0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

43Risultati per "salvia"

0
Paccanelli burro e salvia
7
Preparazione dei paccanelli: tagliare la salsiccia in pezzi di circa 5 cm e avvolgerli nella fettina di pancetta dopodiché fermare con uno stuzzicadenti. Solitamente li trovo gia pronti dal mio macellaio di fiducia ma sono facilissimi da preparare.In una padella antiaderente cospargere un filo d'olio e far indorare i paccanelli. Aggiungere un bicchiere di vino bianco, coprire con un coperchio e far cuocere a fuoco moderato, i paccanelli. Girarli spesso per evitare che si brucino Dopo circa dieci minuti, in un'altra padella far sciogliere il burro con le foglie di salvia. Quando sarà completamente sciolto far saltare i paccanelli per qualche minuto. Servirli a tavola ben caldi.
1
Foglie di salvia impanate
Fare le Foglie di salvia impanate è molto semplice e veloce. Rompiamo l’uovo in un piattino, aggiungiamo un pizzico di sale e battiamolo con una forchetta.Laviamo le foglie di salvia e tamponiamole per asciugarle. Mettiamo del pangrattato in un capiente recipiente.Nel frattempo mettiamo abbondante olio in un padellino e poniamolo sul fuoco.Passiamo le foglie di salvia nell’uovo, poi nel pangrattato ed infine tuffiamole nell’olio caldo facendole cuocere per un paio di minuti al massimo. Sono così sottili infatti che non dobbiamo lasciarle a lungo..quanto basta per farle diventare croccanti.Trasferiamole quindi in un recipiente coperto di carta assorbente ed infine in un piatto da portata. Perfetto…le nostre Foglie di salvia impanate sono pronte per essere gustate calde e croccanti.
2
Frittata con salvia e pancetta
Iniziamo mettendo un po d’olio in una padella antiaderente e rosoliamo la pancetta.Sbattere le uova con l’aggiunta di poco latte ,sale e la salvia tritata ed aggiungiamo il tutto alla pancetta mescolando per amalgamare tutti gli ingredienti.Fare rapprendere bene la frittata da un lato e poi voltarla delicatamente per non romperla con l’ausilio di un piatto grande o un coperchi da cucina.Terminare la cottura e servire a tavola oppure lasciar raffreddare e riporre in freezer. BUON APPETITO
3
Carpaccio di barbabietola rossa e fiori di salvia
1
Tagliate le barbabietole rosse a fettine molto molto sottili, cosi come il limone.Lavate la rucola, il cipollotto, i fiori di salvia ed il prezzemolo con acqua fredda, scolate e tamponate delicatamente tra due fogli di carta assorbente da cucina, per asciugarli.Preparate il dressing. In una piccola ciotolina versate: l’olio, una spruzzatina di limone, sale, pepe e zenzero grattugiato.Tagliate il cippollotto a striscioline molto sottili e tritate il prezzemolo.Prendete un bel piatto: sistemate la rucola sul piatto, adagiatevi le fettine di barbabietola rossa, qualche fetta di limone, cipollotto a striscine, un po’ di prezzemolo ed un cucchiaio di dressing. Procedete cosi fino a finire gli ingredienti, e finite spolverando con i pinoli tostati il restante prezzemolo, i fiori di salvia e, se necessario, un filino d’olio extravergine d’oliva.
4
Tacchino arrostito con glassa d'arancia e salvia
27
Lasciate il tacchino a temperatura ambiente per trenta minuti prima di arrostirlo. Preriscaldate il forno a 230°.In una ciotola, mescolate il burro, la scorza grattugiata di un'arancia, la salvia e l'aglio tritati, il sale e il pepe (1). Con le mani, separate la pelle dalla carne e strofinate metà del composto di burro tra la pelle e la carne. Strofinate uniformemente il burro rimasto sulla pelle del tacchino (2). Legate le gambe del tacchino insieme con uno spago da cucina.Posizionate il tacchino in una teglia e successivamente introducetela nel vano del forno. Aggiungete il vino sul fondo della teglia. Inserite un termometro da cucina in una coscia del tacchino. Arrostite per 1 ora e 45 minuti.Mentre il tacchino si sta arrostendo, unite il succo d'arancia, lo zucchero di canna e dieci foglie di salvia in una casseruola e portate a ebollizione. Riducete il fuoco lentamente a medio-basso e lasciate cuocere fino a quando il composto liquido non si è ridotto di circa un terzo e addensato.Terminata la cottura del tacchino, spennellare la glassa d'arancia e salvia sopra il tacchino. Rimettete in forno e continuate la cottura per 20 minuti o fino a quando il termometro non segna 77° (il tempo di cottura totale dovrebbe essere compreso tra 2 e 2 ore e mezza).Trasferite il tacchino su di un tagliere e lasciatelo riposare da 10 a 20 minuti prima di tagliarlo.
