiai di olio, una volta imbiondita unire i piselli e allungare con il brodo vegetale e lasciar cuocere a fuoco lento per circa sei minuti.Frullare al mixer e poi passare la crema di piselli al colino in modo che risulti omogenea. Ripassare la crema a fuoco basso per due minuti aggiungendo l'olio che avrete aromatizzato con salvia, rosmarino e aglio.Tagliare in due, per la lunghezza, le code di scampi e a listarelle i calamaretti. Saltarli in padella con due cucchiai di olio per circa due minuti. Unire i pomodori e lasciar cuocere per alcuni minuti. Poi togliere dal fuoco e aggiustare di sale e pepe.Cuocere le reginette in abbondante acqua salata e scolare al dente. Ripassarle in padella con il condimento preparato. Stendere un velo di crema di piselli sul fondo del piatto da portata e disporre al centro le reginette con la salsa di scampi e calamaretti. Guarnire con prezzemolo tritato e servire.
1
U stummu allisciatu
2
Per prima cosa bisogna preparare una salsa tartara, prendete due uova e metteteli a bollire mentre in un tagliere tritate finemente un ciuffetto di erba cipollina, uno di prezzemolo e uno di dragoncello. Poi lavate mezzo cucchiaino di capperi sotto sale e tritate finemente anche questi. Trascorsi 15 minuti togliete dal fuoco il tegamino con le uova e passatelo, con il suo contenuto, sotto l’acqua fredda. Sgusciate le uova e togliete il bianco mettendo i tuorli in una boule.Adesso passate un cucchiaino di aceto bianco sui tuorli e cominciate a pestarli con lo stesso cucchiaino, quindi aggiungete gli odori (un po di prezzemolo lasciatelo per decorare il piatto alla fine), i capperi tritati precedentemente, 60 ml di olio di semi a filo e sbattete con una frusta sino ad ottenere cremosità.Per la sfilettatura dello sgombro, già squamato e privo di interiora: dapprima rimuovete con un paio di forbici tutte le pinne senza dimenticare la dorsale, quindi con un apposito coltello praticate una incisione all'altezza della gola, perpendicolarmente al pesce, sino a toccare la spina dorsale, seguite la dorsale con il coltello tenendo l'altra mano appoggiata al dorso dello sgombro. Ottenuti i due filetti con una pinzetta rimuovete le spine, lavateli e lasciateli ad asciugare su carta.Mentre si sfiletta lo sgombro si mette l’acqua a bollire in un pentolino e raggiunta la temperatura si sala e si aggiungono 40 di grammi di fregola sarda. Quando manca poco alla fine cottura della fregola, saltate i filetti di sgombro in padella con un cucchiaio o due di olio evo (e se volete un rametto di rosmarino), attenzione a non rompere i filetti. Impiattate versando la salsa al centro del piatto ottenendo una montagnola che poi pian piano pressando sulla cima fate in modo divenga una cerchio sul piatto, disponete sopra la fregola e quindi il filetto, condite con un filo di olio evo.
2
Spaghettoni alla puttanesca
30
Scaldare l'olio d'oliva a fuoco medio-alto in una grande e profonda padella. Quando l'olio è a temperatura, soffriggere l'aglio. Nel mentre, aggiungere le acciughe con un po di olio. Fare cuocere ancora un minuto.Aggiungere i pomodori, l'origano, il pepe e le olive. Abbassate la fiamma e continuare la cottura a fuoco lento. Portare a ebollizione una pentola d'acqua. Quando si calano gli spaghetti in acqua bollente, aggiungere i capperi al preparato di pomodoro e continuare a cuocere a fuoco basso.Scolare la pasta e metterla in una grande ciotola. Aggiungere un filo d'olio sulla pasta e mescolare per combinare il tutto. Aggiungere il prezzemolo al preparato di pomodoro. Versare il preparato di pomodoro nella pasta e mescolare bene per combinare. Servire nei piatti con una spolverata di parmigiano e basilico sminuzzato.
