0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

287Risultati per "pecorino grattugiato"

0
Torta salata con asparagi e pecorino
28
Pulite gli asparagi. Scottateli per tre minuti in acqua bollente. Disponeteli a raggiera nella teglia che accoglierà la torta salata: questo serve per misurare la lunghezza esatta dei pezzi che dovranno essere disposti sopra la quiche.Tagliate in piccoli pezzi (uno o due centimetri) le parti di gambo che non utilizzerete per il top. Tagliate a cubetti di uno o due centimetri anche il pecorino.In una ciotola mettete le 4 uova, le erbette tritate finemente, unite un pizzico di sale (mezzo cucchiaino circa), una generosa grattata di pepe nero, il latte (tranne un paio di cucchiai) e sbattete per amalgamare.Disponete uno strato di carta forno nella teglia (rotonda da 30 cm di diametro) e appoggiatevi la pasta brisé. Bucherellate il fondo di pasta con una forchetta.Accomodate il formaggio e gli asparagi a cubetti nella teglia con la pasta brisé e versateci sopra il composto di uova e latte. Disponete gli asparagi tenuti da parte a raggiera e cospargete la superficie di parmigiano grattugiato. Risvoltate i bordi della pasta brisé e spennellateli con un po' di latte.Infornate in forno preriscaldato a 180°C per 40 minuti. Servite tiepida o fredda.
1
Nidi di carbonara cacio e pepe
Iniziate la preparazione dei nidi di carbonara portando a bollore abbondante acqua salata, dove fare poi cuocere gli spaghetti per i tre quarti del tempo di cottura indicato sulla confezione. Nel frattempo, in un pentolino, fate soffriggere la pancetta affumicata con l’olio a fuoco molto basso, aggiungendovi un pizzico di pepe. Fate rosolare per 5-10 minuti (se la preferite croccante, lasciatela soffriggere di più, se la preferite più morbida, 5 minuti saranno sufficienti).In una ciotola, unite al pecorino grattugiato un’abbondante spolverata di pepe e uno-due cucchiai di acqua di cottura della pasta: dovrete ottenere una crema morbida, quindi vi consiglio di aggiungere gradualmente l’acqua per evitare che diventi troppo liquida (nell’eventualità, potrete rimediare aggiungendo altro pecorino).Scolate la pasta e mescolatela con due cucchiai di crema cacio e pepe, con la pancetta affumicata e con due cucchiai del fondo di cottura della pancetta. Trasferite poi gli spaghetti in due stampi circolari adatti per il forno (io ho usato un coppa pasta in alluminio ben unto ai lati), dandogli la forma di un nido. Cuocete in forno ventilato preriscaldato a 200° per 8 minuti.Trascorso questo tempo, estraete i vostri nidi, create uno spazio al centro e adagiatevi il tuorlo d’uovo, poi infornate di nuovo per due minuti.Servite i vostri nidi di carbonara cacio e pepe ben caldi, accompagnati dalla crema al formaggio e da un’altra spruzzata di pepe.
2
Tagliatelle al cacao con crema di patate
24
Preparate le tagliatelle al cacao: mettete sul piano la farina con il cacao, fate una fontana al centro, rompetevi dentro le uova (le uova taglia L sono più grandi e rendono la sfoglia molto più elastica) aggiungete un pizzico di sale e impastate con le mani fino ad ottenere un panetto liscio. Avvolgete con pellicola e fate riposare 30 minuti.Preparate la crema: sbucciate le patate, tagliatele a tocchetti e fatele rosolare in una padella antiaderente dove avete fatto appassire dolcemente un trito di mezzo scalogno in una noce di burro; coprite con il latte e la panna, salate, pepate e fate cuocere per il tempo necessario (se dovesse asciugarsi troppo aggiungete qualche cucchiaio di latte); spegnete, unite il pecorino e frullate con un mixer ad immersione fino ad ottenere una crema omogenea. Riprendete il panetto e stendetelo con il mattarello (o con la macchina sfogliatrice) in una sfoglia spessa. Spolverizzate con poca farina e fate asciugare leggermente, quindi arrotolatela da due lati verso il centro e con un coltello ben affilato tagliate delle strisce regolari di circa mezzo centimetro. Srotolate le tagliatelle e mettetele ad asciugare su un tagliere leggermente infarinato per il tempo di bollitura dell'acqua per la pasta. Tostate i pinoli in una padella e tenete da parte.Tuffate le tagliatelle in abbondante acqua salata e cuocetele per pochi minuti, scolatele e mantecatele in padella con una parte di crema di patate e un po' di acqua di cottura.Annidatele in un piatto su un cucchiaio di crema di patate e decorate con i pinoli tostati, foglioline di prezzemolo e pepe.  
