0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

2849Risultati per "colatura di alici"

0
Tagliolini limone, tuma persa e colatura di alici
2
Nel primo passaggio prepariamo l'impasto per i tagliolini. Versiamo la farina su un piano di lavoro e la allarghiamo come a formare un cratere. Al centro sbattiamo leggermente un uovo ed iniziamo ad incorporarvi la farina. Impastiamo con le mani, ottenendo dapprima una pasta grumosa che stirando ed appallottolando provvediamo a rendere morbida. Dopo circa 10 minuti di lavorazione otteniamo una pallottola morbida che avvolgiamo nella pellicola e mettiamo a riposare in frigo per 30 minuti.Mentre l'impasto riposa in frigo: prepariamo lo spicchio d'aglio, facciamo un trito fine di prezzemolo al coltello e grattugiamo la scorza di un limone. Infine grattugiamo la tuma persa.Spolveriamo la spianatoia con la farina e con un mattarello stendiamo l'impasto sino ad ottenere un foglio sottile. Adesso ripieghiamo il foglio su se stesso per formare un rotolo. Con un coltello tagliamo il rotolo in pezzetti da mezzo cm circa, che poi apriamo e stendiamo sulla spianatoia.In un pentolino soffriggiamo un velo di olio evo con un spicchio di aglio. Appena l'aglio inizia ad imbiondirsi lo togliamo e versiamo la scorza di limone. Nel frattempo in un altra pentola facciamo bollire l'acqua e versiamo i tagliolini. All'olio e la scorza di limone incorporiamo la tuma, togliamo dal fuoco e aiutandoci con l'acqua di cottura mescoliamo sino ad ottenere una crema. Trasferiamo la crema in un tegame dove incorporiamo i tagliolini appena cotti, spolveriamo con il trito di prezzemolo, aggiungiamo la colatura di alici e saltiamo. Adesso siamo pronti ad impiattare.
1
Spaghetti con alici fresche e colatura
1
Mettete in padella la colatura di alici con il peperoncino e aglio tagliati a fettine e fate appassire a fuoco basso per un paio di minutiCuocete la pasta in acqua poco salata, scolateli al dente e metteteli in padella insieme a due mestoli di acqua di cottura della pasta.A fine cottura della pasta aggiungete le alici e saltatele per pochi secondi in padella. Per cuocere le alici basterà il calore della pasta. Mettete la pasta nel piatto facendo un nido. Guarnite con il trito di gambi di prezzemolo, il cucchiaio con la scorza di limone grattugiato , pepe ed un filo di olio a crudo extra vergine di oliva.
2
Triglia su melanzana fritta e colatura di provola
4
Spelliamo i pomodorini e li trasferiamo in una tazza con dell'olio evo ed uno spicchio d'aglio. Tagliamo la provola a dadini e la versiamo in una boule di vetro con il latte . Copriamo la boule con della pellicola e la lasciamo a bagnomaria in una pentola.Adesso prepariamo la triglia. Dopo averla squamata avete due possibilità, o il classico sfilettamento o, come prevede la ricetta originale, la rimozione delle pinne dorsali, della testa e di gran parte delle spine, lasciando il pesce aperto a portafoglio e con la pinna caudale intatta. Prepariamo un foglietto di carta alluminio, sopra un foglio leggermente più piccolo di carta forno oliata e copriamo la pinna come in foto.Mettiamo l'olio di semi a scaldare in una pentola, giunto a temperatura inseriamo, dopo averla lavata ed asciugata, la melanzana cosi com'è. Lasciamo friggere sin quando non notiamo che la buccia inizia ad arricciarsi. Togliamo la melanzana dall'olio, la spelliamo aiutandoci con uno spelucchino, e ne ricaviamo dei cilindretti che svuotiamo creando uno spazio delle dimensioni dei pomodori.Tiriamo fuori i pomodorini dall'olio e li avvolgiamo in una foglia di basilico, quindi li inseriamo nel cilindretto di melanzana. Passiamo la melanzana ripiena nel pan grattato e friggiamo in un pentolino con l'olio di semi già a temperatura. A questo punto passiamo la colatura di provola al colino e la conserviamo in una tazza.In una padella adagiate della carta da forno, un filo d'olio ed un pizzico di sale sopra. Siete pronti a cuocere la triglia, non più di due minuti per lato. Per l'impiattamento, adagiate l'involtino di melanzana sul piatto, posizionateci sopra la triglia ed un ciuffo di basilico, quindi versate (con molta attenzione) la colatura sino ad un quarto dell'altezza dell'involtino.