3
Caponata di famiglia (restyle)
15
Lavate, asciugate e tagliate a cubetti di circa 2cm le melanzane. Mettetele sotto sale per circa un’ora e poi sciacquatele, asciugatele e friggetele in olio d’arachidi (170°) facendole dorare. Lavate il cuore del sedano privandolo delle foglie, tagliate il gambo a tocchetti di circa 1cm e sbollentatelo in acqua salata per circa tre minuti. Dissalate i capperi facendoli bollire per un paio di minuti in poca acqua e un cucchiaino di aceto di mele.Lavate i pomodori e scottateli in acqua bollente facendo un taglio a croce per pelarli con facilità. Divideteli in quarti, privateli dei semi e tagliateli a dadini. Saltateli in una padella con un filo d’olio evo e condite con sale, pepe nero, peperoncino, basilico e un cucchiaino di zucchero. Cuoceteli per 15 minuti in modo che siano piuttosto asciutti e ben amalgamati. Sbucciate gli scalogni e tagliateli a rondelle sottilissime. Rosolateli a fuoco vivace in una padella con un filo d’olio evo, poi aggiungete 4 cucchiai di acqua e lasciateli stufare. Salateli leggermente e spolverateli con un po’ di zucchero facendoli caramellare. Fate rinvenire l’uvetta in acqua per circa dieci minuti e tritate le mandorle grossolanamente al coltello. Lavate le mele (io uso quelle verdi o a polpa compatta e croccante per evitare che si sfaldino in cottura) privatele del torsolo, lasciate la buccia e tagliatele a pezzettoni (fate in modo che ciascun pezzo abbia la buccia esterna, io ho diviso la mela in otto spicchi che poi ho tagliato a metà e poi ancora a metà). Saltatele in padella con un filo d’olio evo per circa 5/6 minuti e comunque prima che la polpa diventi troppo morbida. Salate leggermente. Preparate l’emulsione sciogliendo il miele e lo zucchero con l’aceto di mele in una piccola bowl.Assemblate la caponata in una pirofila procedendo a strati: mettete sul fondo metà delle melanzane, distribuite sopra qualche cucchiaio di pomodoro, quindi metà del sedano, dell’uvetta, dei capperi, delle mandorle e dello scalogno, poi metà delle mele e dell’emulsione; ripetete l’operazione per il secondo strato. Con l’aiuto di due cucchiai mescolate delicatamente aggiungendo qualche fogliolina di basilico e aggiustando di sale, pepe nero e peperoncino.Completate spolverando con il cacao amaro.
4
Tartare di avocado
1
Tagliare l'avocado a metà verticalmente. Togliere il torsolo. Sbucciarlo. Tagliarlo a strisce e tagliare ogni striscia in ulteriori strisce. Tagliare le strisce ottenute a cubetti. Riporre in una ciotola.Spremere il succo di mezzo limone sulla tartare di avocado per evitare che annerisca e grattugiare la scorza di mezzo limone. Aggiungere del sale, del pepe e dell'olio extravergine di oliva.Tritare i capperi e i pomodori sottolio a piccoli pezzi. Aggiungere il trito alla tartare di Avocado. Aggiustare di sale olio e pepe se necessario.Lasciare riposare in frigo per almeno 15 minuti. Tirare fuori dal frigo 10 minuti prima della consumazione. Impiattare e spolverare con un filo di olio EVO e del pepe.
5
Linguine con asparagi e fiori di zucca
42
Pulire gli asparagi, eliminando la parte del gambo più dura. Lavarli e tagliarli a tocchetti. Sbucciare lo scalogno, tritarlo fine facendolo appassire a fiamma media in una padella con l’olio.Unire gli asparagi, salarli e proseguire la cottura per quindici minuti mescolando spesso. Pulire i fiori di zucca ed eliminare il pistillo. Friggerli in abbondante olio caldo per pochi istanti e conservarli in caldo.Sbattere le uova con la panna e il formaggio in una ciotola capiente, mescolando fino a ottenere un composto omogeneo. Cuocere le linguine in acqua bollente salata, scolarle al dente e mantecarle nella padella con gli asparagi, la maggiorana e la crema di uova, panna e formaggio. Aggiungere ad ogni porzione un fiore fritto, pepare e servire.
6
Tonno in crosta e cioccolattini di pomodorino
2
Iniziamo con la gelatina di pomodorini datterino che dovrà riposare in frigo per una notte. Si pelano i pomodorini, avendo cura di eliminare i semini, e si passano al mixer. Si trasferisce il frullato in un pentolino, si aggiunge qualche fogliolina di basilico, uno spicchio d'aglio e se volete un po' di zucchero per contrastare l'acidità del pomodoro. Si porta a bollore per un paio di minuti e nel frattempo si fanno ammorbidire un paio di fogli di gelatina in una tazza di acqua fredda.Strizziamo per bene i fogli di gelatina e li mettiamo nel pentolino con la salsa, dopo aver spento la fiamma e tolto l'aglio. Mescoliamo per far amalgamare bene e, quando la gelatina si è sciolta nella salsa, setacciamo con un colino per eliminare residui di polpa o semini. Versiamo il liquido ottenuto in uno stampino in silicone per cioccolatini e conserviamo in frigo.In un pentolino sciogliamo a fiamma molto bassa un paio di cucchiai di miele di fiori di arancia, nel frattempo laviamo una decina di capperi. Quando il miele è diventato un fuso vi immergiamo i capperi e spegniamo la fiamma. Lasciamo i capperi ammollati nel miele fuso per qualche minuto e quindi li trasferiamo su carta forno, facendoli raffreddare a temperatura ambiente.Prepariamo una panatura con dei semi di sesamo, papavero e della scorza di arancia grattugiata e qualche granello di sale, mescoliamo e poi ci passiamo sopra le fettine di tonno. Riscaldiamo un padellino a fiamma piena e scottiamo le fettine di salmone panato, una 50ina di secondi per lato.Tiriamo fuori lo stampo con i cioccolatini di datterino e li sformiamo disponendoli sul piatto da portata insieme al tonno scottato, i capperi canditi, una riduzione di aceto balsamico e qualche fogliolina di menta.