3
Amatriciana risottata glutenfree o senza glutine
6
Avendo deciso di preparare questo primo piatto con la cottura risottata ho deciso di utilizzare una teglia alta e larga in modo da poter contenere tutti gli ingredienti. Nel tegame fare un giro di olio abbondante. Fare un trito con la cipolla e metterla nel tegame con il guanciale tagliato a pezzetti, coprire con il coperchio magico ed iniziare la cottura. Dovrà essere fatta a fuoco medio per 5/6 minuti. Trascorso questo tempo, togliere il coperchio ed aggiungere i pomodori pelati, rimettere il coperchio e far cuocere per 10 minuti sempre a fuoco medio Trascorso il tempo della cottura del pomodoro aggiungere la pasta, dare una mescolata e versare due bicchieri di acqua, ricoprire il tegame con il coperchio e far cuocere controllando di tanto in tanto la cottura della pasta.Se necessario aggiungere altra acqua calda, controllare la sapidità del sugo, rimettere il coperchio e portare a cottura la pasta (in media saranno 10/12 minuti). Finita la cottura spolverare con del pecorino, spegnere la fiamma e tenere il tegame coperchio ancora per 5 minuti. Servire questa deliziosa amatriciana con ancora una spolverata di pecorino.
4
Orecchiette al pesto alla genovese
3
INIZIAMO LA RICETTA PER LE ORECCHIETTE AL PESTO ALLA GENOVESE PREPARANDO QUESTA SALSA,IL PESTO ALLA GENOVESE,INIZIAMO A PULIRE IL BASILICO. TAGLIAMO CON LA PUNTA DELLE DITA TUTTE LE FOGLIOLINE,MAZZO PER MAZZO. LE METTIAMO A BAGNO NELL'ACQUA FREDDA. NEL FRATTEMPO PRENDIAMO IL CONTENITORE DEL MIXER PER FRULLARE IL BASILICO E LO METTIAMO INSIEME ALLE LAME,NEL CONGELATORE. IL FREDDO CI AIUTERA A NON FAR OSSIDARE IL PESTO.LAVIAMO BENE LE FOGLIOLINE,E LE METTIAMO AD ASCIUGARE SU DI UN CANOVACCIO. NON DEVONO ESSERE ASCIUTTE. PRENDIAMO IL MIXER DAL CONGELATORE, TRITIAMO L'AGLIO E I PINOLI. LI RIDUCIAMO FINI FINI. ORA INCOMINCIAMO AD INTRODURRE POCO ALLA VOLTA LE FOGLIE DI BASILICO E FRULLIAMO AD INTERMITTENZA,IN MODO DA NON FAR SCALDARE LE LAME. DOBBIAMO ARRIVARE AD AVERE UNA CONSISTENZA CREMOSA.DOPO VERSIAMO IN UNA SCODELLA ED AGGIUNGIAMO IL FORMAGGIO, IL SALE E L'OLIO. MESCOLIAMO IL TUTTO. IL VOSTRO PESTO ALLA GENOVESE ORIGINALE E' PRONTO. METTIAMO SUL FUOCO UNA PENTOLA CON ACQUA SALATA E PORTOIAMO A BOLLORE. VERSIAMO LE ORECCHIETTE,SCOLARLE AL DENTE. TENETE UN PO' DI ACQUA DI COTTURA PER RENDERE IL PESTO PIU' FLUIDO.IN UNA TERRINA, METTERE LA QUANTITA' DESIDERATA DI PESTO ED AGGIUNGERE LE ORECCHIETTE. AMALGAMATE BENE. SE NECESSARIO AGGIUNGERE L'ACQUA DI COTTURA MESSA DA PARTE(POCA), OPPURE UN FILO DI OLIO. SERVIRE E MANGIARE SUBITO.
