In una pentola , mettere acqua, burro e sale e portare a bollore. Quando gli ingredienti lo avranno raggiunto , allontanare il tegame dal fuoco e mettere la farina setacciata a pioggia. Rimettere sul fuoco e girare fino a quando non si sarà formata una crosticina sul fondo. Far raffreddare il composto e incorporare le uova sbattute con una forchetta , uno per volta, con un cucchiaio di legno oppure in caso si volesse utilizzare la planetaria, procedere con la foglia. In una sac a pôche, dotata di bocchetta a stella (io ho scelto la n. 2cm ) mettere la pâte a choux. Ritagliare dei quadrotti di carta da forno e formare degli anelli facendo un giro. In un pentolino , scaldare l’olio. La temperatura dovrà essere costante. Non dovrà superare i 170º. Così facendo , otterrete una zeppola asciutta e cotta all’interno . Mettere la zeppola nell’olio con la carta da forno rivolta verso l’alto . Quando si staccherà , togliere il quadrotto e girare dall’altro lato. Scolare su un foglio di carta paglia o carta assorbente da cucina. Riporre le zeppole su un vassoio , spolverare con dello zucchero a velo , farcire con la crema diplomatica , facendo un giro su stessa con la sac a pôche e guarnire con l’amarena sciroppata.
Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di san giuseppe

Senza Crostacei, Pesce, Verdura +6

Semi di sesamo

Carne di maiale

Molluschi

Olive

Sedano

Senape

Vegetariana

Preparazione

40

minuti

Cottura

40

minuti

Tempo totale

1:20

ore

Nutrizione

1228

chilocalorie

perpersone

  • 250 g
    Acqua
  • 250 g
    Farina
  • 100 g
    Burro
  • 6
    Uova
  • 1 L
    Olio di arachidi
  • 700 g
    Crema diplomatica
  • 1 g
    Amarene sciroppate
  • Quanto basta
    Zucchero a velo
  • 1 pizzico
    Sale fino

Preparazione

Presentazione

Le zeppole fritte sono un dolce ricco e dalla storia millenaria: il nome deriverebbe da Giuseppe che, in fuga verso l'Egitto con Maria e Gesù, per mantenere la famiglia si era dato al mestiere di "frittellaro". Per tale motivo, in tutta Italia, le zeppole fritte sono i dolci tipici della festa del papà. Questo bignè fritto , è un dolce amato da tutti . Le varianti sono molteplici: dal bignè fritto , a quello al forno; da quello con crema pasticcera Classica o diplomatica a quello al cioccolato. In occasione della festa del papà , per i miei commensali ho proposto la tradizionale páte a choux fritta , farcita con crema diplomatica. Una vera leccornia! Qui la ricetta tutta per voi: condividere è importante!

Step 1

In una pentola , mettere acqua, burro e sale e portare a bollore. Quando gli ingredienti lo avranno raggiunto , allontanare il tegame dal fuoco e mettere la farina setacciata a pioggia. Rimettere sul fuoco e girare fino a quando non si sarà formata una crosticina sul fondo. Far raffreddare il composto e incorporare le uova sbattute con una forchetta , uno per volta, con un cucchiaio di legno oppure in caso si volesse utilizzare la planetaria, procedere con la foglia.

Step 2

In una sac a pôche, dotata di bocchetta a stella (io ho scelto la n. 2cm ) mettere la pâte a choux. Ritagliare dei quadrotti di carta da forno e formare degli anelli facendo un giro. In un pentolino , scaldare l’olio. La temperatura dovrà essere costante. Non dovrà superare i 170º. Così facendo , otterrete una zeppola asciutta e cotta all’interno . Mettere la zeppola nell’olio con la carta da forno rivolta verso l’alto . Quando si staccherà , togliere il quadrotto e girare dall’altro lato.

Step 3

Scolare su un foglio di carta paglia o carta assorbente da cucina. Riporre le zeppole su un vassoio , spolverare con dello zucchero a velo , farcire con la crema diplomatica , facendo un giro su stessa con la sac a pôche e guarnire con l’amarena sciroppata.

Note

Per ottenere un’ottima pâte a choux , è molto importante essere attenti durante la fase di cottura del composto acqua , farina e burro . Più si formerà la crosticina sul fondo , migliore e veloce sarà la loro cottura. La pasta per le zeppole non dovrà risultare nè troppo molle , nè troppo dura. In caso di uova piccole , potrebbe presentarsi un impasto piuttosto duro . Pertanto , sarebbe opportuno aggiungere un altro uovo , così da avere il risultato desiderato .

Utensili

  • Pentola
  • Planetaria
  • Cucchiaio di legno
  • Pentolino
  • Carta da forno
  • Sac a pôche
  • Setaccio
  • Forchetta
  • Schiumarola

Valori nutrizionali I valori nutrizionali sono calcolati sulla singola porzione

Calorie
1228
kcal
Colesterolo
171
mg
 
 

Commenti

Per commentare una ricetta devi accedere.