7
Similtartare di patate e mozzarella
3
Come prima cosa prendiamo le patate e mettiamole a cuocere intere con la buccia in un pentolino con acqua bollente salata. Una volta cotte scolatele e fatele raffreddare sotto l'acqua fredda corrente. Sbucciarle e lasciarle riposare 10 minuti in frigo (potete preparale anche il giorno prima ed utilizzarle il giorno successivo così da recuperare sui tempi di preparazione). Tagliate a cubetti le patate lesse fredde. Fate scaldare una padella e quando raggiunge la temperatura aggiungere un cucchiaio e mezzo d'olio. Aggiungete i cubetti di patate la paprika dolce il sale ed il pepe e fate andare a fuoco vivo facendo saltare le patate per evitare che si attacchino. Devono creare una croccante e fragrante crosticina, essenziale per la buona riuscita della ricetta. Nel frattempo tagliate la mozzarella a dadini e lasciate che perda un po della sua acqua e tritate finemente i capperi.Tagliate anche il cipollotto finemente e fatelo stufare in altra padella con mezzo cucchiaio d'olio del sale e del pepe, aggiungendo se necessario un filo d'acqua. Polverizzare con un mortaio il rosmarino secco.Ora passiamo all'assemblaggio degli ingredienti. Unite in una ciottola le patate calde, il cipollotto stufato ancora caldo, la mozzarella a cubetti, i capperi tritati, la polvere di rosmarino, e grattate sopra la buccia di un limone. Mescolate bene ed aggiustate di olio pepe e sale se necessario.Prendete un coppapasta e impiattate inserendo all'interno il composto dandogli una forma compatta. Versate sopra un filo d'olio EVO a crudo ed una spolverata di pepe.
8
Fusilli “cuore mio” vongole e pesto di melanzane
42
Sciacquate per bene le vongole e lasciatele spurgare almeno per 1 ora in acqua fredda.Preparate il pesto di melanzane: lavate e asciugate le vostre melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Praticate delle incisioni con un coltello su tutta la polpa e infornatele a 200° forno ventilato per circa 20 minuti o finché la polpa non sarà ben ammorbidita.Scavate la polpa delle melanzane con un cucchiaio, lasciatela raffreddare e strizzatela per eliminare l’eccesso di acqua. Tritatela in un mixer con 3⁄4 foglie di basilico, qualche pomodorino, un filo d’olio e i 2 cucchiai di parmigiano fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Se desiderate ottenere una consistenza ancora più vellutata potete passare in un setaccio a maglie fini il pesto. Tenete da parte.Dedicatevi alle vongole. In una padella capiente soffriggete leggermente uno spicchio d’aglio con un filo d’olio, poi aggiungete le vongole. Sfumate con del vino bianco e lasciate che i molluschi si aprano completamente.Sgusciate le vongole lasciandone una manciata per la decorazione e filtrate il loro sughetto che vi servirà, poi, per la mantecatura.Tagliate i pomodorini a dadini piccoli e scaldateli leggermente in una padella con un altro spicchio d’aglio e un filo d’olio.É arrivato finalmente il momento clou della ricetta: l’entrata in scena dei meravigliosi fusilli “Cuore mio” . Lessateli in acqua bollente salata per 10 minuti, mantenendoli al dente. Terranno egregiamente la cottura e saranno ottimi protagonisti del vostro piatto.Scolate i fusilli e saltateli nella padella con i pomodorini aggiungendo il sughetto delle vongole lasciato da parte. Unite anche le vongole sgusciate e 2 cucchiai di pesto di melanzane, mantecando bene i fusilli “Cuore mio “ che cattureranno perfettamente il condimento.In un padellino saltate le briciole di mollica di pane con un filo d’olio fino a che non diverranno dorate e croccanti.É il momento dell’impiattamento: adagiate un cucchiaio abbondante di pesto di melanzane sulla base del piatto, sistemate i fusilli e decorate con le vongole tenute da parte con il guscio e le briciole di pane croccante. Terminate con una fogliolina di basilico e buon appetito!