3
Carpaccio di melone, zucchine ed alici marinate
6
Anche se il piatto è molto veloce, a meno che non vogliate prendere ingredienti già pronti...cosa che vi sconsiglio vivamente, dovrete solo avere un pò di pazienza per la preparazione.Innanzitutto pensiamo alle alici. Dopo averle pulite e private della lisca centrale, laviamole accuratamente, mettiamole in una ciotolina, copriamole con aceto di vino bianco e lasciamole marinare per 24 ore.Passiamo ora alla zucchina...cerchiamo di sceglierne una non troppo grande, dopo averla lavata con un pelapatate affettiamola ottenendo delle fettine sottilissime che andremo a far marinare per un paio di ore nel succo di un limone.Con lo stesso pelapatate non resta in ultimo che ricavare dal melone delle altrettante fettine sottili.Ora tutto è pronto. Non resta che alternare in ciascun piattino le fettine di zucchine, quelle di melone e le alici marinate creando il nostro carpaccio. Terminiamo il piatto aggiungendo un pizzico di sale, un filo di olio e abbondante prezzemolo.
4
Parmigiana di zucca e alici fresche
4
Fare la Parmigiana di zucca e alici fresche è molto semplice e veloce. Iniziamo dalle alici…se non le abbiamo già comprate pulite procediamo a sviscerarle e a privarle della lisca centrale, quindi laviamole e teniamole da parte.Sbucciamo la zucca e tagliamola a fettine di 1/2 cm circa. Infine tritiamo la mozzarella. Ora prendiamo una pirofila di medie dimensioni e foderiamola con della carta da forno bagnata e strizzata. Procediamo alla composizione della nostra Parmigiana di zucca e alici fresche.Facciamo uno strato di zucca, proseguiamo con uno di alici aperte a libro, mettiamo una manciata di mozzarella e parmigiano q.b. senza esagerare. Facciamo un’altro strato del tutto uguale a questo e per terminare solo la copertura con un ultimo strato di zucca.Non ci resta che coprire la superficie con una manciata di parmigiano e un filo di olio. Copriamo la teglia con un foglio di alluminio e inforniamo a 180 gradi in modalità ventilata. Scopriamo dopo una ventina di minuti e continuiamo la cottura per altrettanto tempo fino alla completa doratura della superficie.Volendo 5 minuti prima di spegnere il forno possiamo arricchire la superficie con altra mozzarella. Perfetto la nostra Parmigiana di zucca e alici fresche è pronta da gustare tiepida….buon appetito.
5
Caprese alle alici marinate
4
Fare la Caprese alle alici marinate è semplice. Come già vi accennavo l'unico passaggio lungo è marinare le alici. Ma che ci vuole? Dopo averle pulite e private della lisca centrale mettiamole in un recipiente coperte con aceto di vino bianco e lasciamole così per 24 ore. Dopodichè possiamo mangiarle tranquillamente.Laviamo il pomodoro e tagliamolo in 6 fettine. Ora su due piattini formiamo una piccola torretta mettendo una fettina di pomodoro,poco sale, uno strato di alici, una fettina di pomodoro, altro poco sale, una fettina di mozzarella e infine un'altra fettina di pomodoro a copertura, Terminiamo con un pizzico di sale, un filo di olio e abbondante basilico fresco.Bene, il nostro semplice e raffinato antipasto è pronto...non vi deluderà.
6
Pizzette di zucchine con alici e capperi
2
Prendiamo due zucchine tonde, laviamole e spuntiamole dopodiché ricaviamo da ciascuna 5/6 fettine non molto sottili e grigliamole da ambo le parti su una piastra ben calda.Tagliamo la scamorza a fettine sottili, laviamo i fiori di zucca e facciamoli a filetti.Disponiamo ora le zucchine su una teglia ricoperta da carta da forno e su ciascuna mettiamo una fettina di scamorza, un pezzettino di alice dissalata, un filetto di fiore e due capperi.Passiamo il tutto in forno già ben caldo pochi istanti...il tempo di far sciogliere leggermente la scamorza. Se posso darvi un consiglio...i filetti di fiori potete metterli in un secondo tempo per evitare che appassiscano in fretta. Buon appetito!!!
