0Filtri

Cancella tutto

Ingredienti

Tempo

Calorie

Carboidrati

Grassi

Proteine

Colesterolo

Latte

Glutine

Uova

Soia

Grano

Crostacei

Arachidi

Frutta a guscio

Pesce

Verdura

Mostra tutte

Antipasti

Primi piatti

Secondi piatti

Contorni

Zuppe

Insalate

Salse e condimenti

Pizze e torte salate

Dolci

Bevande

Vegana

Vegetariana

Cucine regionali

Cucine internazionali

233Risultati per "pepe bianco"

0
Risotto cacio e pepe
Innanzitutto preparare il brodo vegetale (per me con sedano cipolla carota). In una padella antiaderente scaldare un filo di olio e senza aggiungere altro, far tostare il riso per 2 minuti. Bagnare con il vino bianco e far sfumare. Aggiungere quindi qualche mestolo di brodo man mano che il riso lo asciuga e continuare quindi la cottura. A parte grattugiare il pecorino. Quando il risotto avrà raggiunto il grado di cottura desiderato, spegnere il fuoco e mantecare con una noce di burro e il pecorino. Servire subito con una bella spolverata di pepe nero appena macinato. Se vi siete ricordati di lasciare da parte qualche scaglia di pecorino usatela per decorare il piatto!
1
Medaglioni di purè, emmenthal e nocciole
4
Mettere il purè in una terrina, aggiungere tutti gli altri ingredienti e amalgamare per bene. Regolare di sale e aggiungere un pizzico di pepe.Foderare una teglia con carta forno, spennellarla di burro fuso e cospargerla di pangrattato.Con un coppa pasta leggermente unto di burro e appoggiato sulla teglia formare i medaglioni dello spessore di circa 1 cm avendo cura di compattarli per bene con il dorso di un cucchiaio unto di burro fuso. Procedere alla stessa maniera sino ad esaurimento del composto, cospargere la superficie con un pizzico di pangrattato.Cuocere in forno preriscaldato a 180° per circa 20 minuti, passare poi 5 minuti (o sino a doratura) al grill.
2
Capesante al beurre blanc e marsala
1
Asciugate accuratamente le capesante e condire con sale e pepe. Scaldare una padella e aggiungere l'olio d'oliva. Grigliate le capesante da un lato e poi dall'altro. Il tempo per griglare varia a seconda delle dimensioni delle capesante, devono essere dorate, ma il processo deve essere veloce. Togliete dalla padella e mettere da parte.Ora, in un pentolino, aggiungete la cipolla tritata finemente insieme con il vino e l'aceto e lasciate a fuoco basso in modo che il liquido comincia a evaporare. Non c'è bisogno di aggiungere sale. Ridurre fino a quando c'è solo uno o due cucchiai di questa salsa. In quel momento andare con l'aggiunta di cubetti di burro, uno alla volta, ed emulsionare con l'aiuto di una frusta.Servite le capesante nel loro conchiglie, cospargere con lasalsa beurre blanc e guarnire con le mandorle tritate.
3
Polpette di cavolfiore e nocciole con olio extrave
6
Lessare il cavolfiore per circa 20 minuti. Farlo raffreddare e tritarlo (o schiacciarlo con una forchetta).Tostare le nocciole e tritarle grossolanamente.Metterlo in una terrina e unire tutti gli altri ingredienti, aggiungere la mollica del pane sino ad ottenere un impasto dalla consistenza morbida. Regolare di sale e pepe. Formare delle polpette e passare nel pangrattato facendolo aderire bene a tutta la superficie.Preriscaldare il forno a 220°. Ungere con olio extravergine di oliva al limone una teglia foderata di carta forno, disporvi sopra le polpette e irrorarle con un filo d’olio. Cuocere le polpette per 20 minuti e poi passare al grill 3/4 minuti per lato sino a che non risulteranno ben dorate.
4
Penne integrali gratinate con cavolfiore e asiago
4
Cuocere le penne in abbondante acqua salata, scolandole al dente.Fate appassire in un tegame la cipolla tritata con il burro, aggiungere le cimette di cavolfiore sminuzzate, farle insaporire per qualche minuto, quindi bagnare con qualche cucchiaiata di latte caldo e far cuocere sino a che il cavolfiore diventerà molto tenero. Salare, pepare e aggiungere un pizzico di noce moscata.Versare la pasta nel tegame con il cavolfiore, aggiungere l’Asiago tagliato a dadini, il parmigiano e mescolare sino a che il formaggio inizia a sciogliersi. Passare il tutto in una teglia da forno, spolverare con pangrattato e Parmigiano e far gratinare per 5 minuti.
5
Piadina ai pomodori verdi, uva, brie e noci
5
