0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

975Risultati per "Sale"

0
Pennoni rigati con melanzane, menta e caciocavallo
11
Pelare per ¾ le melanzane, tagliarle a cubetti, salarle con sale grosso e farle spurgare per almeno mezz’ora. Saltare poi in padella le melanzane con l’olio e l’aglio e poi frullare il tutto aggiungendovi un pò d’acqua di cottura e alcune foglioline di menta.Cuocere i penne rigate Bio in abbondante acqua salata e scolarli al dente. Mantecare la pasta fuori fiamma con la crema di melanzane, aggiungendo il caciocavallo a scaglie. Impiattare e decorare il piatto con le mandorle tostate e foglioline di menta.
1
Banane fritte al cocco e sale
28
Prendi le banane, tagliale a fettine diagonali spesse circa 2 cm e passale nella farina di cocco (devi pressare leggermente perché aderisca).Nel frattempo scalda un dito d'olio in una padella e quando sarà ben caldo (faccio sempre la prova dello stecchino - lo immergi nell'olio e quando iniziano a formarsi le bollicine attorno a questo la temperatura è al punto giusto) friggi le fettine di banana da entrambe i lati. Quando sono dorate toglile e adagiale su della carta da cucina in modo che assorba l'olio in eccesso. Spolvera con un pizzico di sale e servi.
2
Gnocchi viola
1
Armatevi di spianatoia innanzitutto! Per prima cosa laviamo le carote e le puliamo: questa operazione vi colorerà sicuramente le dita… tagliamole a pezzetti e le mettiamo a bollire in abbondanti acqua salata assieme alle patate. Io ho scelto per praticità di pelare già anche le patate e tagliarle a pezzi. Quando si saranno lessate, le scoliamo e le facciamo raffreddare in uno scolapasta. A questo punto possiamo ridurle in purea con una forchetta o più praticamente passarle nello schiacciapatate.  Possiamo raccogliere il risultato in una ciotola, dove aggiungeremo poi un pizzico di sale e circa 220 gr di farina, il resto ci servirà dopo.Iniziamo a lavorare con le mani, dopodiché versiamo il composto sulla spianatoia infarinata e continuiamo ad impastare fino a che sarà compatto e non troppo umido.Se dovesse servire aggiustate di farina…Prelevando dei pezzi di impasto, con le mani infarinate creiamo delle strisce: con l’aiuto di una forchetta tagliamo la striscia a pezzetti, della dimensione desiderata degli gnocchi. Possiamo lasciarli così, con una forma leggermente squadrata, oppure con le mani dare la forma ovale a ogni pezzo. Man mano li andremo a disporre sulla spianatoia infarinata, spolverizzandoli a loro volta con ulteriore farina per evitare che si attacchino al fondo e tra di loro.Sempre con l’aiuto della forchetta possiamo rigare i lati dello gnocco, per dargli il classico aspetto.Basterà cuocerli in acqua bollente salata, scolandoli non appena vengono a galla. Noi abbiamo scelto di condirli semplicemente con burro e la salvia saporitissima del nostro orticello. Una spolverata abbondante di parmigiano e… buon appetito!
3
Tartufi raw e vegan in due ingredienti
33
Elimina il nocciolo e metti i datteri nel robot da cucina: aziona e trita finché non diventeranno sottilissimi. Aggiungi il cacao o la farina di carrube e il sale, poi mixa finché non sarà omogeneo. Se dovesse risultare ancora appiccicoso aggiungi ancora un po' di cacao/farina.Crea delle palline della dimensione che preferisci e rotolale in altro cacao/farina. Servi o conserva in frigorifero.
4
Zeppola di san giuseppe
1
Versiamo in una pentola l'acqua con un pizzico di sale e burro, accendiamo il fuoco e aspettiamo che l'acqua inizia a sobbollire aggiungiamo la farina setacciata e mescoliamo energicamente fino ad ottenere un composto omogeneo. Versiamo il tutto su un marmo per farlo raffreddare e aggiungiamo le uova e lavoriamo energicamente.
