0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

867Risultati per "acciughe sott\'olio"

0
Linguine con asparagi e fiori di zucca
37
Pulire gli asparagi, eliminando la parte del gambo più dura. Lavarli e tagliarli a tocchetti. Sbucciare lo scalogno, tritarlo fine facendolo appassire a fiamma media in una padella con l’olio.Unire gli asparagi, salarli e proseguire la cottura per quindici minuti mescolando spesso. Pulire i fiori di zucca ed eliminare il pistillo. Friggerli in abbondante olio caldo per pochi istanti e conservarli in caldo.Sbattere le uova con la panna e il formaggio in una ciotola capiente, mescolando fino a ottenere un composto omogeneo. Cuocere le linguine in acqua bollente salata, scolarle al dente e mantecarle nella padella con gli asparagi, la maggiorana e la crema di uova, panna e formaggio. Aggiungere ad ogni porzione un fiore fritto, pepare e servire.
1
Pizzette di zucchine con alici e capperi
1
Prendiamo due zucchine tonde, laviamole e spuntiamole dopodiché ricaviamo da ciascuna 5/6 fettine non molto sottili e grigliamole da ambo le parti su una piastra ben calda.Tagliamo la scamorza a fettine sottili, laviamo i fiori di zucca e facciamoli a filetti.Disponiamo ora le zucchine su una teglia ricoperta da carta da forno e su ciascuna mettiamo una fettina di scamorza, un pezzettino di alice dissalata, un filetto di fiore e due capperi.Passiamo il tutto in forno già ben caldo pochi istanti...il tempo di far sciogliere leggermente la scamorza. Se posso darvi un consiglio...i filetti di fiori potete metterli in un secondo tempo per evitare che appassiscano in fretta. Buon appetito!!!
2
Spaghetti al profumo di alici e finocchietto
40
Portare a bollore dell'acqua leggermente salata. In una padella antiaderente far scaldare un cucchiaio di olio e aggiungere il pangrattato. Far tostare per qualche minuto mescolando di tanto in tanto finché non diventa dorato (attenzione a non bruciarlo!). Mettere da parte.Nella stessa pentola antiaderente (senza residui di briciole) far scaldare un cucchiaio d'olio e aggiungere la acciughe. Mescolare fino a che non si sono sciolte completamente. Per agevolare l'operazione aggiungere dell'acqua di cottura (circa 5/6 cucchiai) in modo che di formi un sughetto abbastanza denso. Aggiungere i pomodori secchi tagliati a pezzettini piccolissimi. Cuocere per qualche minuto.Sminuzzare il finocchietto sottilmente e aggiungerlo, tenendone da parte circa 1/3, al sugo.Scolare la pasta al dente e farla insaporire nel sugo a fuoco vivace, aggiungendo dell'acqua di cottura. Aggiungere il finocchietto. Impiattare spolverando con le briciole croccanti e guarnire con del finocchietto.
3
Pasta all'arancia, acciughe, olive e mandorle
5
Come prima cosa preparate il pangrattato facendolo abbrustolire in una padella finché non diventa bruno. Quindi lavate bene le arance e grattugiatene la scorza, spremetele e mettetene da parte il succo.Tagliate a pezzetti i filetti di acciughe, snocciolate e spezzettate le olive, tagliate a pezzetti le mandorle. Mettete l'acqua in un tegame, portate a bollore e gettate la pasta. A questo punto mettete in una padella capiente, perché poi dovrete saltare qui la pasta, un fondo d'olio d'oliva, le acciughe, le olive, le mandorle e il peperoncino. Fate rosolare il tutto quindi versate il succo d'arancia e fate cuocere per un minuto.A questo punto la pasta sarà a metà cottura, prendetela con un forchettone e versatela nella padella, terminate la cottura andando aggiungendo l'acqua di cottura degli spaghetti. Saltate pian piano in modo continuo, vedrete che il succo d'arancia con l'acqua e l'olio creeranno un'emulsione cremosa. Aggiungete in ultimo una macinata fresca di pepe nero e la scorza d'arancia.A termine della cottura aggiungete un paio di cucchiai di pangrattato abbrustolito, mescolate e impiattate. Servite cospargendo sopra il restante pangrattato.