7
Fusilli al pesto di prezzemolo, porro e acciughe
3
Nel frattempo che portate a bollore l’acqua leggermente salata per la pasta, procuratevi un piccolo mixer. All’interno mettete il prezzemolo lavato ma non privato dei gambi, leggermente tagliato. Unite il porro a rondelle, 4 acciughe, quasi tutte le mandorle e olio quanto basta a rendere fluida la pasta. Frullate per 1 minuto. Controllate che la salsa sia omogenea e liscia. Eventualmente aggiungete poco olio. Scolate la pasta al dente (conservando poca acqua di cottura) e conditela bene. Servite con una spolverata di mandorle, una macinata di pepe e un’acciughina arrotolata.
8
Fregola con cime di rapa
13
Per prima cosa lavate e mondate le cime di rapaMettete le cime di rapa a bollire in abbondante acqua salataScolatele al dente e nella stessa acqua fate cuocere la fregola per circa 8/10 minuti, seguite comunque la cottura indicata sulla confezioneNel frattempo in un padellino mettete l’olio l’acqua a rosolare, le acciughe e sbriciolateleAggiungete le cime di rapa all’ olio aglio e alici e ripassatele per qualche minutoScolate la fregola al dente lasciando un bicchiere d’acqua di cottura da parteFinite di cuocere la fregola insieme alle cime di rapa aggiungendo poco per volta l’acqua di cottura che occorrerà per ultimare la cotturacondite con un peperoncino fresco se lo gradite
9
Frittata con fiori di zucca ripieni
3
Privare i fiori del pistillo e lavarliRiempirli con mozzarella a cubetti e acciughe e sigillarli per beneSbattere le uova, salarle e peparleUngere di olio una padella e posizionare i fiori ripieni a raggera facendoli dorareVersare le uova e cuocere la frittata schiacciando con una forchetta in modo tale che ricoprano per bene i fiori. Chiudere con un coperchio.
10
Linguine alla puttanesca
16
Mettiamo su l’acqua per la pasta e la portiamo a bollore. Saliamo e gettiamo la pasta, mettendo il timer. La mia ha cotto in 12 minuti. Nel pentolino per il sugo mettiamo un filo d’olio (io ho usato quello dei pomodori secchi, già condito con l’origano) e le alicette. Facciamo andare a fiamma moderata, sino a che le alicette non si “sfasciano”, a questo punto aggiungiamo la polpa di pomodoro e facciamo cuocere sino a che la pasta non è pronta. Tagliamo le olive a rondelle e poco prima di mettere la pasta nel pentolino col sugo, aggiungiamo a questo le olive ed i capperi. Mantechiamo a fiamma bassa, allungando con dell’acqua di cottura se necessario e serviamo bella calda! Buon appetito!
11
Sformato di pane carasau e scarola
5
Iniziamo quindi dalla scarola tagliandola a listarelle sottili e tuffandola mano a mano in una bacinella con acqua e bicarbonato per lavarla. Quindi lessiamola in abbondante acqua salata tirandola fuori ardente.In un padellino uniamo tutto insieme le olive tagliate a rondelle, i capperi già dissalati, i pinoli, e le acciughe fatte a pezzettini. Aggiungiamo 2 cucchiai di olio, 2 cucchiai di acqua e facciamo saltare il tutto per pochi minuti per amalgamare i diversi sapori tra loro.Prendiamo ora una teglia di medie dimensioni, io ne ho usata una 24x24 cm e foderiamola con un foglio di carta da forno bagnata, strizzata e leggermente unta.Andiamo a formare il nostro sformato. Cominciamo col mettere alla base uno strato di pane carasau appena bagnato in acqua calda, copriamo con la scarola, distribuiamo qualche cucchiaio del misto e terminiamo con dei fiocchetti di scamorza Facciamo altri due strati identici non coprendo l’ultimo con pane carasau ma lasciando a vista la farcituraInfornare il nostro gustoso Sformato di pane carasau e scarola alle olive e capperi per una mezz’oretta a 180 gradi coprendo la teglia con un foglio di carta di alluminio e scoprendola solo negli ultimi 10 minuti.Se volete per dare più croccantezza alla superficie, prima di servirlo possiamo distribuirvi sopra delle briciole di pane tostato.