5
Pasta con piselli gamberi e zafferano
40
Prima di tutto ci preoccupiamo di sgranare i piselli. Li raccogliamo in una ciotola. Mettiamo sul fuoco un pentolino con acqua e sale, non appena bolle versiamo all’ interno i piselli per pochissimi istanti. Laviamo i pomodorini e li tagliamo a metà. In una padella scaldiamo un cucchiaio di olio con lo scalogno sminuzzato. Versiamo all’ interno i pomodorini e lasciamo cuocere. Nel frattempo puliamo le mazzancolle. Eliminiamo testa, zampe, carapace e filamento nero (interiora) e le passiamo sotto l’acqua e li versiamo nella padella insieme ai pomodori. Lasciamo cuocere per qualche minuto e se necessario aggiungiamo un mestolo di brodo. A questo punto inseriamo anche i pisellini e qualche pistillo di zafferano. Mescoliamo bene , togliamo dal fuoco e lasciamo da parte. Cuociamo le pasta in acqua e sale. Non appena al dente le scoliamo e le versiamo in padella insieme al condimento, le mescoliamo affinché possano assorbire e quindi “accogliere” il condimento alla perfezione, grazie alla trafilatura al bronzo.
6
Cavolfiore al forno
1
Accendi il forno a 200 gradi. Nel frattempo lava il cavolfiore bianco eliminando le foglio esterne.Metti sul fuoco una pentola con acqua e riponi il cavolfiore intero all'interno della pentola. L'acqua deve ricoprire il cavolfiore per 3/4.Aggiungi un cucchiaino di sale nell'acqua e accendi il fuoco. Fai cuocere per 10 minuti.Prepara una teglia con la carta da forno e posa il cavolfiore su di essa. Massaggia il cavolfiore con dell'olio di oliva e infornalo per 40 minuti a 200 gradi.
7
Pettole o popizze (frittelle baresi)
4
Impastare in planetaria,o altro robot da cucina, la semola,oppure la farina,se la si vuole fare solo con questa,prima con un pochino di acqua in cui avrete sciolto il lievito,e poi sempre mescolando aggiungete altra acqua “poco per volta”,deve diventare un impasto molto denso,ma non completamente liquido, cercate di far inglobare aria,infine aggiungete il sale e mettete a lievitare.Dopo la lievitazione,mettete a scaldare dell’olio di arachidi fino a farlo arrivare a temperatura,sui 170°,quando sara’ pronto immergete la parte finale di un cucchiaio nell’olio bollente prima,prelevate un po’ di impasto dalla coppa,e immergete di nuovo il cucchiaio nell’olio e vedrete che l’impasto scivolera’ e cominceranno a friggere.Non prendetene troppo,altrimenti diventeranno troppo spesse ,e potrete correre il richio che all’interno rimangano crude.