4
Frittata con fiori di zucca ripieni
2
Privare i fiori del pistillo e lavarliRiempirli con mozzarella a cubetti e acciughe e sigillarli per beneSbattere le uova, salarle e peparleUngere di olio una padella e posizionare i fiori ripieni a raggera facendoli dorareVersare le uova e cuocere la frittata schiacciando con una forchetta in modo tale che ricoprano per bene i fiori. Chiudere con un coperchio.
5
Spaghetti, crema di peperoni all'arancia e baccalà
38
Lavare bene l'arancia, grattugiarne la buccia e spremerne il succo. Lavare il basilico, asciugarlo e staccare le foglie.Lavare e asciugare i peperoni e metterli in forno a 250° per 25 minuti circa. Farli raffreddare, togliere la pelle e i semi e frullarli con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea, insieme alla buccia e al succo dell'arancia, al basilico (tenerne da parte alcune foglie per guarnire i piatti), alle acciughe e ai capperi. Aggiustare eventualmente il sapore con sale e pepe.Far tostare il pane grattugiato insieme ad un cucchiaio di olio e mettere da parte. Sciacquare e asciugare il filetto di baccalà, poi farlo cuocere in una pentola antiaderente calda per circa 3 minuti per lato. Ridurlo poi in piccoli pezzi. Aggiustare eventualmente di sale e pepe, se necessario.Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. In una pentola capiente trasferire il condimento a base di peperoni e farlo scaldare insieme al baccalà, tenendone da parte qualche tocchetto. Scolare la pasta al dente, basterà un minuto in meno, tengono davvero bene la cottura, e trasferirla in questa pentola. Farla insaporire per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.Impiattare aggiungendo il pesce tenuto da parte, le foglioline di basilico, il pane tostato e concludere con un filo d'olio. Ed ecco che questi meravigliosi spaghetti, con grano selezionato e coltivato completamente in Italia, sono pronti per essere gustati in tutta la loro bontà!
6
Fregola con cime di rapa
29
Per prima cosa lavate e mondate le cime di rapaMettete le cime di rapa a bollire in abbondante acqua salataScolatele al dente e nella stessa acqua fate cuocere la fregola per circa 8/10 minuti, seguite comunque la cottura indicata sulla confezioneNel frattempo in un padellino mettete l’olio l’acqua a rosolare, le acciughe e sbriciolateleAggiungete le cime di rapa all’ olio aglio e alici e ripassatele per qualche minutoScolate la fregola al dente lasciando un bicchiere d’acqua di cottura da parteFinite di cuocere la fregola insieme alle cime di rapa aggiungendo poco per volta l’acqua di cottura che occorrerà per ultimare la cotturacondite con un peperoncino fresco se lo gradite
7
Sformato di pane carasau e scarola
2
Iniziamo quindi dalla scarola tagliandola a listarelle sottili e tuffandola mano a mano in una bacinella con acqua e bicarbonato per lavarla. Quindi lessiamola in abbondante acqua salata tirandola fuori ardente.In un padellino uniamo tutto insieme le olive tagliate a rondelle, i capperi già dissalati, i pinoli, e le acciughe fatte a pezzettini. Aggiungiamo 2 cucchiai di olio, 2 cucchiai di acqua e facciamo saltare il tutto per pochi minuti per amalgamare i diversi sapori tra loro.Prendiamo ora una teglia di medie dimensioni, io ne ho usata una 24x24 cm e foderiamola con un foglio di carta da forno bagnata, strizzata e leggermente unta.Andiamo a formare il nostro sformato. Cominciamo col mettere alla base uno strato di pane carasau appena bagnato in acqua calda, copriamo con la scarola, distribuiamo qualche cucchiaio del misto e terminiamo con dei fiocchetti di scamorza Facciamo altri due strati identici non coprendo l’ultimo con pane carasau ma lasciando a vista la farcituraInfornare il nostro gustoso Sformato di pane carasau e scarola alle olive e capperi per una mezz’oretta a 180 gradi coprendo la teglia con un foglio di carta di alluminio e scoprendola solo negli ultimi 10 minuti.Se volete per dare più croccantezza alla superficie, prima di servirlo possiamo distribuirvi sopra delle briciole di pane tostato.