5
Patate al cartoccio farcite
Spazzolare e lavare per bene le patate.Tagliare i funghi a lamelle.Inciamo a metà le patate senza raggiungere il fondo,posizionando nel taglio una fetta di speck,le lamelle di funghi, ed il parmigiano.Richiudiamo la patata in un foglio di carta stagnola e profumiamo con salvia e rosmarino unendo anche un fiocco di burro.Chiudiamo per bene il nostro cartoccio posizionando le patate in una pirofila da forno.Cuociamo a 180 ° per circa un'ora.Sfornare e servire con il cartoccio..Vedrete che profumo emaneranno una volta che aprirete...... BUON APPETITO
6
Gnudi toscani, e la mia personale comfort zone
10
La ricotta passatela, e se è sierosa strizzatela prima in un tovagliuolo. La bietola ( o gli spinaci n.d.r.) nettatela dai gambi, lessatela senz’acqua, strizzatela bene e tritate la fine colla lunetta.Fate un impasto di tutto, prendete il composto a cucchiaiate e mettendo sopra a della farina, che avrete distesa sulla spianatoia, avvolgetelo bene dandogli la forma tonda e bislunga delle crocchette. Con questa dose farete circa due dozzine di ravioli.Per cuocerli gettarli in acqua, non salata, che bolla forte e levateli colla mestola forata perché restino asciutti. Conditeli o col sugo o a cacio e burro e serviteli per minestra o per contorno a un umido di carne. Siccome la cottura ne è sollecita, bastando che assodino, cuoceteli pochi alla volta onde non si rompano.
7
Salmone gratinato alle erbe
5
Lavate bene i tranci di salmone, eliminate le lische presenti, le sentirete al tatto, controllate bene su entrambi i lati. Eliminate la pelle.Inserite il Pancarré in un robot insieme alle erbe, l’aglio,il sale, il pepe nero e un filo d’olio d’oliva e Tritate. Ricoprite i tranci di salmone con la panatura e facendola aderire bene , schiacciate con i palmi delle mani.Poggiate le fette di salmone su una taglia ricoperta da carta forno.Cuocete in forno a 180 gradi per 20 minuti. Le fette di salmone dovranno risultare ben dorate.
8
Pennè al ragù di zucca e mazzancolle
Mettete a bollire l’acqua per la pasta, leggermente salata.Nel frattempo frullate la zucca in un mixer. Prendete una casseruola, mettete all’interno 4 cucchiaini di olio, lo scalogno tagliato a velo, la salvia (2/3 foglie spezzate a mano. accendete il fuoco e imbiondite per 2 minuti. Unite la zucca e i pomodori secchi tagliati a striscioline. Salate e pepate. Cuocete per 5/7 minuti. Lessate la pasta al dente e gli ultimi 3 minuti tuffateci le mazzancolle direttamente nell’acqua di cottura.Condite il tutto con questo ragù meraviglioso e saporito.
9
Risotto con melanzane e pomodori secchi
1
Innanzitutto, tagliare la melanzana a dadini. Mettere successivamente i dadini in una casseruola con olio e uno spicchio d'aglio. Lasciar cuocere qualche minuto.Aggiungere il riso e mescolare, in modo da far tostare il riso con i dadini di melanzana. Sfumare poi con il vino bianco.Una volta tostato, cominciare ad aggiungere qualche mestolo di brodo e continuare la cottura. Aggiungere anche i pomodori secchi tagliati a striscioline e continuare la cottura, aggiungendo man mano qualche mestolo di brodo quando viene assorbito.Al termine della cottura del riso, mantecare a fuoco spento con qualche fiocco di burro e del parmigiano, e lasciar riposare.