8
Fusilli “cuore mio” vongole e pesto di melanzane
37
Sciacquate per bene le vongole e lasciatele spurgare almeno per 1 ora in acqua fredda.Preparate il pesto di melanzane: lavate e asciugate le vostre melanzane, eliminate il picciolo e tagliatele a metà nel senso della lunghezza. Praticate delle incisioni con un coltello su tutta la polpa e infornatele a 200° forno ventilato per circa 20 minuti o finché la polpa non sarà ben ammorbidita.Scavate la polpa delle melanzane con un cucchiaio, lasciatela raffreddare e strizzatela per eliminare l’eccesso di acqua. Tritatela in un mixer con 3⁄4 foglie di basilico, qualche pomodorino, un filo d’olio e i 2 cucchiai di parmigiano fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea. Se desiderate ottenere una consistenza ancora più vellutata potete passare in un setaccio a maglie fini il pesto. Tenete da parte.Dedicatevi alle vongole. In una padella capiente soffriggete leggermente uno spicchio d’aglio con un filo d’olio, poi aggiungete le vongole. Sfumate con del vino bianco e lasciate che i molluschi si aprano completamente.Sgusciate le vongole lasciandone una manciata per la decorazione e filtrate il loro sughetto che vi servirà, poi, per la mantecatura.Tagliate i pomodorini a dadini piccoli e scaldateli leggermente in una padella con un altro spicchio d’aglio e un filo d’olio.É arrivato finalmente il momento clou della ricetta: l’entrata in scena dei meravigliosi fusilli “Cuore mio” . Lessateli in acqua bollente salata per 10 minuti, mantenendoli al dente. Terranno egregiamente la cottura e saranno ottimi protagonisti del vostro piatto.Scolate i fusilli e saltateli nella padella con i pomodorini aggiungendo il sughetto delle vongole lasciato da parte. Unite anche le vongole sgusciate e 2 cucchiai di pesto di melanzane, mantecando bene i fusilli “Cuore mio “ che cattureranno perfettamente il condimento.In un padellino saltate le briciole di mollica di pane con un filo d’olio fino a che non diverranno dorate e croccanti.É il momento dell’impiattamento: adagiate un cucchiaio abbondante di pesto di melanzane sulla base del piatto, sistemate i fusilli e decorate con le vongole tenute da parte con il guscio e le briciole di pane croccante. Terminate con una fogliolina di basilico e buon appetito!
9
Frappè di clementine
23
Utilizzare le dita per sbucciare le clementine e farle a metà. Estrarre l'eventuale eccedenza della parte centrale e scartarla.Aggiungere lo yogurt nel frullatore, poi aggiungere le clementine, il ghiaccio e un pizzico di sale per esaltarne i sapori. Mescolare bene, fino a quando le clementine non siano diventate succo e non ci siano pezzi di ghiaccio.Ci saranno probabilmente ancora alcune parti fibrose nel frullato. Se non vi dispiace un po di consistenza fibrosa, versarla in un bicchiere e bere direttamente. Per un frullato perfettamente omogeneo, versare attraverso un setaccio di metallo nel vostro bicchiere.
10
Bruschetta asparagi e uovo in camicia
26
Cominciate con la preparazione degli asparagi. Puliteli con un pelapatate, eliminando la parte inferiore più dura. Fate una prima cottura al vapore oppure in bollitura. In una padella fate scogliere una noce di burro e unite spezie a vostro piacere (paprika, pepe, maggiorana), unite gli asparagi e fateli saltare qualche minuto per insaporirli. Teneteli da parte coperti con carta alluminio per mantenerli caldi.Sotto il grill del forno o in padella fate dorare le fette di pane unte con un filo di olio. Appoggiatevi sopra gli asparagi, tagliandoli anche a metà.Ora è il momento di dedicarsi all’uovo in camicia! In una pentola capiente versate dell’acqua lasciando tre/quattro dita dal bordo. Versate un pizzico di sale e un cucchiaio di aceto bianco. Non appena comincia a bollire con una frusta girate velocemente creando un vortice. Aprite l’uovo in una ciotola e avvicinandola delicatamente al centro del vortice lasciate scivolare l’uovo….e attendete che la magia si compia! Il bianco si avvolgerà intorno al tuorlo. Cuocete per due minuti, poi con l’aiuto di una spatola forata delicatamente estraetelo e appoggiatelo sopra gli asparagi e il pane. Al momento dell'apertura rimarrete stupiti da questa ricetta veloce e gustosa.
11
Spaghetti in crema di ricotta, timo e limone
1
Come prima cosa mettete a scaldare l’acqua per la pasta, leggermente salata. A parte, in una ciotola lavorate la ricotta con un pizzico di sale, la buccia grattugiata di due limoni, foglioline di timo (meno quelle per la decorazione finale). Assaggiate e aggiustate di sapore.Se non si sentisse troppo il gusto del limone aggiungete pochi cucchiai del suo succo.Prelevate un bicchiere di acqua di cottura. Scolate al dente e incorporate la salsa. Unite poca acqua, necessaria a rendere fluido il tutto. Servite subito completando con rametti di timo freschi.