9
Piccata di pollo
29
Portate una pentola di brodo vegetale a ebollizione. Aggiungete il bulgur. Toglietelo dal fuoco e tenetelo coperto per circa 20-25 minuti o finché non diventa tenero (drenare il liquido in eccesso se necessario). Aggiungete l'olio d'oliva e gli spinaci lavati. Il calore residuo renderà più morbidi gli spinaci. Tenete in caldo fino a quando non verrà il momento di servire il pollo.Mettete mezza tazza di farina in una ciotola poco profonda. Aggiungete un cucchiaino di farina in una ciotola a parte per la salsa. Condite i filetti di petto di pollo su entrambi i lati con sale e pepe. Passateli nella farina eliminando i residui in eccesso. Trasferite il tutto in un piatto.In una grande padella riscaldate un cucchiaio di olio d'oliva e un cucchiaio di burro a fuoco medio-basso. Aggiungete i filetti di petto di pollo e rosolateli su entrambi i lati per circa tre minuti. Poi trasferiteli in un piatto e copriteli con un foglio di carta stagnola per mantenerli al caldo.Mentre il pollo si cuoce preparate il resto degli ingredienti. Tritate gli scalogni e schiacciate lo spicchio d'aglio. Lavate i capperi, tritate il prezzemolo e tagliate una fetta dei limone.Per preparare la salsa, abbassate la fiamma al minimo. Aggiungere un cucchiaino di olio nella padella. Soffriggete gli scalogni fino ad ammorbidirli senza farli arrivare a doratura (circa 1 minuto).Aggiungete l'aglio e soffriggete per circa 30 secondi. Aggiungete il vino e portare ad ebollizione. Lasciate che si riduca a metà. Aggiungete il brodo e portate a ebollizione. Per addensare la salsa aggiungete il cucchiaino di farina messo da parte e mescolate bene per sciogliere eventuali grumi. Continuate a mescolare fino a quando la salsa non si addensa leggermente. Riducete lentamente il calore. Aggiungete un cucchiaio di burro. Aggiungete il succo di mezzo limone e cospargete con i capperi. Riprendete i filetti di petto di pollo.Assaggiate e condite con il succo di limone avanzato, il sale e il pepe se necessario. Impiattate i filetti di petto pollo e versateci sopra la salsa. Guarnite con fette di limone e prezzemolo fresco. Portate a tavola e servite con il contorno di bulgur e gli spinaci.
10
Peperoni capperi e aceto balsamico
3
Laviamo i peperoni, priviamoli del picciolo e tagliamoli a falde spesse 1 cm togliendo i filamenti e i semini interni.Trasferiamoli quindi in un ampio tegame antiaderente e aggiungiamo lo scalogno e l’aglio tritati finemente, l’olio, l’aceto balsamico, la maggior parte dei capperi, un pizzico di sale grosso, 1 pizzico di pepe nero , copriamo e mettiamo a cuocere a fuoco lento per circa 40/45 minuti.Cerchiamo di scoprire il meno possibile in modo tale da far cuocere i peperoni con il loro stesso vapore, in alternativa di tanto in tanto scuotiamo il tegame. Devono diventare teneri ma restare croccanti e non sfatti. A cottura ultimata spegniamo e aggiungiamo il restante dei capperi. Cospargiamo con il prezzemolo tritato, trasferiamoli in una ciotola e lasciamoli insaporire un po’ prima di servirli. Freddi sono ottimi ed ecco perchè si prestano molto bene in un’antipasto.
11
Paccheri allo scorfano, pomodorini e capperi
1
Prendiamo il trancio di scorfano, togliamo la pelle (basterà tirare e si staccherà) e tagliamo il pesce a cubetti, mettendoli da parte. Puliamo i pomodorini sotto l'acqua e li tagliamo in 4 spicchi, mettendoli in una ciotola.Sotto l'acqua corrente sciacquiamo i capperi sotto sale, e li lasciamo ancora qualche minuto a mollo. Mondiamo il prezzemolo.Nel mentre mettiamo a bollire una pentola con abbondante acqua salata (non saliamo in maniera eccessiva, poiché con i capperi c'è sempre il rischio di esagerare di salinità, ottenendo un piatto con poco equilibrio). Quando l'acqua inizierà a bollire aggiungiamo i paccheri. Nel mentre la pasta si cuoce (richiederà una ventina di minuti circa), in una padella aggiungiamo un filo d'olio e uno spicchio di aglio (privato dell'anima verde) e facciamo rosolare per qualche minuto i pomodorini a cui aggiungeremo il pesce e i capperi, lasciando cuocere brevemente. (Assaggiamo e, eventualmente, regoliamo di sale).Quando la pasta sarà pronta, la scoliamo, tenendo da parte un po' di acqua di cottura e la saltiamo brevemente in padella con il composto.Serviamo il piatto con una spolverata di pepe e una manciata leggera di prezzemolo.