Preriscaldare il forno a 200°Mettere una piadina già pronta (o fatta in casa!) su un foglio di carta da forno e poi sulla leccarda del fornoLavare e Affettare un pomodoro verde oblungo sottilmente, sciaquare poche foglie di rucolaLavare e staccare gli acini di un grappolino di uva bianca senza semiTagliare due fettine dello spessore di mezzo centimetro di formaggio brie, tagliare ogni fettina in parti più piccoleSciacquare e staccare poche foglioline di un rametto di rosmarino frescoMettere sulla piadina uno strato di fettine di pomodoro e salarleprocedere aggiungendo gli acini di uva interi (o tagliati a metà), qualche aghetto di rosmarino, tre noci sbriciolate anche con le mani, i pezzetti di formaggio brie precedentemente tagliati, e qualche fogliolina di rucolaSpolverare con una macinata di pepe bianco se piace e un filo di olioInfornare nel forno già caldo per 10 minuti, l'uva assumerà un colore dorato, le noci cominceranno a tostarsi senza bruciare e il formaggio comincerà a sciogliersi, creando una golosa cremina morbida, buon appetito!😋
6
Carbonara
2
Mettiamo una pila con l’acqua e saliamo leggermente portiamo a bollore e buttiamo la pasta e cuociamola al dente. Nel frattempo che la pasta cuoce tagliamo il guanciale a cubetti, in una padella mettere olio e il guanciale facciamo rosolare il guanciale e successivamente sfumiamo con il vino, facciamo andare fino a quando l’odore del vino non sarà svanito.In una bowl sbattere le uova con il parmigiano, pecorino, sale e pepe. Quando la pasta è al dente scoliamola lasciandoci una tazza di acqua della pasta, buttiamo quindi la pasta all’interno della padella e saltiamola (amalgamare il tutto con due forchette); poi aggiungi il composto, facendo cuocere per pochi secondi aggiungendo due o tre cucchiai di acqua della pasta e continuiamo a mescolare fino a quando l’uovo non sarà ben legato e liscio.Possiamo servire con dei cubetti di guanciale precedentemente tostato e messo a decorazione con una spolverata di pepe.
7
Gnocchi di patate rosse con crema di melanzane
4
Laviamo le patate, le immergiamo in una pentola con acqua fredda e le lasciamo lessare sin quando la forchetta non riesce a penetrarne la parte superficiale. Mentre le patate cucinano, in una tazzina, diluiamo con dell'acqua un cucchiaino di concentrato di pomodoro. Le patate delle dimensioni che vedete in foto le ho lasciate cuocere per circa 40 minuti. Spelliamo le patate, cercando di non farle raffreddare troppo, e passandole nello schiacciapatate le uniamo alla farina. Alla farina e le patate schiacciate incorporiamo un tuorlo, il concentrato di pomodoro ed un pizzico di sale. Lavoriamo il composto con le mani sino ad ottenere una palla omogenea. Adesso prepariamo un piano di lavoro, spolverandolo con della farina 00, quindi preleviamo una parte dell'impasto per farne delle striscioline che poi tagliamo con un coltello in tanti rettangolini o quadratini.Adesso spingiamo con il pollice ogni quadratino su una forchetta, dalla parte concava sino all'estremità della stessa. Alla fine di questa operazione lo gnocco deve presentare un incavo ed il dorso segnato dai rebbi della forchetta. Predisponiamo un vassoio con un canovaccio su cui riporre gli gnocchi, man mano che li prepariamo. Una volta riempito il vassoio, spolveriamo con farina 00 e copriamo.Peliamo una melanzana, la tagliamo a tocchetti e la lasciamo spurgare in acqua salata. In un saltapasta rosoliamo, in olio evo, uno scalogno e dopo aver asciugato i tocchetti di melanzana li aggiungiamo all'olio. Li lasciamo soffriggere per un paio di minuti, quindi sfumiamo con del vino bianco e continuiamo la cottura sin quando i tocchetti non si sono ammorbiditi e colorati per bene.Mettiamo l'acqua a bollire in una pentola, e nel frattempo traferiamo le melanzane nel mixer, insieme alle foglie di basilico, il grana, il pepe bianco grattugiato e un goccio di olio evo. Mixiamo e regoliamo di sale, quindi versiamo la crema nel saltapasta. Cuociamo, gli gnocchi nell'acqua bollente, dopo averla salata, e quando vengono a galla (generalmente dopo qualche minuto) con la schiumarola li uniamo alla crema nel saltapasta. Dopo aver saltato gli gnocchi con la crema, impiattiamo spolverando con la ricotta salata.
8
Sformatini di verza con fonduta
36