5
Tortino di alici
21
Per sfilettare le alici per prima cosa staccate la testa, quindi apritele a metà lungo la pancia, eliminate le interiora e in fine eliminate la lisca centrale.Preparate il ripieno del tortino mettendo in una ciotola il pomodoro tagliato a cubetti, aggiungete il prezzemolo tritato, un pizzico di sale, il pangrattato e impastate con le mani fino ad ottenere un composto denso e umido; il succo del pomodoro dovrebbe essere sufficiente ma nel caso l'impasto risulti ancora asciutto aggiungete un pochino di acqua. Per ultima aggiungete la provola tagliata a cubetti.Prendete una pirofila rotonda da 18 cm, ungetela con dell'olio d'oliva e quindi cospargetela di pangrattato.Disponete le alici in cerchio in modo da foderare il fondo della pirofila. Mettete dentro il ripieno e pressatelo bene, considerate di fare uno strato altro circa 2 cm. Coprite con le alici sempre disposte in cerchio e richiudete il tutto per bene. Cospargete con una manciata di pangrattato, il pecorino, un ultimo filo d'olio e cuocete in forno a 200° per circa 20/25 minuti finché non vedrete il tortino ben dorato in superficie.
6
Spaghetti all'amatriciana con verdure
7
Tagliare il guanciale a dadini, metterlo in una pentola con il peperoncino e 1 cucchiaio di olio e farlo rosolare a fiamma vivace fino a quando avrà preso colore.Bagnare con il vino e appena sarà evaporato unire la polpa di pomodoro, regolare di sale e cuocere per 10 minuti a fuoco vivace mescolando di tanto in tanto.Nel frattempo pulire e lavare le verdure. Fare imbiondire il cipollotto, la carota e il sedano tritati finemente in una padella antiaderente con 2 cucchiai di olio.Aggiungere i peperoni e la zucchina tagliati a dadini, aggiustare di sale e proseguire la cottura per 5 minuti a fiamma medio/alta.Lessare gli spaghetti in abbondante acqua salata, scolarli, versarli nel condimento e saltarli per qualche minuto.A fuoco spento spolverare con il trito di aromi e pecorino grattugiato e mescolare.Unire quindi le verdure e servire subito.
7
Treccia brioche al pesto di rucola
38
Scaldare per qualche secondo al microonde il latte, poi sciogliervi dentro il lievito sbriciolato, mescolando con un cucchiaino.Nella ciotola di una planetaria versare la farina setacciata, 10 g di sale, lo zucchero, l'uovo e il composto di latte e lievito: far amalgamare gli ingredienti con la frusta a foglia. Poi unire 50 ml di olio a filo e, utilizzando la frusta a gancio, iniziare ad impastare, finché l'impasto non risulti liscio e compatto.Lasciare riposare l'impasto in forno spento con luce accesa per 2 ore coperto da pellicola.Nel frattempo, preparare il pesto, frullando in un mixer a velocità massima rucola, 150 ml di olio, 5 g di sale, aglio, pecorino, parmigiano e pinoli, finché il composto non raggiunga una consistenza fluida.Trascorse le due ore, stendere l'impasto (consiglio di dividerlo in due parti uguali e seguire lo stesso procedimento per entrambe), finché non diventa un rettangolo abbastanza sottile, poi spennellarlo con dell'olio, dopodiché in maniera omogenea con il pesto.Arrotolare l'impasto per il verso lungo per ottenenere un salsicciotto, che sarà tagliato per la lunghezza e poi intrecciato.Riporre la treccia in una teglia leggermente unta (se sono due trecce, usare due stampi da plumcake) e lasciar riposare per 1 ora. Preriscaldare il forno statico a 180°, poi trascorso il tempo necessario, spennellare la treccia con un uovo sbattuto ed infornarla per 30-35 minuti.