8
Farfalle avocado e gamberetti
39
Mettete a bollire l'acqua in una pentola. Nel frattempo, tagliate a metà l'avocado, privatelo del nocciolo centrale, sbucciatelo e tagliate la polpa a dadini. Mettetela ad insaporirsi con il succo di limetta ed una macinata di pepe.Saltate velocemente i gamberi in una padella antiaderente. Quando l'acqua bollirà, calate le farfalle e lessatele per il tempo indicato sulla confezione, scolatele e fatele raffreddare.Scolate l'avocado dal succo di limetta e conditeci le farfalle aggiungendo anche i gamberetti. Vedrete che il composto di avocado, lime e gamberetti si legherà perfettamente alle farfalle grazie alla particolare qualità di questa pasta. Infatti oltre a contenere betaglucano, che riduce il colesterolo nel sangue, la pasta Cuore Mio Granoro rimane sciolta nel piatto in quanto la vera maestria nella produzione della pasta la si testa sui formati lisci che non devono mai attaccarsi tra loro.Date il tocco finale al piatto con qualche fogliolina di menta tritata ed una grattugiata di scorza di limetta e servite!
9
Penne colorate alle verdure
4
Tagliare le zucchine e le carote in quattro o sei - a seconda della grandezza - parti nel senso della lunghezza e poi in segmenti di tre o quattro centimetri, i pomodorini in quattro parti. In una padella scaldare un filo d'olio e soffriggere una fettina di cipolla, le acciughe sott'olio e il peperoncino.Aggiungere nella padella le carote, dopo cinque minuti le zucchine e le taccole, dopo cinque minuti i pomodorini e i ceci, far cuocere con il coperchio a fuoco lento per altri tre/cinque minuti aggiungendo acqua di cottura della pasta al bisogno.Nel frattempo cuocere in acqua salata - a cui aggiungere un cucchiaino di curcuma - la pasta corta.Scolare la pasta al dente e spadellarla insieme alle verdure per qualche minuto, aggiungere a piacere del basilico fresco. Impiattare e guarnire a piacere con foglioline di basilico o parmigiano grattugiato.
10
Fusilli all’ortolana infuocata
1
Come primo passo mettete a scaldare abbondante acqua salata. A parte, in un largo tegame anti-aderente, mettete a scaldare aglio, olio e cipolla tagliata a velo.Successivamente unite le zucchine ridotte a fiammifero (preferibilmente la parte verde) e i pomodori tagliati a spicchi. Spadellate energicamente per 10 minuti. Salate e pepate. Unite le acciughe e il peperoncino ridotto in piccoli pezzetti. A parte, nel frattempo, tostate i pinoli senza bruciarli. Tritate il prezzemolo.Scolate la pasta al dente, trasferitela nel tegame e finite di cuocerla unendo anche il prezzemolo. Assaggiate e servite finendo il piatto con i pinoli tostati.
11
Rigatoni con tonno e zucchine
2
Lavare le zucchine, asciugarle e, dopo aver tolto le estremità, tagliarle a rondelle. In un tegame far sciogliere con l'olio e lo spicchio d'aglio le alici tritate.Aggiungere le zucchine e farle rosolare mescolando spesso, quindi sfumare con il vino. Unire l'acqua insieme al dado vegetale e fare cuocere per 5 minuti. Nel frattempo sgocciolare il tonno e aggiungerlo al condimento, quindi farlo insaporire giusto un paio di minuti e poi spegnere la fiamma.Lessare i rigatoni e poi scolarli al dente, tenendo da parte qualche mestolo di acqua di cottura. Aggiungere la pasta al condimento e mescolare energicamente, aggiungendo, se necessario, l'acqua di cottura della pasta. Unire una manciata di erba cipollina tritata e impiattare.