10
Gnocchi di ricotta e zucca
37
Per realizzare il purè di zucca, come prima cosa occorre tagliare la zucca a dadini, dopo averla spellata, e lessarla in acqua. Circa la quantità d’acqua, deve coprire i dadini ma non superate il loro livello. Fare cuocere per circa 15-20 minuti mescolando di tanto in tanto. Spegnere comunque il fuoco quando l’acqua sarà ben assorbita. Lavorare la zucca con il passaverdura e mettere a cuocere a fuoco dolce il composto ottenuto, aggiungendo un pizzico di sale e un fiocco di burro.Mescolare il purè di zucca, la ricotta, il parmigiano, le uova e il sale in una grande ciotola. Aggiungere 2 tazze di farina e mescolare con le mani. L'impasto dovrebbe essere molto appiccicoso, difficile da lavorare. Aggiungere un'altra mezza tazza di farina e mescolare. Se la pasta non è ancora abbastanza flessibile per essere lavorata, continuare ad aggiungere un po' di farina per volta. L'impasto non dovrebbe mai richiedere più di 4 tazze di farina. Coprire l'impasto con un panno umido. Portare una pentola di acqua a ebollizione, quindi aggiungere abbastanza sale. Lasciate che l'acqua sobbollisca mentre si preparano gli gnocchi. Per fare gli gnocchi, buttate un po' di farina su una grande superficie di lavoro. Tagliare l'impasto in quattro parti uguali. Prendere un pezzo e tagliarlo a metà. Appiattire il pezzo di pasta e farlo diventare di circa 1,5 cm di spessore. Poi tagliarlo a pezzi con un coltello. Spolverare gli gnocchi con un po' di farina. Quindi utilizzare un dito per pressare lo gnocco contro i rebbi di una forchetta. Far cadere lo gnocco sulla superficie di lavoro. Questo passaggio lo scopo di creare "depressioni" e "creste" che facilitano l'amalgamarsi della salsa negli gnocchi.Ripetere l'operazione con gli altri pezzi di pasta e successivamente con l'aiuto di una spatola di metallo, prendere un po' di gnocchi alla volta e calarli nell'acqua di cottura. E' importante cuocere pochi gnocchi alla volta in modo che non si attacchino tra loro. Fare cuocere gli gnocchi fino a quando non galleggiano. Poi rimuoverli con una schiumarola. Riporre gli gnocchi cotti su una teglia e condirli con un filo d'olio in modo che non si attacchino tra loro. Quando tutti gli gnocchi sono pronti, scaldare il burro a fuoco medio-alto. Aggiungere abbastanza gnocchi nella padella per coprirla con un solo strato. Non lasciare che si ammucchino l'uno sull'altro. Lasciarli soffriggere per 90 secondi. Aggiungere metà della salvia. Cuocere per un altro minuto, poi impiattarli. Ripetere l'operazione con gli gnocchi rimanenti.Guarnire con una spolverata di pepe nero e una foglia di alloro.
11
Bistecchina di maiale alla senape e salsa di mele
5
Ho preso le due bistecchine e le ho schiacciate con il pesta carne per abbassarle ed ingrandirle, le ho fatte rosolare con poco olio su una padella antiaderente prima da una parte e poi dall'altra. Le ho tolte e tenute in caldo su un piatto coperto con stagnola. Nella padella ho versato la panna fresca liquida e due cucchiai di senape, consiglio di assaggiare la salsa perchè la senape ha un profumo ed un gusto forte, che ho mescolato con un cucchiaio di legno e salato. Nel frattempo ho pulito una mela tagliandola a piccoli pezzi. Ho messo la mela, due cucchiai di acqua, sale e trito di rosmarino e salvia in un tegamino a bordi alti ed ho acceso il fuoco. La mela deve cuocere fino ad inglobare tutta l'acqua diventando tenerissima. Passare al minipimer.A questi punti quando la salsa alla senape si è ristretta, toglierla dal fuoco. Impiattare le bistecchine e nappare con la salsa alla senape rustica, a lato servire il piccolo purè alla mela e erbe aromatiche, guarnire con foglie di timo e ...Buon Appetito!