8
Orecchiette al pesto con asparagi
31
Per preparare il pesto, cominciate mettendo lo spicchio di aglio in un mortaio e sminuzzatelo. Poi aggiungete le foglie di basilico fresco insieme al sale grosso. Schiacciate il basilico contro le pareti del mortaio ruotando il pestello da sinistra verso destra e contemporaneamente ruotate il mortaio in senso contrario. Quando le foglie di basilico iniziano a rilasciare un liquido verde brillante, aggiungete i pinoli e ricominciate a pestare.Aggiungete i formaggi ed infine l'olio di oliva extravergine, mescolando sempre con il pestello. Amalgamate bene gli ingredienti fino ad ottenere un composto omogeneo. Ottenuto il pesto, mettetelo da parte.Lavate gli asparagi. Tagliate le estremità dure e scartatele. Pelate il gambo con un coltellino fino quando non diventa bianca così da poter eliminare la parte filamentosa. Tagliate le punte gli asparagi e riducete il gambo a rondelle.In una padella grande scaldate il burro a fuoco moderato. Tritate finemente le cipolle, trasferitele nella padella e fatele rosolare. Aggiungete le rondelle di asparagi e condite con sale e pepe. Cuoceteli finché non diventano teneri, circa 10 minuti, aggiungendo un mestolo di acqua calda per favorire la cottura. Spegnete il fuoco. Prelevate metà dei gambi e frullateli in un mixer. Riunite la crema di asparagi ai gambi a pezzetti nella padella. A il tutto a fuoco spento e tenete da parte.In un'altra padella scaldate due cucchiaini di olio d'oliva a fuoco moderato. Aggiungete le punte di asparagi e fatele saltare finché non diventano croccanti e teneri (circa 2- 3 minuti). Dopodiché condite con sale e pepe. Più tempo li lascerete più perderanno il loro colore brillante. Terminata la cottura, spegnete il fuoco.Portate a bollore l'acqua in una pentola e calate le orecchiette facendole cuocere secondo le istruzioni riportate sulla confezione. Mettete da parte circa una tazza di acqua di cottura. Scolatele e trasferitele nella padella dove avevate mescolato i gambi a pezzetti e la crema di asparagi e regolate a fuoco basso. Aggiungete quindi il pesto ed infine le punte di asparagi. Mescolate bene per amalgamare. Aggiungete un po' di acqua di cottura messa da parte se il pesto è troppo denso. Cospargete del parmigiano a piacere e servite con un filo d'olio d'oliva se lo si desidera.
9
Reginette alla norma su crema di basilico
1
Sbucciamo la melanzana, mettendo da parte qualche strisciolina della buccia, e la tagliamo in senso orizzontale. Mettiamo le fette in un contenitore le cospargiamo con del sale grosso e riempiamo il contenitore di acqua. Lasciamo le fette a bagno per una mezzoretta nel corso della quale l'acqua diviene scura. Laviamo e lasciamo scolare.Mente le melenzane spurgano, prepariamo la crema di basilico. In un mixer mettiamo le noci, le foglie di basilico, i formaggi ed un cubetto di ghiaccio. Diamo una prima mixata, quindi regoliamo la cremosità con lo yogurt e con l'olio. Assaggiamo e regoliamo di sale.Per la preparazione della salsa: tagliamo a pezzi i pomodorini (o i pomodori) e li puliamo dai semi. Mettiamo i pezzi di pomodoro in un pentolino a fuoco basso, mescolandoli di tanto in tanto con un cucchiaio di legno. Quando si saranno "ammaciati" (afflosciati) li trasferiamo in una passaverdure. Versiamo il succo in un pentolino con uno spicchio di aglio e qualche fogliolina di basilico e lasciamo bollire a fuoco basso, per una decina di minuti.Dopo averle spurgate ed asciugate per bene, passiamo alla frittura delle melanzane. Una volta fritte le lasciamo a rilasciare l'olio su carta assorbente, quindi le tagliamo a pezzetti. Cuociamo la pasta, scoliamo ed incorporiamo la salsa e le melanzane. Serviamo su un velo di crema di basilico, spolverando con della ricotta salata e servendoci delle bucce fritte per decorare il piatto.
