0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

35Risultati per "pane raffermo"

0
Pennoni rigati con melanzane, menta e caciocavallo
18
Pelare per ¾ le melanzane, tagliarle a cubetti, salarle con sale grosso e farle spurgare per almeno mezz’ora. Saltare poi in padella le melanzane con l’olio e l’aglio e poi frullare il tutto aggiungendovi un pò d’acqua di cottura e alcune foglioline di menta.Cuocere i penne rigate Bio in abbondante acqua salata e scolarli al dente. Mantecare la pasta fuori fiamma con la crema di melanzane, aggiungendo il caciocavallo a scaglie. Impiattare e decorare il piatto con le mandorle tostate e foglioline di menta.
1
Torta di pane con cioccolato, ricotta e mirtilli
31
Spezzettate il pane all'interno di una ciotola e irroratelo con il latte. Lasciatelo riposare fino a quando sarà diventato morbido.Aggiungete la fecola, il lievito, il cacao, lo zucchero, i mirtilli e la ricotta.Sciogliete il cioccolato, io ho usato il microonde, e versatelo nell'impasto. Mescolate il tutto e versate il composto in una teglia (20x20) rivestita da carta forno.Mettete in forno caldo a 180°statico per 25-30 minuti.
2
Tortini di pane al cacao, amaretti e albicocche
14
Per prima cosa prendete il pane raffermo e tagliatelo in tocchetti. Versate in una ciotola larga e bassa il latte a temperatura ambiente oppure freddo di frigo e inzuppatevi il pane poco per volta. Immergete il pane nel latte per qualche secondo fino a renderlo più morbido; poi strizzatelo e riponetelo in una ciotola. Proseguite fino a che non avrete esaurito la quantità di pane. Utilizzando una forchetta schiacciate leggermente il pane in modo da renderlo una poltiglia. Unite a questo punto il cacao in polvere, le gocce di cioccolato fondente, gli amaretti sbriciolati grossolanamente e lo zucchero e amalgamate il composto. Lavate e tagliate le albicocche in piccole pezzi e unitele all'impasto mescolando. Rivestite con della carta forno due stampini a cerniera del diametro di 10 cm e dividete il composto tra i 2 stampi, livellandolo con una spatola. Spolverizzate la superficie con degli amaretti sbriciolati o tritati e infornate a 180° per circa 35 minuti. Terminata la cottura, lasciate raffreddare i tortini, riponeteli in frigo per un'ora e servite spolverizzandoli con dello zucchero a velo.
3
Polpettone di pollo, pane e zucchine
32
In una ciotola mettete il pane con del latte e lasciate ammorbidire. Mettete in un tritatutto il petto di pollo con le zucchine e tritate grossolanamente.Aggiungete il pane, il parmigiano, le erbe aromatiche, la paprica, una grattugiata di noce moscata, l'uovo, sale e finite di tritare. Se l'impasto dovesse essere molle aggiungete del pangrattato.Ritagliate un rettangolo di carta forno, cospargete la base con del pangrattato e sistemate il composto di pollo dandole una forma cilindrica.Chiudete con la carta forno e sigillate le estremità con dello spago o filo.Sistemate il polpettone su di una teglia da forno e mettete in forno caldo a 190° per 30-35 minuti.
4
Uovo fritto su croccante di pane e verdura
18
Tagliamo a cubetti le carote, la zucchina ed i pomodorini, In un tegame riscaldiamo un velo di olio evo e quando l'olio sarà ben caldo aggiungiamo le verdure ed un pizzico di sale. Saltiamo le verdure per circa cinque minuti sino a renderle croccanti.In un altro tegame abbrustoliamo il pane, mentre in un padellino friggiamo l'uovo ad occhio di bue. Impiattiamo stendendo un letto di verdure e di pane abbrustolito e ponendovi sopra l'uovo, dopo averne ritagliato i bordi frastagliati. Infine lasciamo cadere una goccia di aceto balsamico di Modena sul tuorlo.
5
Tortiglioni con prosciutto, mele e caciocavallo
10
Far fondere il burro in una padella capiente. Unire il prosciutto cotto tagliato a tocchetti e la mela ridotta in fettine sottili, salare e lasciare rosolare il tutto per 5 minuti, finché la mela si ammorbidirà ed il prosciutto sarà leggermente dorato.Unire poi il radicchio tagliato a listarelle e le bietole precedentemente sbollentate e lasciar cuocere ancora qualche minuto.Cuocere i tortiglioni in abbondante acqua salata e scolarli al dente. Aggiungerli alle verdure mantecando il tutto per qualche minuto. Servire con una manciata di pistacchi tritati grossolanamente, il pepe macinato fresco e il caciocavallo silano a fettine sottili.
6
Orata su crema di peperoni con crumble di pane
Per prima cosa mariniamo l'orata con pochissimo olio, santoreggia, timo e sale.Tagliamo i peperoni e il pomodoro a tocchetti e mettiamoli in una padella con un filo d'olio. Saliamo e pepiamo.Quando sono morbidi frulliamo e passiamo al colino cinese.Facciamo tostare il pane raffermo e poi lo sbricioliamo tipo crumble.Facciamo cuocere l'orata per qualche minuto in padella.Adagiamo l'orata sulla crema di peperoni e guarniamo con il crumble di pane.