Eliminate le foglie esterne e la costola centrale della verza che potrebbero risultare troppo dure, lavate le foglie e tagliatele a listarelle sottili. Tritate finemente la cipolla e poi fatela rosolare in una padella con l’olio extravergine d’oliva. Aggiungete la verza tagliata a listarelle, insaporite con sale, pepe e alloro. Coprite con il coperchio e lasciate stufare per circa 20 minuti, aggiungendo ogni tanto durante la cottura qualche cucchiaio di acqua calda.Quando la verza risulterà morbida, spegnete il fuoco e lasciatela raffreddare. Trasferitela in una ciotola, unite la panna, le uova, il prezzemolo e frullate tutto fino a ottenere un composto omogeneo. Aggiustate di sale. Imburrate degli stampini individuali di alluminio oppure utilizzate quelli in silicone e versatevi il composto di verza. Disponeteli in una teglia piena per due terzi d’acqua, e cuocete in forno preriscaldato a 170°C a bagnomaria per 50 minuti.Mentre i tortini cuociono nel forno preparate la fonduta. Portate il latte a bollore e unitevi la maizena già stemperata in pochissima acqua fredda. Aggiungete la fontina tagliata a dadini piccoli e spegnete subito il fuoco. Mescolate bene con la frusta finché il formaggio non risulterà completamente sciolto. Spolverate con un pizzico di pepe.Sfornate i tortini, capovolgete delicatamente sui piatti singoli e servite accompagnati con la fonduta calda.
9
Risotto con zucchine, fiori di zucca e salsiccia
32
Lavare e mondare le zucchine, privarle di buona parte della parte bianca interna e utilizzare la parte verde. Tagliare quest'ultima a piccoli tocchettini. Aprire i fiori di zucca, togliere il pistillo, lavarli e tamponarli molto delicatamente. Tagliarli a striscioline. Sbriciolare con le mani la salsiccia. Tritare finemente lo scalogno.In una padella antiaderente scaldare un filo d'olio, far rosolare una piccola parte dello scalogno e unire quindi le zucchine. Far cuocere a fuoco vivace per circa 4/5 minuti aggiustando di sale e mescolando spesso. Non appena pronte (devono esser ancora croccanti) cospargere con le foglioline di timo. Mettere da parte.In una piccola pentola anti aderente far rosolare bene, senza condimento, la salsiccia sbriciolata finché non risulterà croccante. n un altra pentola far scaldare un filo d'olio e lo scalogno. Una volta rosolato, aggiungere il riso e farlo tostare. Aggiungere poi poco brodo alla volta e mescolare spesso. Quando manca 5 minuti alla cottura del riso, aggiungere 3/4 delle zucchine e 3/4 della salsiccia.A fine cottura mantecare con il parmigiano, aggiungere lo zafferano sciolto in poco brodo caldo. Aggiustare di sale e pepe e aggiungere 3/4 dei fiori delle zucchine tagliati. Impiattare decorando con la salsiccia rimasta, i fiori delle zucchine e le zucchine.
10
Gnocchi sardi crema di zucchine tartare di gamberi
21
Ponete una pentola capiente con acqua salata sul fuoco per cuocere la pasta.Lavate ed asciugate le zucchine . Una la tagliate a fettine oppure dadini o a mezza luna, l'altra la dividete in 4 parti servirà per preparare la crema.In una padella antiaderente aggiungete l'olio evo lo scalogno tritato molto finemente e le zucchine tagliate . Cuocete a fiamma vivace per 4/5 minuti. Regolate di sale.Nel frattempo in un robot da cucina tipo bimby mettete la zucchina tagliata in 4 sale pepe e un pò d'acqua di cottura e fate cuocere a "varoma" per circa 5 minuti . Frullate e poi a filo aggiungete l'olio evo. Regolate eventualmente di sale e pepe , tenete da parte.Pulite i gamberetti privateli del budello sciacquateli e tritateli molto finemente . Volendo potete lasciarli marinare in olio evo e aromi a piacere .Lavate e tagliate i pomodorini , privateli dei semi si metteranno a crudo per dare freschezza .Scolate molto al dente la pasta saltate in padella con le zucchine tagliate unite i pomodorini a pezzetti e la crema di zucchine . Regolate di sale e pepe q.b. e prezzemolo tritato (facoltativo)Impiattate e sulla superficie adagiate la tartare di gamberetti. Volendo potete utilizzare un coppapasta per avere una bella presentazione. Servire caldo.
11
Tonno in crosta su crema di avocado
5
Lavare il trancio di tonno e lasciarlo in una bacinella con olio evo, una spruzzata di aceto balsamico, timo e mentuccia per una ventina di minuti.Iniziamo sbucciando e denocciolando l'avocado, quindi lo tagliamo a cubetti. Tritiamo un cipollotto e poi sbucciamo una punta di zenzero e riduciamo anche questo a tocchetti. Mettiamo tutto nel bicchiere del mixer, insieme al succo di mezzo lime, circa tre cucchiai di olio evo pepe bianco, pepe nero ed un pizzico di sale. Diamo una prima mixata, poi aggiungiamo due cucchiai e mezzo di yougurt greco e continuiamo a mixare sin quando non raggiungiamo una buona cremosità.Prepariamo una panatura con dei semi di sesamo, papavero e qualche granello di sale, mescoliamo e poi ci passiamo sopra le fettine di tonno. Riscaldiamo un padellino a fiamma viva e scottiamo le fettine di salmone panato, una 50ina di secondi per lato.