10
Pasta al forno
14
Iniziate preparando il ragù. Affettate sottilmente la cipolla e mettetela in un tegame con un fondo d'olio; quando sarà diventata trasparente aggiungete la carne tritata e fate rosolare bene, quindi alzate la fiamma e versate il vino rosso in modo che cuocia velocemente e l'alcool evapori.A questo punto aggiungete la passata di pomodoro, l'acqua, l'alloro, salate e fate cuocere a fuoco lento per circa un'ora; dopodiché aggiungete i piselli e fate cuocere per altri 15/20 minuti finché anche questi saranno cotti. L'importante è che il ragù rimanga abbastanza liquido per cui in caso aggiungete altra acqua durante la cottura e ricordate di togliere la foglia d'alloro prima di utilizzarlo per la pasta.A questo punto tagliate le melanzane a tocchetti e metteteli in uno scolapasta salando abbondantemente; lasciate li per almeno 45/50 minuti in modo che le melanzane perdano la loro acqua.Quindi lavatele bene sotto l'acqua corrente, strizzatele e friggetele in abbondante olio bollente, scolate e mettete ad asciugare su carta assorbente. Intanto preparate i condimenti tagliando a pezzetti il prosciutto, l'uovo sodo e la mozzarella. A questo punto siete pronte per cui preparate la teglia versando sul fondo un mestolo di sugo.Dopodiché preparate la pasta. Fatela bollire dell'abbondante acqua salata, versateci la pasta e fatela cuocere fino a metà cottura o poco più, terminerà di cuocere in forno. Scolatela e conditela abbondantemente col sugo, quindi versate i formaggi grattugiati, il prosciutto, la mozzarella, l'uovo sodo e le melanzane fritte, mescolate il tutto per bene. Versate la pasta nella teglia, ricoprite abbondantemente col sugo rimasto e cospargete con tanto formaggio grattugiato.Cuocete in forno ben caldo a 200° per circa 45/50 minuti finché non si sarà formata una bella crosta croccante.
11
Carbonara ai funghi porcini
25
Pulite i funghi porcini: eliminate la parte terrosa che si trova alla fine del gambo e ripuliteli dalla terra spazzolandoli; staccate la cappella dal gambo, facendo attenzione a non rovinarli, raschiateli leggermente e poi puliteli delicatamente con un panno umido; tagliate il gambo a pezzetti piccoli e usatelo per il fondo di cottura, e la cappella a fette più spesse. Mettete in una padella due cucchiai di olio evo, uno spicchio d'aglio schiacciato e la punta di un peperoncino. Non appena l’aglio comincia a sfrigolare, aggiungete i gambi dei funghi a pezzetti e saltateli per qualche minuto, fino a quando saranno appassiti. Unite quindi le cappelle affettate, salate, pepate e saltate ancora un paio di minuti. Spegnete, aggiungete le foglioline di prezzemolo tritato finemente e tenete da parte.Iniziate a preparate la crema di uova sbattendo in una piccola bowl i tuorli con sale, pepe nero e un cucchiaio di olio evo, quindi buttate le pappardelle nell'acqua bollente, prelevate un cucchiaio di acqua di cottura e versatelo sulla crema mescolando velocemente, per ultimo aggiungete il pecorino grattugiato e continuate a mescolare fino ad ottenere una consistenza fluida e corposa.Scolate la pasta al dente nella padella con i funghi porcini e saltatela (se necessario aggiungete qualche cucchiaio di acqua di cottura), spegnete e aggiungete la crema d’uovo e mescolando velocemente fino a formare la tipica cremina della carbonara. Ancora un filo d'olio, pepe nero e foglioline di prezzemolo e poi servite velocemente la vostra profumata carbonara ai funghi porcini!