7
Panzanella calda al forno
5
Tagliamo il pane in piccoli cubetti e mettiamolo in un’ampia ciotola. Aggiungiamo quindi i pomodorini lavati e tagliati a pezzetti e il formaggio scelto sempre a cubetti. Condiamo il tutto irrorando con del buono olio, sale, pepe e una bella manciata di basilico oppure origano Suddividiamo la panzanella in piccole pirofile monoporzioni da poter mettere in forno leggermente unte. Passiamo le pirofile in forno caldo a 180gradi per circa 20 minuti, il tempo di renderle gustose all’occhio Ora non resta che sederci e deliziare i nostri palati con questa umile coccola…davvero ottima!!
8
Spaghetti, crema di peperoni all'arancia e baccalà
41
Lavare bene l'arancia, grattugiarne la buccia e spremerne il succo. Lavare il basilico, asciugarlo e staccare le foglie.Lavare e asciugare i peperoni e metterli in forno a 250° per 25 minuti circa. Farli raffreddare, togliere la pelle e i semi e frullarli con un frullatore ad immersione, fino ad ottenere una crema omogenea, insieme alla buccia e al succo dell'arancia, al basilico (tenerne da parte alcune foglie per guarnire i piatti), alle acciughe e ai capperi. Aggiustare eventualmente il sapore con sale e pepe.Far tostare il pane grattugiato insieme ad un cucchiaio di olio e mettere da parte. Sciacquare e asciugare il filetto di baccalà, poi farlo cuocere in una pentola antiaderente calda per circa 3 minuti per lato. Ridurlo poi in piccoli pezzi. Aggiustare eventualmente di sale e pepe, se necessario.Cuocere gli spaghetti in abbondante acqua salata. In una pentola capiente trasferire il condimento a base di peperoni e farlo scaldare insieme al baccalà, tenendone da parte qualche tocchetto. Scolare la pasta al dente, basterà un minuto in meno, tengono davvero bene la cottura, e trasferirla in questa pentola. Farla insaporire per qualche minuto aggiungendo qualche cucchiaio di acqua di cottura.Impiattare aggiungendo il pesce tenuto da parte, le foglioline di basilico, il pane tostato e concludere con un filo d'olio. Ed ecco che questi meravigliosi spaghetti, con grano selezionato e coltivato completamente in Italia, sono pronti per essere gustati in tutta la loro bontà!
9
Spatola gratinato con quenelle di patate viola
23
Sbucciamo la melenzana e ne ricaviamo delle sottili striscioline che lasciamo a spurgare in acqua e sale. Scoliamo, asciughiamo e friggiamo in olio di semi. Peliamo le patate, le laviamo e le mettiamo a bollire in acqua salata. Nel frattempo prepariamo un trito di pane raffermo, capperi dissalati, formaggio ragusano e qualche ciuffetto di timo.Quando con una forchetta riusciamo a penetrare le patate, le scoliamo e le versiamo in un mixer con il grana grattugiato, due fiocchi di burro, sale e pepe.Laviamo la spatola (l'ho fatta pulire dal pescivendolo) sotto l'acqua corrente, ne ricaviamo dei filetti che asciughiamo con carta assorbente. In una pirofila versiamo un filo d'olio evo e quindi cominciamo a riporre i filetti, dopo averli panati nel trito di pane e ragusano, copriamo con il ripieno rimasto, versiamo un filo di olio evo ed inforniamo a 180°C per 10 minuti.
10
Torta nera della nonna
La sera taglio il pane a tocchetti, lo metto in una terrina e ci verso sopra il latte, do una mescolata e lascio in frigo fino alla mattina successiva. Metto anche a bagno l’uvetta con quattro cucchiai di rum, ma si può usare acqua se non piace il rum. Il giorno dopo, tiro fuori la terrina dal frigo e schiaccio un po’ il pane, che a quel punto è molto cedevole, con il cucchiaio. Poi lo “pugnalo” ripetutamente e in più punti (ho visto troppo Criminal Minds) con il frullatore a immersione, cercando di ridurlo nella poltiglia più omogenea possibile. Non è bello da vedere, ma migliorerà, bisogna aver fiducia. A questo punto aggiungo il cacao, lo zucchero, l’amido di mais e l’uvetta e mescolo accuratamente. Questa volta avevo anche mezza mela che aspettava di fare una fine qualsiasi e l’ho messa dentro. Volendo ci si può sbizzarrire,si potrebbe aggiungere della frutta secca o dei canditi o anche dell’altra frutta fresca, il limite è la fantasia. A questo punto, non resta che rivestire una tortiera di carta forno, versarci dentro l’impasto, livellarlo bene e spargerci sopra due cucchiai di zucchero o più, perché durante la cottura si formi una crosticina croccante. No, non si può far senza. Se si vuole un dolce con meno grassi ancora, si può utilizzare il latte scremato o vegetale, ma dalla crosticina non si può prescindere! Inforno a 180° per 40 minuti circa, durante i quali si spande per casa un profumo di zucchero e cacao che mi scatena l’acquolina come poche altre cose al mondo, lascio raffreddare, se riesco, e divoro con gran gusto!
11
Polpette di tacchino e olive al limone
28
Riunire in una ciotola il macinato di tacchino, il pane ammollato nell'acqua e ben strizzato, il parmigiano grattugiato, il prezzemolo tritato, il sale e l'uovo. Amalgamare fino ad ottenere un impasto omogeneo.Formare le polpettine, mettendo al centro di ognuna un'oliva (io ho usato delle taggiasche, ma qualsiasi oliva denocciolata va bene) e poi infarinarle.Dorare le polpette in padella con due cucchiai di olio extravergine, girandole spesso, all'inizio con delicatezza, per evitare che si rompano. Una volta che sono compatte, aggiungere la scorza e il succo di limone e completare la cottura.